Cuties di Netflix scatena una guerra culturale in una piccola città del Texas

2 anni fa

cuties netflix

Cuties di Netflix, conosciuto in Italia con il nome francese di Mignonnes, fa ancora parlare di sé.

Cuties di Netflix è di nuovo sotto i riflettori a Woodville, una piccola città nella foresta del Texas orientale. Con una popolazione di circa 2.500 abitanti, ospita il tribunale della contea di Tyler, dove due giudici di circoscrizione dividono il loro tempo con altre contee.

Woodville è, in altre parole, un luogo improbabile per una guerra culturale su un film francese. Ma martedì, Lucas Babin, il procuratore distrettuale della contea di Tyler, ha annunciato di aver incriminato Netflix con l’accusa di distribuzione di contenuti osceni.

Ha detto di aver sentito delle controversie sulle scene provocatorie in Cuties. Il film, su una ragazza di 11 anni che si unisce a una compagnia di danza parigina in ribellione contro la sua tradizionale famiglia senegalese, è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival a gennaio e ha iniziato lo streaming su Netflix il mese scorso.

Babin lo guardò e decise che superava il limite e che doveva agire. In tal modo, ha avviato una battaglia ad alto rischio sull’oscenità nell’era dello streaming, testando se gli standard locali possono essere applicati a un gigante dell’intrattenimento globale.

Babin gestisce un minuscolo ufficio: lui stesso, un vice e un altro avvocato. È stato eletto nel marzo 2018, assumendo un ufficio in disordine con un grande arretrato di casi di droga.

All’epoca Babin aveva 38 anni ed era avvocato da soli tre anni. Era tornato a casa dopo una carriera come modello di moda e attore di soap opera a Hollywood e in Brasile. Era anche il figlio di Brian Babin, il membro del Congresso repubblicano locale, e sconfisse facilmente due sfidanti più esperti.

Alcuni vedono l’accusa a Netflix come un segno che Lucas Babin stia cercando un incarico più alto.

Lui si sente davvero un bravo bambino conservatore che potrà dire: guarda cosa ho fatto a questi pervertiti film malvagi della California. Ha detto Tom Roebuckun avvocato a Beaumont, Texas, che ha suggerito che Babin potrebbe candidarsi al Congresso quando suo padre andrà in pensione.

Roebuck aveva anche predetto che Babin si sarebbe trovato sommerso da scartoffie di potenti avvocati che avrebbero fatto appello al Primo Emendamento e che era improbabile che il caso andasse da qualche parte.

Che cosa intendono ottenere? Netflix sta spendendo Dio solo sa quanti soldi per questo film. Non so se in quella contea hanno le risorse per un caso del genere. Ha chiesto Roebuck.

Netflix è stato accusato in base a uno statuto del Texas che vieta la distribuzione di materiale osceno di bambini minorenni che non ha alcun valore letterario, artistico, politico o scientifico serio. La pena massima per una società condannata per un simile crimine in Texas è una multa di $ 20.000 – una miseria per una società da $ 200 miliardi.

In teoria, il pubblico ministero potrebbe anche chiedere una sanzione pari al doppio dei profitti dello streamer dal film, se tale cifra potesse essere determinata.

Se Netflix dovesse perdere la causa, concederebbe effettivamente ai pubblici ministeri locali un veto sulle offerte di contenuti dello streamer. Questo è molto più significativo di una piccola multa, ed è quindi improbabile che Netflix cerchi alcun tipo di patteggiamento.

Mark W. Bennett, un avvocato di Houston con una vasta esperienza in casi di libertà di parola, ha previsto che lo streamer prevarrà.

 

 

Stranger Things 4: il dietro le quinte della scena “Running Up That Hill”
Stranger Things 4: il dietro le quinte della scena “Running Up That Hill”
Stranger Things 5: i fratelli Duffer confermano che ci sarà un salto temporale
Stranger Things 5: i fratelli Duffer confermano che ci sarà un salto temporale
Stranger Things 4: sette canzoni della serie TV che riportano negli anni Ottanta
Stranger Things 4: sette canzoni della serie TV che riportano negli anni Ottanta
The Umbrella Academy 3: dietro le quinte della  sfida Footloose
The Umbrella Academy 3: dietro le quinte della sfida Footloose
La Casa di Carta: Corea, la recensione di una lettera d'amore all'originale
La Casa di Carta: Corea, la recensione di una lettera d'amore all'originale
Stranger Things 4 volume 2: il poster mostra Undici contro Vecna
Stranger Things 4 volume 2: il poster mostra Undici contro Vecna
Stranger Things 4: backstage col Production Designer Chris Trujillo
Stranger Things 4: backstage col Production Designer Chris Trujillo