Rifkin’s Festival, il nuovo film di Woody Allen esce il 5 novembre in Italia

3
5 Ottobre

woody allen Rifkin festival

Il nuovo film di Woody Allen, Rifkin’s Festival, girato in Spagna, arriva al cinema in Italia il 5 novembre.

Il nuovo film di Woody Allen, Rifkin’s Festival, fa direttamente riferimento a uno dei classici europei di Luis Buñuel, L’Angelo Sterminatore. La nuova storia narrata da Woody Allen arriverà in Italia prima di quanto ci aspettassimo e uscirà al cinema il 5 novembre, per Vision Distribution.

Presentato in anteprima al Festival di San Sebastian, che è anche la cornice delle vicende del film, Il protagonista della storia è Mort Rifkin (Wallace Shawn), un ex professore appassionato di cinema sposato con Sue (Gina Gershon), addetta stampa di cinema.

Il loro viaggio al Festival di San Sebastian, è rovinato dal sospetto che il rapporto di Sue con un giovane regista suo cliente, Philippe (Louis Garrel), non sia solo professionale. Questo permetterà a Mort di riflettere a fondo sulla sua vita e infine di andare oltre il blocco che gli impedisce di scrivere il suo primo romanzo.

Per gli appassionati di Woody Allen è un sollievo riferire che questo film è, usando una metafora, come per un prigioniero affamato trovare una scorta inaspettata di dessert; non sostanzioso e non nutriente, ma abbastanza dolce da ricordarti di sfuggita i bei tempi che ha avuto questo regista soprattutto all’inizio della sua carriera.

Non è difficile capire perché il Festival di San Sebastián abbia scelto il film di Woody Allen come film di apertura. Da quando Brian De Palma ha ambientato Femme Fatale (2002) a Cannes non c’è stato un film così simbioticamente legato a un festival, e questa volta nessuno viene derubato nei bagni.

Durante tutto il corso del film, i personaggi fanno di tutto per raccontare quanto sia bello il festival, spesso stando in piedi di fronte a uno dei tanti punti di riferimento della città o a bei paesaggi, o nei caffè con terrazza, nelle suite e nelle grandi scale del favoloso Hotel Maria Cristina.

Come abbiamo anticipato prima, il protagonista Mort Rifkin nonostante si trovi in questa deliziosa cornice, non si sta divertendo. I dintorni sono incantevoli, così belli che la decisione del direttore della fotografia Vittorio Storaro di aggiungere ancora più grinta ambrata alle immagini è alquanto discutibile quando c’è così tanto sole spagnolo prontamente disponibile.

woody allen Rifkin festival

Come dice al suo terapeuta nella voce fuori campo, è andato a San Sebastián solo per tenere d’occhio la moglie pubblicista. Sue si prende un po ‘troppa cura del suo cliente, un regista eccentrico interpretato dall’attore più sexy di Francia, Louis Garrel, e si chiama Philippe, proprio come il padre regista di Louis.

Il flirt di Sue e Philippe ha due effetti sull’ipocondriaco Mort. Per prima cosa immagina di avere problemi cardiaci, quindi visita un cardiologo, il dottor Jo Rojas (Elena Anaya). Non aspettandosi che il suo cardiologo sia una donna ne rimane infatuato, ancora di più quando scopre che anche lei ama i film classici.

La cardiologa inoltre disprezza il film di Philippe, ha dimestichezza con New York City e sta vivendo problemi coniugali proprio come lui. Questi problemi sono causati dal suo infedele marito pittore, Paco, interpretato da Sergi López che ricorda l’archetipo spagnolo che Allen aveva abbracciato in Vicky Cristina Barcelona.

Ogni notte Mort sogna reinterpretazioni vividamente letterali dei film classici che ama, con se stesso, Sue, Philippe e Jo che interpretano i ruoli chiave. Alcuni sono pretenziosi e divertenti. In momenti in cui si rivede nelle sequenze di Fino all’ultimo respiro (1960 scritto e diretto da Jean-Luc Godard) o di Persona (1966 diretto da Ingmar Bergman) in cui Sue e Jo parlano in svedese per lamentarsi dell’amore di Mort per i sottotitoli, ci sono barlumi della cinefilia più anarchica dei primi Allen.

 

 

 

 

Aree Tematiche
Cinema Entertainment News
Tag
lunedì 5 Ottobre 2020 - 9:34
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd