Encelado: ghiaccio fresco sulla luna di Saturno

2
21 Settembre

Encelado

Gran parte del ghiaccio su Encelado è fresco suggerendo la possibilità che internamente la luna di Saturno è attiva: l’acqua emerge dal sottosuolo e diventa ghiaccio.

Gli astronomi osservando Encelado attraverso le lunghezze d’onda dell’infrarosso hanno scoperto che buona parte del ghiaccio presente in superficie è ghiaccio fresco. Questo potrebbe indicare un’attività interna che spinge l’acqua verso l’esterno. L’acqua una volta fuori si raffredda diventando ghiaccio.

Encelado è una delle lune di Saturno ha una superficie frastagliata disseminata di gole e voragini.

Queste fratture sono generate dalle forze di marea sulla luna mentre orbita attorno a Saturno.

Saturno attira e allontana Encelado che in questo modo si riscalda internamente. Questa attività crea delle crepe nel ghiaccio superficiale al polo sud.

Il riscaldamento interno della luna mantiene liquida l’acqua che poi viene espulsa attraverso i geyser sputano acqua.

 

L’acqua una volta giunta in superficie si congela creando un nuovo strato di ghiaccio.

 

Il team con a capo Rozenn Robidel dell‘Università di Nantes in Francia ha scoperto una firma particolare di questo ghiaccio nello spettro degli infrarossi.

Il ghiaccio osservato è cristallino, quindi le molecole sono ordinate su un reticolo geometrico,  e si distribuisce uniformemente su tutta la superficie di Encelado, compreso il polo nord.

La maggior parte del ghiaccio che si forma nello spazio è amorfo, con molecole disordinate e ingarbugliate, questo perché le temperature sono molto basse e le molecole si congelano quando urtano tra di loro.

 

Nel 2005, la sonda Saturno Cassini ha scoperto pennacchi di acqua salata fuoriuscire da quattro enormi voragini parallele nel polo sud della luna.

 

Questa attività sembra essere collegata a queste creste, che hanno appena pochi milioni di anni di vita, consentendo così di dedurre l’età della superficie in queste regioni.

 

L’infrarosso ci mostra che la superficie del polo sud è giovane, il che non è una sorpresa perché sapevamo dei getti che esplodono materiale ghiacciato lì. Ora, grazie a questi occhi a infrarossi, puoi tornare indietro nel tempo e dire che anche una grande regione dell’emisfero settentrionale appare giovane e probabilmente era attiva non molto tempo fa, nelle linee temporali geologiche.

ha detto l’astronomo Gabriel Tobie dell’Università di Nantes.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Icaro.

 

 

Aree Tematiche
Astronomia News Scienze
Tag
lunedì 21 Settembre 2020 - 14:27
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd