Le scorie radioattive sono il segreto per ottenere batterie che non si devono mai ricaricare

40
2 anni fa

batteria eterna

Scorie radioattive potrebbero venire presto raffinate in batterie ai nano-diamanti, garantendo al mondo delle pile che non si esauriranno virtualmente mai.

A rendere noto il progetto è l’azienda californiana NDB, la quale, alla forsennata ricerca di investitori, si impone di mettere in circolazione i primi generatori radioattivi nell’arco di soli due anni, nonché ambisce a creare entro il 2040 un mondo in cui i carburanti fossili saranno inutili.

Nella loro essenza, le batterie di NDB sono composte da grafite compattata con tanta energia da trasformarsi in diamante. I diamanti artificiali sono comunemente utilizzati nel ramo della gioielleria e in alcuni peculiari riti funebri, ma quelli creati nei laboratori NDB hanno una particolarità che li rende unici: sono radioattivi.

La materia prima utilizzata nel processo viene infatti recuperata dalle superfici interne dei reattori nucleari. La grafite, esposta alle radiazioni del nocciolo, si carica di radioattività fino a divenire radiocarbonio, un materiale che nel decadere emette costantemente elettroni ad azoto.

I nano-diamanti vengono quindi disposti su un supercondensatore miniaturizzato capace di accumulare grandi quantità di elettricità e vengono isolati da una guaina isolante di diamanti ricavati da normali isotopi di carbonio, così da evitare ogni forma di perdita radioattiva.

 

 

Le stime di NDB sulla durata delle batterie sono attualmente molto ambigue e altalenano a seconda del formato dai nove ai 28.000 anni di carica elettrica. Una volta esaurite, queste tornano a essere dei comuni blocchi di grafite e possono essere smaltite senza alcun rischio.

Con il suo prodotto, l’azienda californiana mira a insediarsi in ogni ramo della nostra vita: dall’automotive alla telefonia, dalla tecnologia aerospaziale a quella ospedaliera.

Il primo prototipo commerciale delle batterie radioattive a bassa potenza ai nano-diamanti dovrebbe raggiungere i mercati in meno di due anni, mentre l’omologo ad alta potenza richiederà tempistiche maggiori, tempistiche che comunque sono calcolate sui cinque anni.

Nel suo proporsi agli azionisti, NDB ammicca non poco ai ricchi finanziatori arabi, i quali, oltre a vantare ingenti risorse, stanno iniziando a fare i conti con il fatto che i pozzi petroliferi sono sulla strada del prosciugamento e cercano nuove vie in cui incanalare i propri interessi economici.

 

 

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

La prima batteria a sabbia è realtà in Finlandia
La prima batteria a sabbia è realtà in Finlandia
Mattoni diventano piccole batterie? Possibile grazie alla nanotecnologia
Mattoni diventano piccole batterie? Possibile grazie alla nanotecnologia
Il nuovo diodo magnetico potrebbe far durare le batterie fino a 100 volte di più
Il nuovo diodo magnetico potrebbe far durare le batterie fino a 100 volte di più
Le Centrali Termoelettriche
Le Centrali Termoelettriche
Il carica-cellulare da 20 secondi
Il carica-cellulare da 20 secondi
Il carica-cellulare da 20 secondi
Il carica-cellulare da 20 secondi

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.