App per incontri, se hai un iPhone cucchi di più: fino al 76%

10 mesi fa

Forse le dimensioni non contano – come recita un vecchio detto -, ma certamente un iPhone sì. Secondo un recente studio, gli utenti che utilizzano iPhone “cuccano” di più sulle varie piattaforme di incontri. Se usi un BlackBerry non hai praticamente speranza.

Più nel dettaglio, lo studio condotto da CompareMyMobile indica che i proprietari di iPhone, Apple Watch e AirPods di Apple – e che quindi hanno registrato questi device nei loro profili nelle varie app per incontri – erano fino al 76% più attraenti rispetto agli altri utenti.

La ricerca ha analizzato i risultati di 50.000 “swipe e match” sulle più popolari app di appuntamenti. Il sito ha analizzato gli incontri virtuali fra profili identici dove l’unica differenza era il marchio tecnologico che veniva mostrato. Secondo i risultati, avere un iPhone ha aumentato del 76% le possibilità di un utente di ricevere uno “swipe a destra”. Apple Watch ha contribuito per il 61%, mentre gli AirPods hanno contribuito per il 41%.

Per quanto riguarda i dispositivi Android, bene Samsung: mostrare nel profilo di avere un device del colosso coreano ha inciso positivamente, incrementando la possibilità di avere un appuntamento del 19%.

Ma non per tutti i device Android è lo stesso: i dispositivi Google, ad esempio, hanno ridotto del 10% le possibilità di un utente di essere scelto. I dispositivi Sony lo hanno ridotto del 14%, i telefoni Huawei lo hanno ridotto del 23% e i dispositivi OnePlus lo hanno ridotto del 30%.

Il peggior dispositivo da mostrare in un profilo di appuntamenti, secondo lo studio, è un BlackBerry. Avere un BlackBerry ha un impatto negativo sulle possibilità di essere “abbinati” fino al 74%.

Altri risultati dello studio suggeriscono che sono più le donne ad essere influenzata da che tipo di smartphone possiede lo spasimante di turno rispetto ai maschietti.

 

Facebook mostra le percentuali che Apple e Google si ritagliano sui ricavi dei creator
Facebook mostra le percentuali che Apple e Google si ritagliano sui ricavi dei creator
Apple risarcisce una cliente per aver diffuso le sue foto intime sulla Rete
Apple risarcisce una cliente per aver diffuso le sue foto intime sulla Rete
Epic vs Apple: il primo giorno è stato il trionfo dei troll di internet
Epic vs Apple: il primo giorno è stato il trionfo dei troll di internet
App Store, Apple rischia una multa da 27 miliardi dall'UE
App Store, Apple rischia una multa da 27 miliardi dall'UE
iTunes: Apple trascinata in causa per l'uso del termine "compra"
iTunes: Apple trascinata in causa per l'uso del termine "compra"
App Store: Apple ha sminuito l'impatto sulle app truffaldine
App Store: Apple ha sminuito l'impatto sulle app truffaldine
Google, dark mode per l'autenticazione a due fattori su Android
Google, dark mode per l'autenticazione a due fattori su Android