Elon Musk ha fatto impiantare un apparecchio Neuralink in alcuni maiali

29 Agosto

neuralink maiale

Neuralink ha messo in mostra i primi risultati delle sue ricerche sugli impianti neurali esibendo in live dei maiali cyberpunk.

Come promesso solo pochi giorni fa dal suo fondatore, Elon Musk, questa notte l’azienda di neurotecnologia ha imbastito un video-evento per dimostrare a tecnici e giornalisti lo stato di maturazione dei suoi apparecchi. Per farlo ha portato in scena tre suini, uno dei quali dotato di un innesto funzionante.

Joyce, Gertrude e Dorothy rappresentavano rispettivamente il soggetto di controllo, l’animale munito di innesto e la creatura a cui l’innesto era stato impiantato e poi rimosso.

Il primo, un generico maialino, serviva solamente per garantire un confronto sul normale comportamento delle cavie, ma gli altri due esemplari sono stati in grado di offrire preziose informazioni su come stia evolvendo la ricerca di Neuralink.

 

neuralink

 

L’impianto mostrato ha la parvenza di una moneta da cui fuoriescono sottilissimi fili. Questi “fili” vengono quindi inseriti attraverso il cranio, a pochi millimetri nella superficie cerebrale, così che possano rilevare o causare gli impulsi neurali.

Nel caso di Gertrude, l’apparecchio era collegato alla parte del cervello connessa al grugno dell’animale. In prossimità di cibo, il maiale ha iniziato a grufolare forsennatamente, offrendo tutta una serie di impulsi che sono stati trasmessi in wireless e  tradotti in dati leggibili.

 

neuralink

 

Ancor più interessante è stata forse Dorothy, la quale, reduce dell’operazione di rimozione, non ha mostrato segni visibili di danni al cervello. Questo sarà importante per gli utenti umani, i quali potranno così decidere liberamente di rimuovere o aggiornare i propri apparecchi.

Quello che Dorothy è in grado di illustrare è come puoi inserire un Neuralink, rimuoverlo, ed essere comunque in salute, felice e indistinguibile da un maiale normale,

ha fatto notare Musk.

A prima vista è difficile comprendere quanto i maiali siano davvero usciti incolumi dagli interventi subiti e tutto da a intendere che la ricerca necessiti ancora di molti passi prima di poter avvicinarsi agli esperimenti sull’uomo, ma la presentazione di Neuralink è certamente riuscita a catalizzare la curiosità degli esperti.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Aree Tematiche
Hardware Medicina News Scienze Tecnologie Wearables
Tag
sabato 29 Agosto 2020 - 14:25
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd