Google Play Music chiude a ottobre: tempo fino a dicembre per migrare su YouTube Music

5 Agosto

Google sta per staccare definitivamente la spina al suo servizio di musica Google Play Music in favore di YouTube Music. Lo shutdown del servizio avverrà a ottobre in tutto il mondo, già a settembre in Australia e Nuova Zelanda.

Da ottobre, quindi, non sarà più possibile ascoltare musica sull’app Google Play Music, e anche lo streaming via web si interromperà. Tuttavia, gli utenti avranno tempo fino a dicembre di quest’anno per trasferire tutta la loro musica su YouTube Music.

Come? Gli utenti avranno la possibilità di trasferire velocemente e senza grandi complicazioni le loro librerie e playlist musicali da Play Music a YouTube Music, dove è stato introdotto un pulsante ad hoc all’interno dell’interfaccia. Il processo potrebbe richiedere alcuni secondi e fino a qualche giorno per essere completato. A questo link trovate la procedura guidata.

Il transfer è disponibile già da maggio. I dati verranno irrimediabilmente cancellati dopo dicembre, quindi il nostro consiglio è di effettuare il trasferimento i prima possibile. In programma ci sono altre modifiche per quanto riguarda i prodotti musicali di Google: bigG ha intenzione di rimuovere (probabilmente già entro fine agosto) completamente la musica dal Play Store, dove quindi non si potrà più acquistare musica come accade, ad esempio, su iTunes. La musica su Google sarà quindi solo in streaming.

Google annunciò la volontà di mandare in pensione Play Music già nel 2017, sottolineando di voler puntare sul suo servizio di streaming musicale YouTube Music, che all’epoca si chiamava YouTube Red. Una mossa che ha l’obiettivo di omogeneizzare i servizi musicali del colosso.

Anche lo status dell’abbonamento sarà lo stesso: ai membri di Google Play Music Unlimited verrà automaticamente assegnato il livello equivalente YouTube Music Premium, allo stesso prezzo.

 

Aree Tematiche
Internet Mobile News Tecnologie
Tag
mercoledì 5 Agosto 2020 - 10:31
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd