CORONAVIRUS

Sud Corea, una costellazione di droni per riunire la popolazione dopo la pandemia

7 Luglio 2020

Droni, musica trionfale ed effetti ottici per un immenso spettacolo proprio nella capitale della Corea del Sud. L’evento per riunire la popolazione e ringraziare l’eroismo dei medici davanti l’avanzata del covid-19

La Corea del Sud ha dispiegato ben 300 droni per realizzare uno spettacolare evento coreografico nei cieli di Seul, proprio sopra al fiume Han. Missione? Promuovere l’uso della mascherina e celebrare medici e volontari in prima linea contro il coronavirus.

 

 

Lo spettacolo è durato per oltre dieci minuti, prima del volo dei droni i megafoni cittadini avevano ricordato gracchiando l’importanza del distanziamento sociale, di indossare la mascherina e lavarsi le mani.

Rialzati, Repubblica di Corea!

si è poi sentito verso il termine dell’evento.

Proprio l’uso diffuso di queste buone abitudini, unita alla massiccia campagna di contact tracing digitale, hanno fatto sì che la Corea del Sud sia diventato uno dei Paesi leader nel contenimento del virus.

 

 

Nel frattempo, nell’altra Corea, Kim Jong-Un è ritornato in pubblico per annunciare trionfalmente che la Corea del Nord ha debellato completamente il «virus maligno», suscitando più di qualche dubbio nella comunità internazionale.

Abbiamo scrupolosamente impedito che il virus maligno facesse breccia da noi e mantenuto stabile la situazione anti-epidemica nonostante la crisi sanitaria mondiale, il che è un brillante successo raggiunto dalla lungimirante leadership del Comitato centrale del Partito

ha detto, come riporta il Corriere della Sera.

Kim Jong-Un non si faceva vedere in pubblico da quasi un mese, ragione per cui, complice la maggiore presenza di sua sorella, erano nate diverse speculazioni sulla sua salute.

 

 

Aree Tematiche
News Tecnologie
Tag
martedì 7 Luglio 2020 - 11:39
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd