Replicazione DNA: il sistema di controllo qualità può fallire così tanto da creare più danni che se non ci fosse proprio

2
29 Giugno

esaminando l’impatto di un difetto molto specifico nella replicazione del DNA si scopre che un sistema di controllo attivo consente alle cellule di dividersi ugualmente causando un danno peggiore rispetto a quello che avverrebbe se il sistema non esistesse proprio.

Il controllo di qualità è un sistema di vitale importanza per la replicazione della cellula affinché errori casualmente inseriti durante la replicazione del DNA non si propaghino causando poi danni ai tessuti e all’organismo.

Scienziati dell’University of Souther California (USC) hanno analizzato alcune forme di stress da replicazione, scoprendo un sistema di controllo attivo che in realtà consente alle cellule di dividersi nonostante gli errori e causando un danno peggiore rispetto a quello che avverrebbe in assenza totale del sistema.

È una scoperta paradossale perché sfida l’idea che, se esiste un sistema di controllo qualità, essa debba in realtà funzionare in ogni caso. Di fatto è come scoprire un brutto bug per cui a volte fare il proprio lavoro troppo bene può avere addirittura effetti opposti ai desiderati.

I risultati e lo studio del controllo di qualità nelle cellule hanno importanti implicazioni per il trattamento del cancro.

I difetti nella replicazione del DNA oltre ad essere responsabili della generazione di cellule tumorali, portano ad altre malattie genetiche tra cui difetti alla nascita, autismo e disturbi neurologici.

In generale, le cellule rispondono agli errori durante la replicazione del DNA implementando proteine ​​di monitoraggio, chiamate checkpoint, che servono a riconoscere il problema e fermare la divisione cellulare in modo da prevenire il danno cromosomico

ha affermato Susan Forsburg, coordinatore dello studio.

Nello studio, gli scienziati hanno esaminato il modo in cui le cellule rispondono a un difetto supervisionato da un importante gene chiamato CDS1.

Funziona come un guardiano del processo di replicazione del DNA e ha un analogo nell’uomo chiamato CHEK1. Come punto di controllo, il gene assicura che il DNA sia copiato senza problemi prima della divisione cellulare. Di solito, quando qualcosa va storto, il gene impedisce alle cellule di dividersi fino a quando non è risolto il problema.

Questo è molto importante perché le cellule si dividerebbero senza un DNA adeguatamente replicato, il che avrebbe conseguenze mortali.

Abbiamo scoperto che il checkpoint attivo ha effettivamente permesso alle cellule di dividersi in modo anomalo.

Ha detto Forsburg che continua:

inaspettatamente, quando abbiamo eliminato il checkpoint di replica, le cellule mutanti non si sono divise perché un altro meccanismo di controllo del danno è entrato in azione per fermare le divisioni cellulari indesiderate.

Lo studio porterà a una migliore comprensione delle cellule, a migliori trattamenti contro il cancro

Sembra che, ogni tanto, anche i migliori lavoratori, potrebbero aver bisogno di un giorno di ferie.

 

 

 

Aree Tematiche
Medicina News Scienze
Tag
lunedì 29 Giugno 2020 - 16:06
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd