Tempesta di sabbia del Sahara analizzata dal satellite Suomi NPP della NASA-NOAA

22
3 anni fa

La gigantesca tempesta di sabbia sahariana che si è abbattuta in questi giorni su america centrale e Stati Uniti meridionali è stata analizzata dal satellite Suomi NPP della NASA-NOAA.

Le tempeste di sabbia non sono una novità, ma quella che si è abbattuta in questi giorni su America centrale e Stati Uniti meridionali è stata particolarmente intensa ed è stata analizzata con gli strumenti a bordo del satellite Suomi NPP della NASA-NOAA.

In particolare lo strumento Visi Infrared Imaging Radiometer Suite (VIIRS) a bordo della Suomi NPP ha fornito un’immagine visibile della tempesta di sabbia mentre lo strumento Nadir-Mapper (NMPS) Oir Mapping and Profiling Suite (NMPS) a bordo del satellite Suomi-NPP ha fornito valori di indice di aerosol assorbenti.

L’indice OMPS indica la presenza di particelle di aerosol che assorbono la luce esattamente come fa la sabbia del deserto. Tramite i dati dell’indice di aerosol assorbente si possono avere informazioni sia sullo spessore sia sull’altezza dello strato di aerosol.

Grazie a questo valore inotrle è possibile identificare e tracciare il trasporto a lungo raggio anche di ceneri vulcaniche, fumo provocato da incendi o eventi di combustione di biomassa oltre ovviamente la sabbia del deserto come è avvenuto in questo caso.

 

Immagine “a colori reali” del pennacchio di polvere sahariana catturata dallo strumento VIIRS a bordo del satellite Suomi NPP della NASA / NOAA il 24 giugno 2020. Le strisce luminose osservate a intervalli regolari sono dovute al riflesso del sole sulla superficie dell’oceano. Crediti: NASA / NOAA, Colin Seftor

 

Combinando l’indice di aerosol OMPS e le immagini visibili VIIRS è stata creata lo scorso 25 giugno un’animazione del movimento della nuvola di polvere nei dieci giorni tra il 15 e il 25 giugno.

La sabbia africana, come già sottolineato nel nostro precedente articolo, può influire negativamente sulla qualità dell’aria, ma può anche svolgere un importante ruolo ecologico, come fertilizzare i terreni in Amazzonia e creare spiagge nei Caraibi inoltre di solito le condizioni secche, calde e ventose associate alle tempeste di sabbia possono far diminuire la formazione o l’intensificazione dei cicloni tropicali.

Mentre il trasporto di polvere sahariana attraverso l’oceano verso le Americhe non è raro, le dimensioni e la forza di questo particolare evento sono piuttosto inusuali

ha detto Colin Seftor della NASA-NOAA che aggiunge:

inoltre, guardando al largo della costa africana, si osserva ancora la nuvola di grandi dimensioni che proviene dal continente che continua a nutrire la lunga catena di polvere che attraversa l’Atlantico.

 

 

 

 

La coppia di buchi neri più vicina alla collisione
La coppia di buchi neri più vicina alla collisione
Tempesta di sabbia sahariana quest'anno da record: ecco il video dell'ESA
Tempesta di sabbia sahariana quest'anno da record: ecco il video dell'ESA
Tempesta di sabbia del Sahara raggiunge le coste americane: ecco le immagini
Tempesta di sabbia del Sahara raggiunge le coste americane: ecco le immagini
Sardegna e Corsica a testa in giù: la spettacolare foto della NASA
Sardegna e Corsica a testa in giù: la spettacolare foto della NASA
Tempesta tropicale Cristobal: il terzo ciclone tropicale sotto osservazione dalla NASA
Tempesta tropicale Cristobal: il terzo ciclone tropicale sotto osservazione dalla NASA
Monitoraggio della CO2 nel mondo grazie agli aerei
Monitoraggio della CO2 nel mondo grazie agli aerei
Ciclone Harold: devastate le isole Salomone, Vanuatu, Fiji e Tonga
Ciclone Harold: devastate le isole Salomone, Vanuatu, Fiji e Tonga