Era una ragazza di 13 anni la guerriera scita ritrovata a Devitsa

135
2 anni fa

Grazie a un’analisi del DNA è stato confermato che i resti dell’antica guerriera scita ritrovati alla fine dell’anno scorso a Devitsa appartenevano a una giovane ragazza di 13 anni.

Le storie mitologiche di antiche guerriere non sono solo inventate, ma reali e lo conferma l’identità genetica dei resti di un’antica giovane guerriera scita i cui resti sono stati trovati alla fine dell’anno scorso a Devitsa.

Si tratta di una donna ritenuta scita nomade di circa 2.500 anni fa (IV secolo a.C.) e che fu sepolta in quello che oggi è il villaggio di Devitsa, nella parte occidentale della Russia. Sono state ritrovate anche parti di un imbracatura e armi, inclusi coltelli di ferro e 30 punte di freccia.

Possiamo certamente affermare che si trattava di una donna guerriera.

Ha dichiarato l’archeologa Valerii Guliaev dell’Istituto di archeologia dell’Accademia delle scienze russa.

Nel tumulo c’erano altre due donne, una di età compresa tra i 40 e i 50 anni che indossava un copricapo dorato con ornamenti floreali decorativi e l’altra, di età compresa tra 30 e 35 anni che fu sepolta accanto a due lance e posizionata come se stesse cavalcando.

Durante l’ultimo decennio la nostra spedizione ha scoperto circa 11 sepolture di giovani donne armate. Tutti i riti di sepoltura che di solito venivano fatti per gli uomini sono stati fatti anche per loro.

Ha spiegato Guliaev.

 

I resti della donna scita con il copricapo. Credito: Institute of Archaeology, Russian Academy of Sciences

 

I resti erano stati scoperti nel 1988, ma solo ora è stato mappato il genoma.

Inizialmente si pensava che questo ragazzino fosse un maschio semplicemente perché con lui sono state trovati oggetti che di solito non appartenevano alle femmine quali un’ascia, un arco e delle frecce.

Ha detto l’archeologa Varvara Busova dell’Accademia delle scienze russa.

Ma il DNA ha rivelato che i resti appartenevano a donne.

Ciò significa che possiamo dire con una certa probabilità che anche le ragazze [scite] hanno partecipato a campagne di caccia o militari.

Ha aggiunto Busova.

La ragazza guerriera fu seppellita nell’odierna repubblica di Tuva in Siberia, con un’ascia, un arco di betulla e una faretra con dieci frecce, alcune punte di legno, ossa o bronzo e i suoi resti sono parzialmente mummificati.

 

Le frecce del giovane guerriero. Credito: A. Yu. Makeeva / Kilunovskaya et al., Stratum Plus, 2020

 

Questa giovane amazzone non aveva ancora raggiunto l’età di 14 anni.

Ha dichiarato l’autrice principale della nuova ricerca, l’archeologa Marina Kilunovskaya dell’Istituto per la storia della cultura materiale, Accademia delle scienze russa.

La ragazza era vestita con un lungo cappotto di pelliccia, una camicia e pantaloni o una gonna. Usando un microscopio elettronico a scansione, i ricercatori hanno scoperto che il suo cappotto era composto da un patchwork di pelli di un roditore. La datazione al carbonio di altri oggetti colloca il tutto tra il VII e il V secolo a.C., ossia nel primo periodo scita.

Busova ha affermato che il team di ricerca ora vorrebbe ottenere una datazione più accurata dei resti della giovane ragazza guerriera, indagare sulla composizione degli oggetti di tombe metalliche e lavorare per ripristinare e conservare ciò che hanno trovato. Sperano anche che le scansioni dei resti possano fornire loro indizi su come sia morta la giovane donna guerriera.

 

 

 

 

Le monete romane che presentano il volto di un imperatore sconosciuto
Le monete romane che presentano il volto di un imperatore sconosciuto
Dinosauri: anche loro avevano amici con cui uscire
Dinosauri: anche loro avevano amici con cui uscire
Spagna: trovato il fossile di una tartaruga marina di 4 metri
Spagna: trovato il fossile di una tartaruga marina di 4 metri
Ghiacci e coralli: 12 siti candidati a simbolo dell'Antropocene
Ghiacci e coralli: 12 siti candidati a simbolo dell'Antropocene
Preistoria: come cucinava l'uomo
Preistoria: come cucinava l'uomo
Preistoria: gli aquiloni incisi nel terreno erano, in realtà, delle trappole giganti
Preistoria: gli aquiloni incisi nel terreno erano, in realtà, delle trappole giganti
San Casciano dei Bagni: 24 bronzi riemergono dal fango
San Casciano dei Bagni: 24 bronzi riemergono dal fango

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.