Artico: l’ondata di calore siberiana è allarmante

3
333
24 Giugno 2020

L’artico è super caldo e si registrano temperature da record: questa foto, scattata venerdì 19 giugno 2020 e fornita dall’ECMWF Copernicus Climate Change Service, mostra la temperatura della superficie terrestre nella regione russa della Siberia.

Una temperatura da record di 38 °C è stata registrata nella città artica di Verkhoyansk sabato 20 giugno in un’ondata di calore prolungata che ha allarmato gli scienziati di tutto il mondo.

Sabato il termometro ha raggiunto un inimmaginabile record di 38 °C, temperatura mai raggiunta in Siberia.

La catastrofica fuoriuscita di petrolio da un serbatoio di stoccaggio crollato il mese scorso vicino alla città artica di Norilsk è stata in parte attribuita allo scioglimento del permafrost. Nel 2011, una parte di un edificio residenziale a Yakutsk, la più grande città della Repubblica di Sakha, è crollata a causa del disgelo e del cedimento del terreno.

 

Giovedì 18 giugno 2020, foto del volantino fornita dal Ministero russo delle situazioni di emergenza, i lavoratori preparano un’area per i bacini idrici per il suolo contaminato da carburante in una fuoriuscita di petrolio fuori Norilsk, 2.900 chilometri a nord-est di Mosca, in Russia.

 

Lo scorso agosto, secondo Greenpeace, più di 4 milioni di ettari di foreste in Siberia erano in fiamme. Quest’anno gli incendi hanno già iniziato a scatenarsi molto prima del solito inizio di luglio, ha affermato Vladimir Chuprov, direttore del dipartimento progetti di Greenpeace Russia.

 

Foto scattata domenica 21 giugno 2020 e fornita da Olga Burtseva, un termometro esterno mostra 30 gradi Celsius (86 F) intorno alle 23:00 a Verkhoyansk, nella Repubblica di Sakha, circa 4660 chilometri (2900 miglia) a nord-est di Mosca, in Russia.

 

Il clima persistentemente caldo, specialmente se combinato con gli incendi, fa sì che il permafrost si scongeli più velocemente, il che a sua volta aggrava il riscaldamento globale rilasciando grandi quantità di metano, un potente gas serra che è 28 volte più forte del biossido di carbonio, ha affermato Katey Walter Anthony, Università dell’Alaska Esperto di Fairbanks sul rilascio di metano dal suolo artico ghiacciato.

 

 

Il metano che fuoriesce dai siti di disgelo del permafrost entra nell’atmosfera e circola in tutto il mondo. Il metano che ha origine nell’Artico non rimane nell’Artico. Ha ramificazioni globali.

Ciò che accade nell’Artico ha ripercussioni sul clima di tutto il mondo: dall’Europa agli Stati Uniti.

In estate, il riscaldamento insolito riduce la differenza di temperatura e pressione tra l’Artico e le latitudini più basse in cui vivono più persone, ha detto Judah Cohen, un esperto di clima invernale e ciò sembra indebolire e talvolta persino bloccare i sistemi meteorologici come quelli che portano caldo o pioggia estremi che quindi possono rimanere parcheggiati in luoghi per giorni e giorni.

Secondo i meteorologi dell’agenzia meteorologica russa Rosgidromet, una combinazione di fattori tra cui un sistema ad alta pressione con un cielo limpido e il sole molto elevato, le ore diurne estremamente lunghe e le brevi notti calde, hanno contribuito al picco della temperatura siberiana.

La superficie del terreno si riscalda intensamente. Le notti sono molto calde, l’aria non ha il tempo di raffreddarsi e continua a riscaldarsi per diversi giorni.

ha dichiarato Marina Makarova, capo meteorologa di Rosgidromet.

Makarova ha aggiunto che la temperatura a Verkhoyansk è rimasta insolitamente alta da venerdì a lunedì.

Gli scienziati concordano sul fatto che il picco sia indicativo di una tendenza al riscaldamento globale molto più grande.

Ciò che è chiaro è che il riscaldamento dell’Artico aggiunge carburante al riscaldamento di tutto il pianeta.

ha detto Waleed Abdalati, ex capo scienziato della NASA che è ora all’Università del Colorado.

 

 

Aree Tematiche
Attualità Natura News Real Life Scienze
Tag
mercoledì 24 Giugno 2020 - 11:07
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd