Le piante possono mimetizzare gli odori per non essere mangiate

2
19 Giugno

Le piante nelle fitte foreste tropicali sono in grado di mascherare i loro profumi per evitare di essere rilevate e mangiate dagli insetti: il meccanismo rappresenta un vantaggio chiave.

Ricercatori internazionali dall’Europa e dal Nord America hanno esaminato 28 specie di insetti e 20 specie di piante a Chamela-Cuixmala, una riserva di foreste tropicali sulla costa occidentale del Messico.

La loro ricerca fa luce su come singoli membri di “comunità vegetali complesse” si evolvano per emettere odori simili, con una sorta di “mentalità da branco” che le mantiene in vita e confonde gli erbivori affamati.

Gli odori facilmente distinguibili vanno a vantaggio degli erbivori e a svantaggio delle piante.

Ha affermato il professor Phil Stevenson, ricercatore presso il Royal Botanic Gardens britannico.

È la prima volta che gli scienziati sono stati in grado di analizzare le interazioni tra una così ampia varietà di piante e insetti, secondo quello che afferma l’autore principale Pengjuan Zu del Massachusetts Institute of Technology.

Precedenti tentativi di comprendere il gioco dell’evoluzione tra piante e insetti si basavano sullo studio di singole specie vegetali in ambienti controllati.

Questo è molto diverso dall’insieme di specie di piante e insetti che coesistono nelle foreste della vita reale, hanno scritto gli autori.

Per fare questo, Zu ha raccolto odori chimici emessi da quasi due dozzine di specie vegetali in tubi di silicio, che sono stati quindi riportati in Inghilterra per essere analizzati.

Attraverso una combinazione di “teoria dell’informazione”, una tecnica per comprendere i modelli di comunicazione nell’uomo e le attuali conoscenze della biologia evolutiva, gli scienziati sono stati in grado di costruire modelli di queste reti di comunicazione erbivoro-pianta.

“Ora sappiamo che tutti i prodotti chimici prodotti dalle piante trasportano informazioni che hanno un ruolo importante nelle piante che mimetizzano chimicamente una complessa comunità vegetale”, ha detto Zu.

Lo studio potrebbe anche aiutare gli scienziati a capire meglio come vengono trasmesse le informazioni tra le diverse specie nella catena alimentare, come i carnivori e gli erbivori che mangiano insetti aprendo la strada a potenziali ricerche future.

Gli erbivori, di conseguenza, devono evolversi per essere sintonizzati in modo più preciso con le informazioni per localizzare specifiche piante.

Ha detto Zu che conclude:

le informazioni possono essere ulteriormente condivise dai carnivori che cacciano gli erbivori, dando luogo a una catena di informazioni lungo la catena alimentare.

 

 

 

Aree Tematiche
Natura News Scienze
Tag
venerdì 19 giugno 2020 - 13:06
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd