La proboscide di questo elefante robot è fatta di gelatina commestibile

19
2 anni fa

Un team di ricercatori austriaci ha creato un robot in parte commestibile: è un elefante con una proboscide in gel biodegradabile e completamente edibile.

Il gel è un composito di materiali commestibili, acido citrico (per impedire che i batteri possano consumarlo) e glicerolo.

L’obiettivo era quello di creare un materiale che fosse sufficientemente affidabile, in grado di gestire anche fasi di stress senza consumarsi rapidamente, ma che allo stesso tempo fosse in grado di degradarsi nell’ipotesi in cui venga scartato: il biogel scelto può essere divorato dai batteri che si trovano comunemente nelle acque di scarico.

Tutto bello, ma serve? Serve. Il prototipo di robot progettato dal team di ricercatori austriaci è pensato per distribuire i medicinali agli animali, ma un materiale di questo tipo può avere gli usi più disparati, alcuni utili anche all’industria dei giocattoli.

La domanda che ci siamo posti era: è possibile creare un materiale che sia, allo stesso tempo, estremamente affidabile quando lo si usa, ma anche in grado di degradarsi completamente una volta che viene buttato?

ha spiegato Martin Kaltenbrunner  della Johannes Kepler University di Linz.

Il risultato è un prodotto in grado di rimanere stabile e non perdere le sue proprietà ad un anno dalla sua produzione. La proboscide di elefante usata per l’esperimento è stato in grado di effettuare oltre 330.000 cicli di continuo movimento senza creparsi o deteriorarsi in alcun modo.

La proboscide, ad ogni modo, è anche dotata di diversi sensori e circuiti che —ebbene no— non sono commestibili. Non ancora, almeno. Nonostante l’involucro sia completamente innocuo se mangiato con gli animali, ovviamente siamo ancora distanti da un robot completamente commestibile.

Ti potrebbe interessare: 

 

 

Calciatore paralizzato torna a camminare grazie a un esoscheletro
Calciatore paralizzato torna a camminare grazie a un esoscheletro
Robotica e 5G hanno permesso un tatuatore di operare in remoto
Robotica e 5G hanno permesso un tatuatore di operare in remoto
Sophia, l'androide concepito per l'assistenza umana, verso la produzione di massa
Sophia, l'androide concepito per l'assistenza umana, verso la produzione di massa
Robot controllati in VR: Reachy di Pollen Robotics fa faville
Robot controllati in VR: Reachy di Pollen Robotics fa faville
Robot che comunicano attraverso feromoni grazie a un sistema ispirato agli insetti
Robot che comunicano attraverso feromoni grazie a un sistema ispirato agli insetti
DIGIT, nuovi sensori che migliorano le capacità di manipolazione dei robot
DIGIT, nuovi sensori che migliorano le capacità di manipolazione dei robot
Il robot tentacolo ispirato ai polpi
Il robot tentacolo ispirato ai polpi

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.