Whatsapp, da oggi in Brasile è possibile pagare ed inviare soldi agli amici usando l’app

176
3 anni fa

Dopo anni di speculazioni, WhatsApp ha introdotto ufficialmente la possibilità di inviare soldi e pagare beni e servizi usando la sua app. Il servizio è debuttato oggi in Brasile.

Whatsapp lavora alla possibilità di introdurre le transazioni in-app da diversi anni. Se ne parlava già nel 2017, quando sembrava che l’India sarebbe stato il primo Paese a sperimentare la nuova feature.

Già oggi Whatsapp, in altre regioni, si presenta sempre di più come una super-app, con una serie di servizi che vanno oltre ai semplici messaggi o alle chiamate: ad esempio, Whatsapp Business consente alle aziende di esporre e vendere i prodotti direttamente in app.

Il settore dei pagamenti mobile fa sempre più gola e l’implementazione dei pagamenti in-app su Whatsapp diventa la prima mossa di Facebook in questa direzione — il progetto Libra, pur dormiente e probabilmente destinato a cambiare in parte forma, sembra essere ancora vivo e vegeto.

I pagamenti digitali su Whatsapp poggiano sull’infrastruttura di Facebook Pay. Per inviare soldi ad amici e parenti non è necessario pagare commissioni, mentre le aziende che vorranno usare il nuovo servizio di Whatsapp dovranno pagare a Facebook una piccola percentuale.

I pagamenti si autorizzano con un PIN, simile a quello dei bancomat, oppure usando il lettore di impronte digitali. WhatsApp ha stretto accordi con Banco do Brasil, Nubank e Sicredi: solamente le carte di credito e i bancomat di queste banche saranno abilitate.

Il roll out dei pagamenti WhatsApp inizia oggi. L’azienda guarda già con interesse al lancio del suo servizio in altre regioni strategiche. Verosimilmente, almeno all’inizio, gli sforzi saranno concentrati sull’India e sul resto del Sud America.

 

 

Le Community sbarcano su WhatsApp, anche in Italia
Le Community sbarcano su WhatsApp, anche in Italia
WhatsApp: ora puoi auto-inviarti dei messaggi, la nuova funzione debutta in queste ore
WhatsApp: ora puoi auto-inviarti dei messaggi, la nuova funzione debutta in queste ore
WhatsApp: online un enorme database con 487 milioni di numeri di telefono rubati
WhatsApp: online un enorme database con 487 milioni di numeri di telefono rubati
WhtsApp Destkop presto consentirà il login via password
WhtsApp Destkop presto consentirà il login via password
WhatsApp presto consentirà di chattare con sé stessi, ecco a cosa serve la nuova funzione
WhatsApp presto consentirà di chattare con sé stessi, ecco a cosa serve la nuova funzione
WhatsApp, presto come Telegram: sarà possibile accedere allo stesso account da più telefoni
WhatsApp, presto come Telegram: sarà possibile accedere allo stesso account da più telefoni
Mark Zuckerberg di nuovo contro Apple: "iMessage? Non è sicuro quanto WhatsApp"
Mark Zuckerberg di nuovo contro Apple: "iMessage? Non è sicuro quanto WhatsApp"