CORONAVIRUS

Coronavirius: ecco l’identikit degli accumulatori di carta igienica

2
112
13 Giugno

Una ricerca ha dedotto alcuni tratti della personalità di coloro che, in piena pandemia da nuovo coronavirus a marzo del 2020, hanno effettuato grandi scorte di carta igienica.

La narrativa distopica ci ha preparato a ogni tipo di apocalisse. Zombi sconvolgenti, invasione aliena e, naturalmente, pestilenze mortali. Ma nemmeno la mente più contorta avrebbe mai potuto prevedere il tragico esaurimento di una di quelle che, insieme al lievito di birra per gli italiani, si è rivelata invece una delle risorse più preziose soprattutto per chi abitava nel nord Europa e negli Stati Uniti: la carta igienica.
Perché la gente non ha comprato tutti gli spazzolini da denti o le calze? Non abbiamo ancora tutte le risposte, ma i ricercatori le stanno cercando e potrebbero aver identificato i tipi di persone principalmente responsabili nel metterci nell’imbarazzante situazione di rimanere senza carta igienica.

Secondo lo studio le persone che si sentono più minacciate da COVID-19 e che si posizionano molto in alto nelle scale di emotività avevano più probabilità di accumulare carta igienica nel marzo 2020.

Per quanto possa sembrare assurdo, e, forse, in questo momento strappare anche un sorriso, la ricerca è più che seria, portata avanti Lisa Garbe (Università di San Gallo, Svizzera), Richard Rau (Westfalische Wilhelms-Universitat Munster, Germania) e Theo Toppe (Istituto Max Planck di antropologia evolutiva, Germania) e pubblicata ieri su PlosOne.

In seguito alla rapida diffusione di COVID-19 in Europa e Nord America nel marzo 2020, molte persone hanno iniziato ad accumulare merci, compresa la carta igienica.

Alcune aziende hanno riportato un aumento fino al 700% delle vendite di carta lavorata.

Alcune aziende hanno riportato un aumento fino al 700% delle vendite di carta lavorata, nonostante le chiamate del governo ad astenersi da “acquisti di panico”.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno intervistato 1.029 adulti provenienti da 35 paesi che sono stati reclutati attraverso i social media. Tra il 23 marzo e il 29 marzo 2020, i partecipanti hanno completato un breve questionario HEXACO, che classifica sei grandi domini di personalità , e hanno condiviso informazioni sulla loro demografia, livello di minaccia percepito di COVID-19, comportamenti in quarantena e consumo di carta igienica nelle ultime settimane.

Il predittore più solido delle scorte di carta igienica era la minaccia percepita dalla pandemia: le persone che si sentivano più minacciate tendevano ad accumulare più carta igienica.

In parte, questo effetto si basava sul fattore personalità dell’emotività: le persone che generalmente tendono a preoccuparsi molto e si sentono ansiose hanno maggiori probabilità di sentirsi minacciate e accumulare carta igienica. Il dominio della personalità della coscienza, che include tratti di organizzazione, diligenza, perfezionismo e prudenza, era anche un fattore predittivo di accumulo.

Altre osservazioni sono state che gli anziani hanno accumulato più carta igienica rispetto ai giovani e che gli americani hanno accumulato più degli europei. I ricercatori hanno sottolineato che le variabili studiate hanno spiegato solo il 12% della variabilità delle scorte di carta igienica, il che suggerisce che ci sono ancora fattori che non vengono presi in considerazione.

 

 

 

Aree Tematiche
News Psicologia Scienze
Tag
sabato 13 giugno 2020 - 20:41
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd