Stop ai pensieri negativi per preservarsi dal rischio di demenza

3
8 Giugno

Avere degli schemi persistenti di pensieri negativi può aumentare il rischio di malattia di Alzheimer: lo dimostra uno studio condotto dall’University College London.

Stop ai pensieri negativi. Fa bene per non avvelenarsi il fegato nel presente e per prevenire il rischio di malattia di Alzheimer nel futuro.

Lo studio dell’University College London (UCL) è stato condotto su persone con età superiore ai 55 anni e i ricercatori hanno scoperto che il “pensiero negativo ripetitivo” (RNT) è collegato al successivo declino cognitivo e alla deposizione di proteine ​​cerebrali dannose legate all’Alzheimer.

I ricercatori sostengono che la RNT dovrebbe ora essere ulteriormente studiata come un potenziale fattore di rischio per la demenza e che gli strumenti psicologici, come la consapevolezza o la meditazione, dovrebbero essere studiati per vedere se possano ridurre il rischio di demenza.

La principale autrice, la dott.ssa Natalie Marchant (UCL Psychiatry), ha dichiarato:

La depressione e l’ansia nella mezza età e nella vecchiaia sono già noti per essere fattori di rischio per la demenza. Abbiamo scoperto che alcuni modelli di pensiero implicati nella depressione e nell’ansia potrebbero essere alla base motivo per cui le persone con questi disturbi hanno maggiori probabilità di sviluppare demenza.

Accanto ad altri studi, che collegano la depressione e l’ansia con il rischio di demenza, i modelli di pensiero negativo cronico per un lungo periodo di tempo potrebbero aumentare il rischio di demenza.

I partecipanti allo studio sono stati monitorati per due anni.

Per un periodo di due anni, i partecipanti allo studio hanno risposto alle domande su come in genere pensano alle esperienze negative, concentrandosi su modelli RNT come la riflessione sul passato e le preoccupazioni per il futuro.

I partecipanti hanno anche completato le misure dei sintomi della depressione e dell’ansia.

La loro funzione cognitiva è stata valutata, misurando la memoria, l’attenzione, la cognizione spaziale e il linguaggio. Alcuni (113) dei partecipanti sono stati anche sottoposti a scansioni cerebrali PET, misurando i depositi di tau e amiloide, due tipi di aggregazione proteica campanello d’allarme della malattia di Alzheimer e che provocano le disfunzioni cerebrali tipiche della demenza quando si accumulano nel cervello.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno mostrato modelli RNT più elevati hanno sperimentato un maggiore declino cognitivo per un periodo di quattro anni e un calo della memoria (che è uno dei primi segni della malattia di Alzheimer). Avevano inoltre maggiori probabilità di avere depositi di amiloide e tau nei loro cervello.

La depressione e l’ansia erano associate al successivo declino cognitivo, ma non alla deposizione di amiloide o tau e ciò suggerisce che la RNT potrebbe essere il motivo principale per cui la depressione e l’ansia contribuiscono al rischio di malattia di Alzheimer.

Proponiamo che il pensiero negativo ripetitivo possa essere un nuovo fattore di rischio per la demenza in quanto potrebbe contribuirvi attraverso il suo impatto su indicatori di stress come l’ipertensione, poiché altri studi hanno scoperto che lo stress fisiologico può contribuire alla deposizione di amiloide e tau.

ha detto il dott. Marchant.

 

 

Prendersi cura della propria salute mentale e limitare i pensieri negativi

Prendersi cura della propria salute mentale è importante e dovrebbe essere una delle maggiori priorità di salute pubblica, poiché non è importante solo per la salute e il benessere delle persone a breve termine, ma potrebbe anche avere un impatto sul rischio finale di demenza.

I ricercatori sperano di scoprire se la riduzione della RNT, possibilmente attraverso l’allenamento della consapevolezza o la terapia del discorso mirata, potrebbe a sua volta ridurre il rischio di demenza.

Il dott. Marchant e il dott. Chételat e altri ricercatori europei stanno attualmente lavorando a un grande progetto per vedere se interventi come la meditazione possono aiutare a ridurre il rischio di demenza sostenendo la salute mentale in età avanzata.

Fiona Carragher, Direttrice della ricerca e dell’influenza della Alzheimer Society, ha dichiarato:

Comprendere i fattori che possono aumentare il rischio di demenza è fondamentale per aiutarci a migliorare la nostra conoscenza di questa condizione devastante e, ove possibile, sviluppare strategie di prevenzione.

 

 

 

 

Aree Tematiche
Medicina News Psicologia Scienze
Tag
lunedì 8 giugno 2020 - 14:17
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd