Un rivestimento a base di uova per preservare prodotti freschi

1 anno fa

Un rivestimento a base di uova sviluppato presso la Rice University, prodotto principalmente con proteine ​​di uova che verrebbero altrimenti sprecate, può essere utilizzato per prolungare la freschezza dei prodotti.

Un rivestimento davvero innovativo e biologico senza utilizzo di plastica: la soluzione può essere utilizzata come rivestimento protettivo per prolungare la freschezza di frutta e verdura. E per farlo si utilizzano prodotti che sarebbero altrimenti sprecati: il risultato proviene da ricercatori Rice University.

Il rivestimento a base di uova, sviluppato nel laboratorio di ingegneria dei materiali Brown School of Engineering Pulickel Ajayan ha uno spessore dell’ordine dei micron e risolve i problemi sia per i prodotti sia per i consumatori, nonché per l’ambiente.

Quando il rivestimento è stato applicato a spruzzo o immersione, ha mostrato una notevole capacità nel resistere alla decomposizione per un lungo periodo paragonabile alle precedenti soluzioni standard come la cera, ma senza alcuni dei problemi intrinseci.

 

 

Oltre 200 milioni di uova all’anno negli Stati Uniti finiscono in discarica.

Per produrre il rivestimento a base di uova si usano prodotti che non raggiungerebbero mai il mercato. Gli Stati Uniti, per esempio producono più di 7 miliardi di uova all’anno e i produttori ne respingono il 3%, i ricercatori stimano quindi che oltre 200 milioni di uova finiscano in discarica.

 

 

I ricercatori affermano:

Ridurre la carenza di cibo in modi che non comportino modificazioni genetiche, rivestimenti non commestibili o additivi chimici è importante per una vita sostenibile.
Questo lavoro è una straordinaria combinazione di sforzi interdisciplinari che coinvolgono ingegneri dei materiali, chimici e biotecnologi di diverse università negli Stati Uniti.

 

 

 

La nanostruttura del guscio delle uova: il segreto della "forza" dei pulcini
La nanostruttura del guscio delle uova: il segreto della "forza" dei pulcini
La nanostruttura del guscio delle uova: il segreto della "forza" dei pulcini
La nanostruttura del guscio delle uova: il segreto della "forza" dei pulcini