CORONAVIRUS

Facebook: metà dei lavoratori continuerà in smart working per sempre

22 Maggio

facebook

Dopo Twitter, anche Facebook conferma che lo smart working sarà adottato definitivamente da almeno la metà del personale.

Facebook ha comunicato oggi che, anche alla fine dell’emergenza legata al COVID-19, consentirà alla maggior parte dei suoi dipendenti di richiedere un cambiamento permanente nel loro lavoro per farli lavorare da remoto. La società inizierà oggi rendendo la maggior parte delle sue posizioni aperte negli Stati Uniti idonee per assunzioni remote e inizierà a presentare domande di lavoro a distanza permanente tra i suoi dipendenti entro la fine dell’anno.

Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, ha così presentato l’iniziativa:

Saremo la società più orientata al futuro nel lavoro remoto. Dobbiamo farlo in modo ponderato e responsabile, quindi lo faremo in modo misurato. Ma penso che sia possibile che nei prossimi cinque o dieci anni potremmo arrivare a circa la metà dell’azienda che lavora in remoto in modo permanente.

Facebook, con oltre 48.000 dipendenti che lavorano in 70 uffici in tutto il mondo, è la più grande azienda che si sia spostata in modo aggressivo nel lavoro remoto a seguito della pandemia.

Ma dopo aver parlato con i dipendenti e aver esaminato con altre società basate su smart working, Zuckerberg ha affermato di essersi convinto dei vantaggi di una forza lavoro più distribuita. La mossa aprirà opportunità in Facebook a un gruppo molto più ampio di candidati.

Quando la società inizierà a riaprire alcuni dei suoi uffici il 6 luglio, ha in programma di ridurre l’occupazione al 25 percento del normale. E i requisiti di sicurezza aggiuntivi per entrare in ufficio, che includono maschere obbligatorie e controlli di temperatura, probabilmente terranno lontani molti lavoratori molto più a lungo.

 

Leggi anche:

 

 

Giovanni Scarrone

Giovanni Scarrone a.k.a. gscarrone

Nerd al 100%.
Aree Tematiche
News Tecnologie
Tag
venerdì 22 maggio 2020 - 12:22
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd