COVID-19: come il lockdown ha influenzato la qualità globale dell’aria

12 mesi fa

5 minuti

I livelli di alcuni dei principali inquinanti atmosferici presenti nell’aria sono stati drasticamente ridotti con il lockdown per la pandemia di COVID-19, ma un inquinante secondario, l’ozono a livello del suolo, è aumentato in Cina.

Durante il lockdown i satelliti ci hanno mostrato delle immagini dell’atmosfera “pulita” come non le vedevamo da anni.

Il biossido di azoto è diminuito del 60%, il particolato del 35%, ma è aumentato l’ozono superficiale in Cina.

Due nuovi studi a riguardo fanno il punto della situazione mostrando come il biossido di azoto nella Cina settentrionale, nell’Europa occidentale e negli Stati Uniti sia diminuito del 60% all’inizio del 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. C’è stata una diminuzione del 35% anche del particolato di diametro inferiore ai 2,5 microm, mentre è aumentato l’ozono superficiale in Cina.

I due nuovi studi sono stati pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters dell”American Geophysical Union (AGU). Il biossido di azoto è un gas altamente reattivo prodotto durante la combustione che ha molti effetti dannosi sui polmoni. Il gas entra tipicamente nell’atmosfera attraverso le emissioni di veicoli, centrali elettriche e attività industriali.

Oltre al biossido di azoto, uno dei nuovi studi rileva anche che l’inquinamento da particolato (particelle inferiori a 2,5 micron) è diminuito del 35% nella Cina settentrionale. Il particolato è composto da particelle solide e goccioline liquide che sono abbastanza piccole da penetrare in profondità nei polmoni e causare danni.

I due nuovi articoli fanno parte di una raccolta speciale in corso di ricerche sulle riviste AGU relative all’attuale pandemia.

Un calo così significativo delle emissioni non ha precedenti: il monitoraggio della qualità dell’aria dai satelliti è iniziato negli anni ’90.

ha affermato Jenny Stavrakou, scienziata dell’atmosfera presso il Royal Belgian Institute for Space Aeronomy di Bruxelles e co-autore di uno degli articoli.

Gli unici altri eventi comparabili sono le riduzioni a breve termine delle emissioni cinesi dovute a rigide normative durante eventi come le Olimpiadi di Pechino del 2008.

I miglioramenti nella qualità dell’aria saranno probabilmente temporanei, ma i risultati offrono agli scienziati un assaggio di come potrebbe essere la qualità dell’aria in futuro.

Forse questo esperimento non intenzionale potrebbe essere usato per comprendere meglio le normative sulle emissioni. È una notizia positiva in una situazione molto tragica.

ha detto Jenny Stavrakou,

Tuttavia, il calo dell’inquinamento da biossido di azoto ha causato un aumento dei livelli di ozono superficiale in Cina, secondo uno dei nuovi studi. L’ozono è un inquinante secondario che si forma quando la luce solare e l’alta temperatura catalizzano reazioni chimiche nell’atmosfera inferiore. L’ozono è dannoso per l’uomo a livello del suolo, poiché può causare malattie polmonari e cardiache.

Nelle aree altamente inquinate, in particolare in inverno, l’ozono di superficie viene distrutto dagli ossidi di azoto, quindi i livelli di ozono possono aumentare quando l’inquinamento da biossido di azoto diminuisce. Di conseguenza, sebbene la qualità dell’aria sia ampiamente migliorata in molte regioni, l’ozono di superficie può ancora rappresentare un problema, secondo Guy Brasseur, scienziato dell’atmosfera presso il Max Planck Institute for Meteorology di Amburgo, in Germania, e autore principale di uno dei nuovi studi che sostiene:

Significa che riducendo semplicemente il [biossido di azoto] e le particelle, non si risolverà il problema dell’ozono.

 

 

La qualità dell’aria nel mondo

Stavrakou e i suoi colleghi hanno utilizzato misurazioni satellitari della qualità dell’aria per stimare i cambiamenti nell’inquinamento da biossido di azoto rispetto ai principali epicentri dell’epidemia: Cina, Corea del Sud, Italia, Spagna, Francia, Germania, Iran e Stati Uniti.

Hanno scoperto che l’inquinamento da biossido di azoto è diminuito in media del 40% nelle città cinesi e del 20-38 % in Europa occidentale e negli Stati Uniti durante il blocco del 2020, rispetto allo stesso periodo del 2019.

L’inquinamento da biossido di azoto non è diminuito in Iran in quel periodo

Tuttavia, lo studio ha rilevato che l’inquinamento da biossido di azoto non è diminuito in Iran, uno dei paesi più colpiti. Gli autori sospettano che ciò sia dovuto al fatto che i blocchi completi non erano in atto fino alla fine di marzo e prima ancora, gli ordini di stare a casa erano in gran parte ignorati. Gli autori hanno visto un calo delle emissioni durante le vacanze di Capodanno iraniano dopo il 20 marzo, ma questo calo si osserva durante la celebrazione ogni anno.

 

 

Qualità dell’aria in Cina

Il secondo studio ha esaminato i cambiamenti della qualità dell’aria nella Cina settentrionale, dove è stato segnalato per la prima volta il virus e dove i blocchi sono stati più severi.

Brasseur ha analizzato i livelli di biossido di azoto e diversi altri tipi di inquinanti atmosferici misurati da 800 stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria a livello del suolo nel nord della Cina.

-35% particolato e -60% biossido di azoto dopo l’inizio del lockdown

L’inquinamento da particolato è diminuito in media del 35% e il biossido di azoto è diminuito in media del 60% dopo l’inizio dei blocchi il 23 gennaio.

Tuttavia, è stato riscontrato che la concentrazione media di ozono superficiale è aumentata di un fattore di 1,5-2 nello stesso periodo di tempo. A livello del suolo, l’ozono si forma da reazioni complesse che coinvolgono biossido di azoto e composti organici volatili, gas emessi da una varietà di prodotti domestici e industriali, ma i livelli di ozono possono anche essere influenzati dalle condizioni meteorologiche e da altri fattori.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

 

 

 

 

Il Monte Everest
Il Monte Everest
Reset Earth è il nuovo progetto transmediale ecologista delle Nazioni Unite
Reset Earth è il nuovo progetto transmediale ecologista delle Nazioni Unite
I gorilla dello zoo di San Diego si sono ammalati di Covid
I gorilla dello zoo di San Diego si sono ammalati di Covid
Chiuso il buco dell'ozono che aveva stabilito un record in Antartide
Chiuso il buco dell'ozono che aveva stabilito un record in Antartide
Le notizie scientifiche più importanti del 2020
Le notizie scientifiche più importanti del 2020
L'UE condanna l'Italia, incapace di controllare lo smog
L'UE condanna l'Italia, incapace di controllare lo smog
DPI: come riciclare il materiale e trasformarlo in combustibile liquido
DPI: come riciclare il materiale e trasformarlo in combustibile liquido