8 trappole psicologiche che stiamo affrontando o che dovremo affrontare a causa della pandemia

188
1 anno fa

L’Università di Princeton e il Sunnybrook Research Institute evidenziano le otto trappole psicologiche che stiamo o che dovremo affrontare a causa della pandemia di COVID-19.

Durante qualsiasi crisi, devono essere prese decisioni tempestive e che talvolta sconvolgono la vita: queste azioni richiedono un’estrema capacità di giudizio in condizioni di incertezza.

La pandemia di COVID-19 è un esempio di ciò.

In un commento su The Lancet, i ricercatori dell’Università di Princeton e del Sunnybrook Research Institute esaminano otto trappole psicologiche che possono influenzare negativamente la capacità di giudizio in queste condizioni.

Gli autori suggeriscono che la consapevolezza di queste insidie ​​potrebbe aiutare a mantenere i cambiamenti comportamentali necessari per combattere la pandemia e suggeriscono anche soluzioni.

Le otto trappole psicologiche con le rispettive soluzioni sono le seguenti. ​​

  • Paura dell’ignoto. Minacce come COVID-19 ci spaventano perché sconosciute, ma il mistero iniziale svanisce presto. Non dobbiamo prendere “troppa confidenza”, ma occorre continuare a essere vigili.
  • Imbarazzo personale. Per ridurre la diffusione di COVID-19, le persone sono state incoraggiate a impegnarsi in determinati comportamenti, come non toccare i loro volti, ma è un gesto che viene compiuto senza quasi accorgersene come un automatismo. Alcuni potrebbero vedere questo come un fallimento personale e addirittura incolparsi di essersi ammalati. GIi opinion leader, per mitigare lo stigmapotrebbero evidenziare che la malattia non sia una colpa e possa capitare a tutti, portando come esempio una delle tante celebrità che si sono ammalate.
  • Trascuratezza dei rischi concorrenti. Molti sono così preoccupati da questa malattia da trascurare il sonno, l’esercizio fisico o la compagnia umana (anche solo virtuale). Pertanto, i medici, ma anche i mezzi di comunicazione, dovrebbero consigliare alle persone di promuovere comportamenti che evitino altri danni.
  • Malattie invisibili. Il distanziamento sociale e l’isolamento potrebbero potenzialmente esacerbare il disturbo psichiatrico cronico. Dovrebbero essere garantiti un aumento dell’assistenza sanitaria e della comunicazione a supporto di un ambiente familiare sano.
  • Nessun feedback chiaro. I “ritardi” associati a COVID-19 (periodo di incubazione, intervento e risultati dei test) causano emozioni e sentimenti snervanti. Le autorità dovrebbero sollecitare cautela nell’agire su segnalazioni epidemiche quotidiane, come cali momentanei o aumenti improvvisi, perché la volatilità casuale potrebbe essere confusa con una tendenza reale.
  • La tendenza a mantenere lo status quo. Le persone vorrebbero mantenere la normalità durante una crisi, ma un temporaneo scuotimento dello status quo non solo è necessaria, ma può essere vissuta come un’opportunità per rifocalizzare e rivedere le cose.
  • Norme sociali radicate. Il comportamento umano è modellato da norme come stringere la mano, abbracciarsi e altre forme di contatto umano, comportamenti che non sono facili da cambiare. Slogan, immagini e altri promemoria potrebbero aiutare a facilitare il cambiamento necessario. Medici e infermieri dovrebbero modellare i comportamenti corretti e possono anche diffondere le informazioni, in quanto sono esempi di comportamento per i pazienti.
  • Disturbo del senno di poi. Una volta che COVID-19 si placherà, il “senno del poi” porterà a castigare le autorità mediche che potrebbero aver reagito in modo eccessivo o insufficiente. La distribuzione irregolare dei casi all’interno e tra i paesi comporterà inoltre accuse di disuguaglianza e ingiustizia. Alcune critiche saranno corrette e giustificate, ma dati dinamici e contraddittori potrebbero rendere difficile stabilire esattamente ciò che si sapeva in quale momento e in che modo diversamente le cose sarebbero potute andare. Occorrerebbe una “mentalità collettiva” che ci unisca senza troppo soffermarci sui dettagli accaduti ad altri.

Il lavoro originale è consultabile qui:

Coronavirus, chi si informa su TV e social ne sa meno
Coronavirus, chi si informa su TV e social ne sa meno
Covid, la vergogna contribuisce a non denunciare le infezioni
Covid, la vergogna contribuisce a non denunciare le infezioni
Covid-19: nonostante la situazione, il rischio percepito cala
Covid-19: nonostante la situazione, il rischio percepito cala
La pandemia ha acuito il senso di solitudine, soprattutto nelle donne
La pandemia ha acuito il senso di solitudine, soprattutto nelle donne
In Italia vengono al mondo meno bambini, in tempo di pandemia
In Italia vengono al mondo meno bambini, in tempo di pandemia
Coronavirius: ecco l'identikit degli accumulatori di carta igienica
Coronavirius: ecco l'identikit degli accumulatori di carta igienica
COVID-19: la guida della New York University per sopravvivere
COVID-19: la guida della New York University per sopravvivere