Locuste: la lotta in Africa continua (ora insieme a Covid19)

4
17 Aprile 2020

Gli sforzi sostenuti per contenere la peggiore invasione di locuste del deserto in Africa orientale degli ultimi decenni stanno procedendo. L’infestazione rimane allarmante, in particolare in Etiopia, Kenya e Somalia.

Gli sforzi sostenuti per contenere la peggiore invasione di locuste del deserto in Africa orientale degli ultimi decenni stanno procedendo, nonostante i limiti del flusso di personale e attrezzature derivanti dalla pandemia globale di Covid19, ha dichiarato l’agenzia alimentare delle Nazioni Unite.

Purtroppo l’infestazione rimane allarmante, in particolare in Etiopia, Kenya e Somalia, dove rappresenta una minaccia senza precedenti per la sicurezza alimentare e il sostentamento di milioni di persone, ha osservato l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Le restrizioni imposte da molti paesi per contenere l’epidemia di coronavirus stanno creando sfide, ma la FAO ha affermato che sta lavorando con governi, agricoltori e produttori agricoli per superare gli ostacoli.

Non vi è alcun rallentamento significativo perché tutti i paesi colpiti che lavorano con la FAO considerano le locuste del deserto una priorità nazionale

ha affermato Cyril Ferrand, Team Leader della Resilience della FAO per l’Africa orientale che continua dicendo che

mentre i blocchi stanno diventando realtà, le persone impegnate nella lotta contro le locuste sono ancora autorizzate a condurre operazioni di sorveglianza e di controllo aereo e terrestre

Purtroppo le piogge diffuse di marzo hanno generato un drammatico aumento del numero di locuste, con nuovi sciami che si sono mossi dal Kenya nel Sudan meridionale e in Uganda.

La situazione è preoccupante anche in Iran e Yemen, dove sta emergendo una nuova generazione di locuste.

Finora, oltre 240.000 ettari in 10 paesi sono stati trattati con pesticidi chimici o biopesticidi e 750 persone sono state addestrate per eseguire operazioni di controllo delle locuste terrestri.

 

Fondamentale evitare l’interruzione dell’approvvigionamento di pesticidi

La pandemia di Covid19 sta avendo un impatto sulla fornitura di pesticidi e spruzzatori motorizzati. I ritardi nelle consegne di pesticidi a causa di una significativa riduzione delle operazioni di trasporto aereo globale stanno diventando un problema.

La nostra priorità assoluta è prevenire una ripartizione delle scorte di pesticidi in ciascun paese. Sarebbe drammatico per le popolazioni rurali i cui mezzi di sussistenza e sicurezza alimentare dipendono dal successo della nostra campagna di controllo

ha affermato Ferrand.

Per rispondere alle restrizioni dei movimenti di personale, la FAO sta facendo un maggiore uso della raccolta di dati a distanza attraverso una rete critica di partner, società civile, addetti alle estensioni e organizzazioni di base.

eLocust3: il dispositivo portatile in grado di registrare e trasmettere dati in tempo reale

Tutti i paesi hanno iniziato a utilizzare un robusto dispositivo portatile – chiamato eLocust3 – in grado di registrare e trasmettere dati in tempo reale via satellite ai centri di controllo delle locuste nazionali e al Desert Locust Information Service presso la sede della FAO.

Più di 450 dispositivi sono stati inviati a squadre nel Nord Africa, nel Vicino Oriente e nel sud-ovest asiatico.

Dobbiamo fare affidamento su una rete di partner sul campo al fine di raccogliere informazioni vitali perché non possiamo andare ovunque a causa di Covid19

ha dichiarato Ferrand.

Le locuste del deserto sono considerate il parassita migratorio più distruttivo del mondo: con un solo sciame costituito da fino a 80 milioni di esemplari in grado di coprire solo un chilometro quadrato può mangiare quanto 35 mila persone e percorrere 150 km al giorno. Devasta raccolti e decima pascoli. Decine di milioni di persone rischiano la fame.

 

 

Gli sciami di locuste potrebbero crescere di 20 volte

La FAO stima che il numero delle locuste potrebbe aumentare di altre 20 volte durante la prossima stagione delle piogge a meno che le attività di controllo non vengano intensificate.

Ha quindi aumentato il suo appello al finanziamento delle locuste del deserto a 153,2 milioni di dollari.

Nei sei paesi dell’Africa orientale più colpiti o a rischio di locuste – Etiopia, Kenya, Somalia, Sud Sudan, Uganda e Repubblica unita di Tanzania – circa 20 milioni di persone soffrono già di insicurezza alimentare.

Altri 15 milioni sono nella stessa drammatica situazione nello Yemen, che è già alle prese con l’impatto umanitario della guerra.

Covid19 è stato lento nel raggiungere l’Africa rispetto ad altre parti del mondo, ma l’infezione è cresciuta in modo esponenziale e continua a diffondersi, ha dichiarato l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) questa settimana. Il numero di casi confermati in tutto il continente a partire dal 7 aprile è ora oltre i 10.000, con già più di 500 morti.

 

Ne avevamo già parlato qua:

 

 

 

Aree Tematiche
Attualità Natura News Real Life Scienze
Tag
venerdì 17 aprile 2020 - 18:16
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd