Depressione invernale: una nuova molecola da sperimentare

3
13 Aprile 2020

depressione

Vi capita mai di sentirvi particolarmente tristi, senza apparente ragione, d’inverno? Potreste essere affetti da Disturbo affettivo stagionale.

Il disturbo affettivo stagionale (SAD) è un disturbo dell’umore per cui le persone che hanno una normale salute mentale durante la maggior parte dell’anno presentano sintomi depressivi allo stesso tempo ogni anno, più comunemente in inverno.

I cambiamenti stagionali nell’ambiente possono portare a comportamenti depressivi e ansiosi nell’uomo e negli animali.

Alle alte latitudini, comprese le regioni settentrionali degli Stati Uniti e dei paesi nordici, circa il 10% della popolazione soffre di depressione invernale (nota anche come disturbo affettivo stagionale: SAD).

I sintomi tipici della SAD includono malumore, problemi di sonno, ritmi circadiani interrotti, astinenza sociale, riduzione della libido e alterazioni dell’appetito e del peso corporeo.

La crescente incidenza del suicidio e del ritiro sociale associati alla depressione invernale è diventata un grave problema di salute pubblica e sono urgentemente necessari nuovi obiettivi terapeutici e terapie.

Tuttavia, i meccanismi alla base della depressione invernale rimangono poco chiari.

Un gruppo di biologi e chimici animali presso l’Institute of Transformative Bio-Molecules (ITbM), Università di Nagoya, ha utilizzato un approccio di genomica chimica per esplorare il meccanismo alla base della depressione invernale, secondo uno studio riportato sulla rivista PNAS.

I ricercatori sono riusciti a comprendere il meccanismo alla base del comportamento simile alla depressione invernale e hanno identificato una molecola che ha un effetto positivo sul comportamento simile alla depressione invernale nei pesci medaka.

I modelli animali svolgono un ruolo essenziale praticamente in tutti i campi della medicina nella comprensione della natura meccanicistica dei processi biologici e comportamentali, nonché nella scoperta di nuovi farmaci.

Piccoli pesci, come il pesce zebra e il medaka, sono emersi come potenti modelli per lo studio di disturbi cerebrali complessi e sono diventati preziosi strumenti farmacogenetici.

Il gruppo di ricerca ha dimostrato che il medaka è un eccellente modello animale per la depressione invernale.

Hanno osservato una riduzione della socievolezza e un aumento del comportamento simile all’ansia nei medaka esposti alle condizioni invernali usando un test di socievolezza a tre camere e un test del serbatoio chiaro-scuro

Per caratterizzare il paesaggio metabolomico di medaka tenuto in condizioni invernali ed estive, il gruppo di ricerca ha esaminato i metaboliti cerebrali interi e ha scoperto cambiamenti significativi in ​​68 metaboliti, inclusi neurotrasmettitori e antiossidanti associati alla depressione.

Un’analisi a largo spettro di moltissimi principi attivi ha identificato una molecola, il celastrol come in grado di avere un effetto sulla SAD attenuandone i sintomi.

I ricercatori hanno identificato, nei pesci meduka, il bersaglio del Celastrol: il gene NRF2 che è anche noto per svolgere un ruolo critico nella fisiopatologia della depressione.

Dati i sorprendenti parallelismi tra pazienti con SAD e medaka mantenuti in condizioni simili all’inverno, i risultati attuali forniscono importanti spunti sul meccanismo della depressione invernale e offrono nuovi potenziali bersagli terapeutici per il suo trattamento che coinvolge NRF2.

Poiché la maggior parte dei disturbi psichiatrici non sono causati da mutazioni di singoli geni e sono il risultato di disregolazione e anomalie in più strutture cerebrali e vie neurali, gli approcci genetici sono piuttosto difficili.

La depressione è considerata un adattamento a un ambiente difficile.

Dati i sorprendenti parallelismi tra pazienti con SAD e medaka mantenuti in condizioni simili all’inverno, i risultati attuali forniscono importanti spunti sul meccanismo della depressione invernale e offrono nuovi potenziali bersagli terapeutici per il suo trattamento che coinvolge NRF2.

Qui lo studio completo:

Vi abbiamo parlato di depressione anche qui.

 

Aree Tematiche
Medicina Scienze
Tag
lunedì 13 aprile 2020 - 17:38
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd