Videogiochi per allenare l’attenzione visiva

4
10 Aprile

videogiochi

Si può allenare l’attenzione visiva mentre si gioca ad un videogioco d’azione? Una nuova ricerca dice di si.

Moltissimi videogiochi d’azione che possono essere vinti attraverso la pianificazione strategica, l’attenzione selettiva, le capacità sensomotorie e il lavoro di squadra pongono notevoli esigenze al cervello.

La ricerca ha dimostrato che l‘esperienza dei giochi può migliorare lo sviluppo cognitivo come una maggiore sensibilità ai contrasti, una migliore coordinazione occhio-a-mano e una memoria superiore.

Ma gli effetti a lungo termine del gioco su una funzione cognitiva chiave chiamata attenzione selettiva visiva temporale, la capacità di distinguere tra informazioni importanti e irrilevanti all’interno di un rapido flusso di stimoli visivi, non sono mai stati studiati.

In un nuovo studio, i ricercatori dimostrano per la prima volta che i giocatori esperti di giochi di strategia in tempo reale hanno un’elaborazione delle informazioni più rapida, assegnano più potere cognitivo ai singoli stimoli visivi e allocano risorse cognitive limitate tra stimoli successivi in ​​modo più efficace nel tempo.

Questi risultati pubblicati in Frontiers in Human Neuroscience suggeriscono che giocare a questi giochi può causare cambiamenti a lungo termine nel cervello e portare a un miglioramento dell’attenzione selettiva visiva temporale.

Il nostro obiettivo era quello di valutare l’effetto a lungo termine dell’esperienza con giochi di strategia d’azione in tempo reale sull’attenzione selettiva visiva temporale

afferma l’autore Diankun Gong, professore associato presso il laboratorio chiave del Ministero dell’istruzione per la neuroinformazione presso l’Università di Scienze elettroniche e tecnologia della Cina.

In particolare, abbiamo voluto rivelare il corso del tempo dei processi cognitivi durante il battito degli occhi, un compito tipico utilizzato dai neuroscienziati per studiare l’attenzione selettiva visiva.

Il battito di ciglia attento è la tendenza degli osservatori focalizzati a non registrare correttamente uno stimolo visivo se appare così rapidamente dopo uno stimolo precedente che l’elaborazione cognitiva del primo non è terminata.

In una tipica attività di “lampeggiamento”, ai soggetti umani viene mostrato un flusso di cifre e lettere in rapida successione (con intervalli di 100 ms) e viene chiesto di premere un pulsante ogni volta che vedono una delle due lettere target (ad esempio D e M).

Le persone spesso “sbattono le palpebre” quando un secondo bersaglio appare entro 200-500 ms dal primo, e gli elettroencefalogrammi (EEG) suggeriscono che ciò è dovuto alla competizione per le risorse cognitive tra il primo stimolo rispetto al secondo.

In altre parole, le persone spesso non riescono a registrare M perché le risorse cerebrali sono temporaneamente esaurite dalla necessità in corso di elaborare qualsiasi D mostrata più di 200 ms e meno di 500 ms prima.

Per studiare l’effetto del gioco sull’attenzione visiva visiva temporale, Gong e colleghi hanno selezionato 38 volontari, giovani studenti maschi di salute dell’Università di Scienza e Tecnologia Elettronica.

La metà dei volontari erano giocatori esperti del tipico gioco League of Legends, in cui i compagni di squadra lavorano insieme per distruggere le torri di una squadra avversaria.

Questi volontari avevano giocato al gioco per almeno due anni, gli altri erano principianti, con meno di sei mesi di esperienza nello stesso gioco. Tutti i volontari erano seduti davanti a uno schermo e testati al test del battito d’occhio, con 480 prove per un periodo di circa 2 ore.

Maggiore è la tendenza di un volontario a “battere le palpebre”, meno frequentemente preme il pulsante corretto quando uno dei due bersagli appare sullo schermo, e peggio ha fatto nel complesso il compito.

I volontari indossavano anche elettrodi EEG sulla regione parietale (cioè i lati e la parte superiore) del loro cuoio capelluto, consentendo ai ricercatori di misurare e localizzare l’attività del cervello durante l’esperimento.

Questi elettrodi hanno registrato potenziali eventi correlati (ERP), piccoli potenziali elettrici (da -6 a 10 μV) che durano da 0 a 800 ms dopo ogni stimolo non lampeggiante e che rappresentano i processi neurali per la registrazione e il consolidamento della sua memoria.

I ricercatori si sono concentrati sulla cosiddetta fase P3b dell’ERP, un picco tra 200 e 500 ms dopo lo stimolo, perché ricerche precedenti hanno dimostrato che i suoi tempi e ampiezza riflettono accuratamente le prestazioni nel compito di lampeggiamento: si verifica la successiva P3b e minore è pronunciato, più è probabile che uno stimolo venga riconosciuto col battito le palpebre.

Abbiamo scoperto che i giocatori esperti di League of Legends hanno superato i principianti nel compito.

Gli esperti erano meno inclini all’effetto battito di ciglia, rilevando gli obiettivi in ​​modo più accurato e più veloce e, come mostrato dal loro P3b più forte, hanno dato risorse cognitive più attente a ciascun obiettivo

afferma il coautore Dr Weiyi Ma, professore associato di Sviluppo umano e scienze della famiglia all’Università dell’Arkansas, negli Stati Uniti.

I nostri risultati suggeriscono che l’esperienza a lungo termine di giochi d’azione strategici in tempo reale porta a miglioramenti dell’attenzione selettiva visiva temporale: i giocatori esperti sono diventati più efficaci nel distribuire risorse cognitive limitate tra obiettivi visivi successivi.

Concludiamo che tali giochi possono essere un potente strumento per l’allenamento cognitivo

afferma l’autore Dr Tiejun Liu.

Qui lo studio completo:

Aree Tematiche
Medicina Scienze Uncategorized
Tag
venerdì 10 aprile 2020 - 21:37
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd