Il tuo cane ha paura?

3
2 Aprile 2020

paura

Chi di voi ha un cane sa che spesso situazioni comuni possono risultare spaventose per il vostro animale e che certi cani hanno più paura di altri.

La paura è uno dei disturbi comportamentali più comuni nei cani. Come emozione, la paura è una reazione normale e vitale che aiuta le persone a sopravvivere in circostanze minacciose.

Quando la paura è eccessiva e disturba la vita del cane, viene indicato come un problema comportamentale.

L’eccessiva paura può compromettere in modo significativo il benessere del cane ed è anche noto che indebolisca il rapporto tra cane e proprietario.

La paura sociale nei cani è particolarmente associata alla paura legata a esseri umani e altri cani non familiari.

All’Università di Helsinki, i fattori di rischio che predispongono i cani alla paura sociale sono stati studiati con l’aiuto di un set di dati relativo a quasi 6.000 cani.

Il set di dati è stato selezionato da un set più ampio di dati, un sondaggio comportamentale che comprende quasi 14.000 cani.

Sulla base di questa indagine pubblicata recentemente su Nature, l’inadeguata socializzazione da cuccioli in varie situazioni e stimoli traumatici sembrano essere la causa più forte della paura sociale.

Anche l’ambiente di vita sembra fare la differenza, poiché i cani che vivono in ambienti urbani sono stati considerati più facili allo spavento rispetto ai cani che vivono in ambienti rurali.

Questo in realtà non è stato precedentemente studiato nei cani. Quello che sappiamo è che i problemi di salute mentale umana si verificano più frequentemente in città che nelle aree rurali. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi prima di poter dire di più sulle cause relative alla vita ambiente

afferma Jenni Puurunen, ricercatice presso la facoltà di medicina veterinaria dell’Università di Helsinki.

A sostegno di precedenti prove di ricerca, la paura sociale si è dimostrata più comune tra le femmine sterilizzate e nei cani di piccola taglia.

Oltre alle dimensioni e al genere, l’attività è un altro fattore associato alla paura. I cani paurosi erano meno attivi di quelli più audaci e anche i loro proprietari li coinvolgevano nella formazione e altre attività in modo significativamente meno frequente. Il professor Hannes Lohi dell’Università di Helsinki si chiede se questa sia una causa o una conseguenza

Si è già scoperto che l’attività e gli stimoli hanno un effetto positivo sul comportamento, sia nei cani che nell’uomo. Naturalmente, l’attività minore proposta ai cani paurosi può anche essere dovuta ai proprietari che desiderano evitare di esporre i loro cani a situazioni stressanti. Una possibilità è  che le persone tendano ad non essere altrettanto attive con i cani paurosi

sottolinea Lohi.

Inoltre, nello studio sono state identificate differenze significative tra le razze. I cani da pastore spagnoli e i cani pastore delle Shetland esprimevano maggiormente la paura sociale, mentre i Wheaten Terrier erano tra le razze più coraggiose.

Il Cairn Terrier e il Pembroke Welsh Corgi esprimevano solo poca paura nei confronti degli altri cani.

Le differenze tra le razze supportano l’idea che i geni hanno un effetto sulla paura, così come su molti altri problemi di salute mentale. Questo ci incoraggia a condurre ulteriori ricerche soprattutto in termini di ereditarietà. Tutto sommato, questo studio ci fornisce gli strumenti per migliorare il benessere del nostro migliore amico: una socializzazione diversificata nella cucciolata, uno stile di vita attivo e attente scelte di addestramento possono ridurre significativamente la paura sociale

riassume Lohi.

Il gruppo del professor Lohi studia l’epidemiologia del comportamento canino, nonché i relativi fattori ambientali e genetici e i cambiamenti metabolici.

 

Qui lo studio completo:

Aree Tematiche
Natura Scienze
Tag
giovedì 2 Aprile 2020 - 16:26
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd