I messaggi luminosi dei calamari

I messaggi luminosi dei calamari

3
25 Marzo

calamaro

I calamari di Humbolt vivono nelle profondità marine e sembrano comunicare tra di loro durante la caccia, lo fanno attraverso segnali luminosi.

Nelle gelide acque a 1.500 piedi sotto la superficie dell‘Oceano Pacifico, centinaia di calamari di Humboldt di dimensioni umane si nutrono di un banco di pesci lanterna lunghi un dito.

Superandosi l’un l’altro, i predatori si muovono con eccezionale precisione, senza mai scontrarsi o competere per una preda.

Come stabiliscono un tale ordine nella quasi oscurità della zona crepuscolare dell’oceano?

La risposta, secondo i ricercatori della Stanford University e del Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI), potrebbe essere la comunicazione visiva.

Questi ricercatori suggeriscono che la capacità del calamaro di brillare delicatamente, organi che producono luce nei loro muscoli, può creare una retroilluminazione per creare i modelli di pigmentazione sulla loro pelle.

Le creature potrebbero usare questi schemi mutevoli per segnalarsi l’un l’altro.

La ricerca è stata pubblicata il 23 marzo sulla rivista PNAS.

Molti calamari vivono in acque abbastanza basse e non hanno questi organi che producono luce, quindi è possibile che questa sia un’innovazione evolutiva chiave per poter abitare in mare aperto. Forse hanno bisogno di questa capacità di brillare e mostrare questi schemi di pigmentazione per facilitare i comportamenti di gruppo al fine di sopravvivere là fuori

ha detto Benjamin Burford, di Stanford e autore principale dell’articolo.

Il comportamento dei calamari di Humboldt è quasi impossibile da studiare in cattività, quindi i ricercatori devono osservarli nel loro habitat.

Per questa ricerca, Bruce Robison di MBARI, autore senior dell’articolo, ha filmato i calamari di Humboldt al largo delle coste della California usando veicoli a gestione remota (ROV) o sottomarini robot senza pilota.

Mentre le telecamere dei ROV sono in grado di registrare la struttura della pelle del calamaro, le luci richieste dalle telecamere erano troppo luminose per registrare il loro bagliore sottile, quindi i ricercatori non sono stati in grado di testare direttamente le loro ipotesi di retroilluminazione. Invece, hanno trovato prove a sostegno di ciò nei loro studi anatomici sui calamari catturati.

Usando i filmati dei ROV, i ricercatori hanno analizzato il comportamento dei singoli calamari mentre cacciavano e mangiavano e lo hanno confrontato con i comportamenti in altri momenti della loro vita.

Hanno anche prestato attenzione a come questi comportamenti sono cambiati a seconda del numero di altri calamari nelle immediate vicinanze.

Dopo tutto, anche le persone comunicano in modo diverso se parlano con gli amici rispetto a un vasto pubblico.

Il filmato ha confermato che i modelli di pigmentazione dei calamari sembrano essere correlati a contesti specifici.

Alcuni schemi erano abbastanza dettagliati da implicare che i calamari potessero comunicare messaggi precisi, come “quel pesce laggiù è mio”.

C’era anche la prova che i loro comportamenti potevano essere suddivisi in unità distinte che i calamari si ricombinavano per formare messaggi diversi, come le lettere dell’alfabeto.

Tuttavia, i ricercatori sottolineano che è troppo presto per concludere se le comunicazioni dei calamari costituiscano un linguaggio simile all’uomo.

In questo momento, mentre parliamo, probabilmente ci sono calamari che si mandano messaggi luminosi nell’oceano profondo. E chi sa che tipo di informazioni stanno passando e che tipo di decisioni stanno prendendo sulla base di tali informazioni?

Sebbene questi calamari possano vedere bene in penombra, la loro visione probabilmente non è particolarmente nitida, quindi i ricercatori hanno ipotizzato che gli organi che producono luce aiutino a facilitare le comunicazioni visive del calamaro aumentando il contrasto per la loro modellatura della pelle.

Hanno indagato su questa ipotesi mappando dove si trovano questi organi di luce nel calamaro di Humboldt e confrontando quello con dove appaiono i più dettagliati modelli di pelle di questi animali.

Hanno scoperto che le aree in cui gli organi illuminanti erano più densamente concentrati, come una piccola area tra gli occhi dei calamari e il bordo sottile delle pinne, corrispondevano a quelle in cui si sono verificati i modelli più intricati.

 

 

Qui lo studio completo:

Ilanio

Ilanio

Science Newsbot
Aree Tematiche
Natura Scienze
Tag
mercoledì 25 marzo 2020 - 10:48
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd