Come gli odori evocano i ricordi

4
19 Marzo

odori

L’esperienza personale, ma anche la letteratura, ci descrivono l’incredibile potere evocativo degli odori.

In un nuovo articolo pubblicato su Learning and Memory, i ricercatori del Center for Systems Neuroscience dell’Università di Boston rivelano quanto potere hanno gli odori nell’innescare la memoria delle esperienze passate e il potenziale dell’odore da utilizzare come strumento per trattare la memoria disturbi dell’umore.

Se l’odore potesse essere usato per evocare un ricordo – anche di un’esperienza traumatica – potremmo trarne vantaggio terapeuticamente

afferma il neuroscienziato della Boston University Steve Ramirez, assistente professore di Psicologia e scienze del cervello e autore dello studio.

Fino ad ora, la connessione profumo-memoria è stata una sorta di enigma.In effetti, anche i meccanismi alla base della formazione della memoria in generale sono stati discussi negli ultimi anni.

La teoria tradizionale, teoria del consolidamento dei sistemi, suggerisce che i nostri ricordi iniziano a essere elaborati da una piccola area cerebrale a ferro di cavallo chiamata ippocampo, che li infonde con ricchi dettagli.

Nel tempo, specialmente quando dormiamo, l’insieme di cellule cerebrali che è responsabile di mantenere un particolare ricordo si riattiva e riorganizza. Il ricordo viene quindi elaborato dalla parte anteriore del cervello, la corteccia prefrontale, e molti dettagli si perdono nel riordino

Questa teoria ha i suoi meriti. Per cominciare, spiegherebbe perché i nostri ricordi tendono a diventare un po’ sfocati col passare del tempo.

Aiuta anche a spiegare perché le persone con danni all’ippocampo non sono spesso in grado di formare nuovi ricordi mentre la loro capacità di mantenere vecchi ricordi prefrontali conservati nella corteccia rimane perfettamente intatta.

Al contrario, le persone che presentano danni alla corteccia prefrontale mostrano spesso il sapore di amnesia che vediamo spesso nelle soap opera: l’incapacità di ricordare il passato.

Tuttavia, i critici della teoria del consolidamento dei sistemi sostengono che in questa storia manchi un pezzo.

Se i ricordi scivolano fuori dall’ippocampo e si spogliano dei loro dettagli nel tempo, allora perché molte persone conservano vividi ricordi di un evento anche anni dopo, in particolare le persone con disturbo post-traumatico da stress? E perché i profumi, che vengono elaborati nell’ippocampo, a volte scatenano ricordi apparentemente dormienti?

Per rispondere a queste domande, Ramirez e i membri del suo laboratorio hanno creato ricordi di paura nei topi dando loro una serie di scosse elettriche innocue all’interno di un contenitore speciale.

Durante gli shock, metà dei topi sono stati esposti al profumo dell’estratto di mandorla, mentre l’altra metà non è stata esposta a nessun profumo. Il giorno successivo, i ricercatori hanno riportato i topi nello stesso contenitore per indurli a ricordare i loro ricordi appena formati.

Ancora una volta, i topi nel gruppo degli odori hanno ricevuto un soffio di estratto di mandorle durante la loro sessione, mentre il gruppo senza odore non è stato esposto ad alcun profumo. Ma questa volta, nessuno dei due gruppi ha ricevuto nuove scosse elettriche.

Coerentemente con la teoria del consolidamento dei sistemi, entrambi i gruppi hanno mostrato una significativa attivazione dell’ippocampo durante questa sessione di richiamo precoce, indicando che si sono ricordati di aver ricevuto gli shock dal giorno prima.

Tuttavia, durante la successiva sessione di richiamo 20 giorni dopo, i ricercatori hanno avuto uno shock per conto loro. Come previsto, nel gruppo senza odore, l’elaborazione della memoria della paura si era spostata nella corteccia prefrontale – ma il gruppo degli odori aveva ancora un’attività cerebrale significativa nell’ippocampo.

Questa scoperta suggerisce che possiamo influenzare l’ippocampo a ritornare attivo in un determinato punto temporale quando non ci aspetteremmo più che sia attivo perché la memoria è troppo vecchia. L’odore può fungere da spunto per rinvigorire o rigenerare quel ricordo con dettagli.

Ramirez aggiunge che non siamo ancora sicuri dell’esatto ruolo degli odori nell’elaborazione della memoria.

Forse gli odori ritardano il passaggio di un ricordo ad essere rielaborato dalla corteccia prefrontale, preservando così i dettagli più a lungo. In questo caso, un odore deve essere presente solo durante la formazione della memoria affinché una memoria mantenga la sua vividezza.

In alternativa, è possibile che lo spostamento alla corteccia prefrontale si verifichi ancora in una memoria associata agli odori, ma che se lo stesso odore emerge più tardi, l’ippocampo si riattiva e la memoria riacquista i dettagli che aveva perso.

Indipendentemente dai dettagli, Ramirez afferma che questa ricerca ci fornisce un “modello” di elaborazione della memoria negli animali, e queste informazioni potrebbero un giorno portare a scoperte nel trattamento delle condizioni di salute mentale negli esseri umani.

Molti trattamenti a base di psicoterapia e farmaci comportano il tentativo di sopprimere o smorzare i ricordi traumatici, ma questo processo può essere eseguito efficacemente solo quando le persone ricordano attivamente i ricordi.

“Ora che sappiamo che l’odore può spostare i ricordi per diventare più dipendente dall’ippocampo, potremmo potenzialmente sviluppare strategie che coinvolgono o disimpegnano l’ippocampo. E quindi potremmo integrare alcuni approcci comportamentali o basati sul farmaco per riportare l’ippocampo nello stato inattivo se il nostro obiettivo è sopprimere permanentemente un ricordo di paura “, dice Ramirez.

In altre parole, i profumi che scatenano i nostri ricordi possono essere più potenti di quanto pensiamo. Oggi servono come fattori scatenanti per la nostra nostalgia e la nostra ansia, ma domani potrebbero essere usati all’interno dei trattamenti.

Se volete saperne di più su come il cervello venga plasmato dalle esperienze, ve ne abbiamo parlato qui.

 

 

Qui, invece, lo studio completo dell’effetto degli odori:

Ilanio

Ilanio

Science Newsbot
Aree Tematiche
Medicina Scienze
Tag
giovedì 19 marzo 2020 - 10:32
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd