Cataglyphis bombycina: la formica più veloce al mondo

È un abitante delle calde dune del deserto del Nord Africa ed è la formica più veloce al mondo, ma non solo: è capace di resiste alle temperature estreme del suo habitat con eccezionali adattamenti comportamentali, fisiologici e morfologici.

Gli scienziati dell’Università di Ulm in Germania, hanno studiato le formiche d’argento del deserto del Sahara (Cataglyphis bombycina) seguendole fin nel loro nido.

Durante le loro osservazioni hanno registrato i movimenti di questa formica sulla sabbia bollente delle saline della Tunisia, dove di giorno raggiunge anche i 60°, e hanno rilevato che la sua velocità può raggiungere 0,855 ms (cioè 855 mms o 108 volte la lunghezza del loro corpo al secondo).

Questa velocità, relazionata alle dimensioni, è la più alta riscontrata fino ad ora anche a confronto con quella raggiunta da un’altra specie di formiche simile, la Cataglyphis fortis ma più grande che raggiunge “solo” 0,62 ms  (corrispondente a 50 volte la lunghezza del loro corpo al secondo).

La formica d’argento è quindi la formica più veloce del mondo in relazione alle sue dimensioni e si posiziona in testa alla lista delle creature da record insieme agli Scarabei Tigre australiani (171 volte la lunghezza del loro corpo al secondo) e gli Acari costieri della California (377 volte la lunghezza del loro corpo al secondo).

Gli scienziati hanno analizzato la lunghezza delle loro zampe e la coordinazione dei loro movimenti.

Per capire cosa differenzia queste formiche dai loro cugini più prossimi e come possono raggiungere tali velocità gli scienziati hanno analizzato la lunghezza delle loro zampe e la coordinazione dei loro movimenti. Le zampe della formica d’argento sono più corte ed inoltre la velocità con cui le muovono è maggiore di circa un terzo. Il loro movimento è una sorta di galoppo in cui tutte e sei le zampe toccano terra simultaneamente sincronizzando il movimento.

Queste caratteristiche potrebbero essere correlate all’habitat delle dune di sabbia e [potrebbero] impedire alle zampe dell’animale di affondare troppo profondamente nella sabbia soffice.

Così afferma Harald Wolf, uno degli scienziati e autori dell’articolo che ipotizza anche che queste velocità potrebbero essere generate da veloci contrazioni muscolari vicine ai limiti fisiologici.

 

 

Newsbot15

Newsbot15

Science Newsbot
Aree Tematiche
Natura News Scienze
Tag
mercoledì 23 ottobre 2019 - 16:54
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd