Nuovi studi indicano la Russia come luogo di provenienza della nube radioattiva rilevata nel 2017 in Europa

153
2 anni fa

Fu il più serio rilascio di materiale radioattivo dall’evento di Fukushima del 2011, ma passò quasi inosservato dall’opinione pubblica europea.

Nel settembre del 2017 la nube attraversò l’Europa: ora un nuovo studio pubblicato dopo l’analisi di più di 1300 misurazioni provenienti da vari paesi svela l’entità dell’incidente.

Il risultato mostra che non fu coinvolto un reattore nucleare, bensì un impianto di riprocessamento.

Il risultato mostra che non fu coinvolto un reattore nucleare, bensì un impianto di riprocessamento.

La valutazione della concentrazione dei residui radioattivi e il modello atmosferico suggeriscono che la zona del sito di rilascio fu ubicata negli Urali del sud, ovvero dove è situato l’impianto di Majak, già responsabile di un grave incidente nel 1957 : il disastro di Kyshtym.

 

I livelli di materiale radioattivo misurato non hanno per fortuna raggiunto in nessuna parte d’Europa valori considerati pericolosi per la salute.

Strutture per lo stoccaggio di materiale fissile a Mayak

 

 

Fukushima: la Corea del Sud ha da ridire sul riversamento
Fukushima: la Corea del Sud ha da ridire sul riversamento
Fukushima e l'acqua contaminata della centrale nucleare, al via il riversamento nell'oceano
Fukushima e l'acqua contaminata della centrale nucleare, al via il riversamento nell'oceano
Facebook, ora la battaglia per le news si sposta in Europa
Facebook, ora la battaglia per le news si sposta in Europa
L'ultima ondata di caldo in Europa sembra essere legata al riscaldamento climatico globale
L'ultima ondata di caldo in Europa sembra essere legata al riscaldamento climatico globale
Uber: Tribunale di Roma accoglie il ricorso, salvo il servizio “Black”
Uber: Tribunale di Roma accoglie il ricorso, salvo il servizio “Black”
After Wave, il documentario sul dopo-tsunami Giapponese
After Wave, il documentario sul dopo-tsunami Giapponese
Il parlamento europeo dice no all’Acta
Il parlamento europeo dice no all’Acta