Pornhub 2017: un anno di porno

3 anni fa

8 minuti

Gli anni passano, il mondo cambia, i sacchetti della spesa non sono più quelli di una volta, ma se c’è una cosa su cui possiamo sempre contare è il costante affetto che il genere umano manifesta nei confronti del porno. Benvenuti all’ennesimo riassunto di Pornhub: Year in Review.

Cari amici e amiche ipovedenti, ben tornati al consueto appuntamento annuale che svela senza mezzi termini le perversioni dei nostri vicini di casa (noi no, siamo tutti immacolati, ovviamente).

Il 2017 è stato un grande anno per il porno con un incremento delle visite al sito di Pornhub del circa il 23%.

Un totale di 28,5 miliardi di visite annuali e 81 milioni di accessi giornalieri su Pornhub e tutto questo senza problemi di demonetizzazione. Fateci un pensierino cari Youtuber…

Le ricerche effettuate sono state 25 miliardi pari a 800 ricerche al secondo, sappiate che è lo stesso numero di hamburger che McDonalds vende ogni secondo in tutto il mondo. Non che le cose siano collegate, credo.

Nel 2017 sono stati caricati 68 anni di filmati e questo, cari amici, esclude la possibilità di incappare in repliche, anche se mi rendo conto che la trama sia un po’ sempre la stessa.

Il flusso di dati ha una media di 118 GB al secondo per un totale di 3732 petabytes annuali.

 

 

 

 

 

Le parole chiave

Le fantasie dei novelli Muzio Scevola vedono al primo posto tra i termini più cercati Porn for women con una crescita del 1400% rispetto all’anno scorso. Non ho ben capito quanto sia utile andare su un sito come Pornhub per cercare video specifici per le donne, ma sicuramente è un chiaro segno di un’ulteriore coinvolgimento del bacino d’utenza femminile.

Se pensate che il mondo stia diventando un posto migliore, sbagliate di grosso.

Al secondo posto nella classifica delle new entry 2017 c’è Rick and Morty e al terzo Fidget Spinner. Ora, voi lo sapete che io ci tengo alla precisione, quindi sono andato a vedere in cosa consiste il porno fidget spinner.

Al secondo posto nella classifica delle new entry 2017 c’è “Rick and Morty” e al terzo “Fidget Spinner”.

A parte video in cui la gente  si infila girandole in posti dove non dovrebbero stare, uno ha attirato la mia attenzione (NSFW). Con 125 mila visite e un 86% di voti positivi la trama si incentra su gente che simula un rapporto a tre tra un fidget spinner rosa, uno verde e uno nero… quest’ultimo credo sia per attirare l’interesse anche dei fan della categoria multiracial.

Al quinto posto ASMR che sta per Autonomous Sensory Meridian Response, cosa che immagino non vi dica assolutamente niente. Si tratta di video disorientanti (NSFW) in cui porno attrici leccano microfoni o sussurrano parole tipo “si, si” o “sono tutta tua”.

Praticamente un ritorno delle hotline degli anni ’90, ma supportate da un poco utile formato video e nemmeno in diretta… contenti voi.

 

 

 

 

Per quanto riguarda i termini più ricercati invece abbiamo lesbian in vetta alla classifica per il terzo anno di seguito.

Come già detto negli anni precedenti questa ricerca difficilmente verrà scalzata visto che mette facilmente d’accordo uomini, donne e bisex. In seconda posizione, con 6 posti in più rispetto all’anno scorso, troviamo hentai che non sto a spiegarvi cosa sono perché vista la posizione in classifica è poco plausibile siate a digiuno in materia. Al terzo posto, stabile, milf.

Teen perde due posizioni, ma le cheerleader ne prendono 366… si vede che teen era troppo generico come termine da cercare.

La gente si fa sofisticata.

 

 

 

 

 

La pornostar di maggior successo quest’anno è Riley Reid (NSFW) che, non a caso, noi avevamo scelto come copertina del report dell’anno scorso. Al secondo posto Mia Khalifa (NSFW) e al terzo l’attrice più premiata di tutti i tempi, la vincitrice dell’anno scorso oltre che del 2010, 2011 e 2013, Lisa Ann (NSFW). Sasha Grey, protagonista di meme e tormentoni degli anni scorsi, si attesta in fondo alla classifica, al 20esimo posto.

Per quanto riguarda gli attori uomini, Mandingo (NSFW), nome di fantozziana memoria e vincitore del 2016, è stato battuto dalla new entry dal nome ancora più buffo Jordi El Nino Polla (NSFW).

Io continuo a non capire come si possano prendere sul serio pseudonimi di questo tipo, donne spiegatemelo nei commenti, vi prego.

 

 

 

 

Paese che vai… porno che trovi

Il porno quest’anno ha guadagnato nuovi seguaci in tutto il mondo.

L’ etiopia e il Sud Korea prendono rispettivamente 68 e 49 posti in classifica, l’Italia invece è stabile al 9 posto tra Brasile e Australia.

Abbiamo però migliorato la nostra durata sul sito. Come ogni anno, Pornhub valuta la durata dell’interesse alla tematica proposta e devo farvi i complimenti, abbiamo migliorato il tempo di ben 53 secondi rispetto al 2016.

Non che la cosa sia stata utile visto che sono migliorati un po’ tutti tra cui quei bradipi dei filippini che dominano la classifica da anni… che poi cosa ci sarà di interessante su Pornhub da rimanerci 13 minuti e 28 secondi?

 

 

Stati Uniti e Regno Unito hanno permesso a fidget spinner di entrare in classifica. Io capisco che vogliano tenere le mani impegnate, ma ragazzi, ve lo dico con sincerità, usate un minimo di buonsenso.

In Giappone pissing guadagna un bel 198% perchè il tuo partner non ci tiene abbastanza a te se non te lo dimostra marcandoti come il palo del giardinetto pubblico sotto casa.

In Giappone pissing guadagna un bel 198%

Nel frattempo in Germania continua la deriva trasgressiva dell’anno scorso con i tedeschi che parlano sconcio prendono altre 3 posizioni in classifica.

A dimostrazione che da quelle parti c’è qualche difficoltà logistica prende 4 posizioni in classifica anche JOI (jerk off instructions) ovvero video di una noia mortale in cui gente ti spiega come nascono i bambini con gesti, voce suadente e un conto alla rovescia finale per scongiurare il rischio di arrivare corti al traguardo.

Per quanto riguarda l’Italia sono anni che cerco di capire perché la classifica sia dominata da amatoriale napoli, napoli, napoletane etc etc… ho un sospetto, ma preferisco non esplicitarlo e continuare ad avere un briciolo di fiducia del genere umano.

In Brasile, incredibilmente, il termine più cercato è  ancora Overwatch, il famoso videogioco della Blizzard.

I russi si distinguono sempre per farsi portatori dell’avanguardia dell’apocalisse dando ampio spazio contemporaneamente a Overwatch, al secondo posto dei termini più cercati, e ai fidget spinner.

 

 

 

 

Categorie

Tra le categoria di maggior successo continuano a dominare le lesbiche, seguite da MILF e Ebony.

Nell’ottica di recuperare i tedeschi nella classifica della durata, alcune categorie possono venire in aiuto. I dati dicono, infatti, che la permanenza su Amateur (14 min e 31 sec) è decisamente superiore rispetto alla durata con le Red Head (7 min e 41 sec).

Fatevi i vostri conti per il 2018 che sono stufo di vederci sotto ai crucchi in termini di durata.

Menzione particolare va fatta a Pakistan e Papua Nuova Guinea, unici al mondo a mettere la categoria Big Dick in cima ai propri interessi.

 

 

 

 

Uomini e Donne

Uomini e donne sono concordi nel preferire le cheerleader, ma gli uomini amano anche le francesi (con un +223% rispetto al 2016), minecraft (+ 156%), mmd (+139%) e gli onnipresenti fidget spinner… e poi uno non deve dire che siamo degli eterni immaturi.

Se durante l’anno vi siete dimenticati cosa cavolo siano i porno mmd (miku miku dance) eccovi un disorientante nuovo assaggio (NSFW)

Per quanto riguarda la proporzione uomo/donna sono di nuovo le Filippine ad avere il rapporto migliore. Le italiane sono invece al terzultimo posto della top 20 con un risicato 23%.

 

 

 

 

 

Gli strumenti del piacere

La praticità del porno a portata di mano sembra aver conquistato il pubblico che per il 67% segue la propria categoria preferita da smartphone. Il sistema operativo maggiormente diffuso è Android, seguito a stretto giro da iOS. Windows mobile si attesta ai livelli del rumore di fondo con un misero 2%.

Grande successo invece per il Nintendo 3DS dal quale si registrano un aumento del 110% degli accessi a Pornhub.

 

 

 

 

Videogames che passione

Qualche milione di persone ha pensato bene di fantasticare sui momenti di intimità dei propri eroi, perciò Batman è stato cercato oltre 3 milioni di volte (+1595%), D.Va quasi 4 milioni di volte (+536%), Ash, il sempre giovane allenatore di pokemon, quasi 1 milione di volte e Pikachu, che può dare una scossa ai vostri momenti di privacy, oltre 200 mila volte.

Stupiscono le 355 mila ricerche di Gardevoir, pokemon a me totalmente sconosciuto di cui ora vi beccate un video (NSFW).

 

 

 

 

Distrazioni

Ci sono poche cose che battono il porno. Dai numeri che state leggendo, penso vi rendiate conto, che si tratta di un passatempo a cui la gente difficilmente rinuncia.

Ci sono però dei casi, tipo la finale di Champions League, nei quali si registra un calo di accessi di circa il 20%. L’ equivalente svizzero, con un -16% di accessi, è la finale di Wimbledon… i soliti snob.

Nell’ Agosto 2017 l’eclissi totale di Sole ha portato ad un calo degli accessi superiore al Super Bowl… Scienza 1 – Porno 0

 

 

 

 

La cosa che tiene lontano gli italiani dal loro passatempo digitale preferito, invece, sono le grigliate con un calo del 21% a Ferragosto.

Levati Kim Kardashian che c’ho le salamelle sul fuoco.

 

 

 

Il consueto viaggio alla scoperta delle abitudini sconce del mondo si conclude qui. Ci risentiamo tra un anno. Buon 2018 e buona navigazione.

Della stessa serie Pornhub: Year in Review potrebbe interessarti anche:

 

…e anche questo ti piacerà:

 

 

 

 

Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
WandaVision, la spiegazione del finale
WandaVision, la spiegazione del finale
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Tutti gli easter egg dell'ottavo episodio di WandaVision
Tutti gli easter egg dell'ottavo episodio di WandaVision