Carta Hype: due anni dopo

3 anni fa

8 minuti

Chi mi segue da tempo saprà che due anni fa ho scritto un paio di articoli di introduzione ad una nuova carta di pagamento ricaricabile: Hype. La carta mi era piaciuta molto ed è diventata la mia carta principale quando viaggio in giro per il mondo. In questo articolo vi racconto come funziona e come mi sono trovato nell’uso di tutti i giorni.

Silvia: Antonio ci ha chiamato Hype e vorrebbero un nuovo articolo sulla loro carta di pagamento, ti va di scrivere un aggiornamento?

Antonio: Come no, dopo che ne ho parlato due anni fa ho continuato ad utilizzarla ogni giorno, ne parlo più che volentieri, è la carta che consiglio quando mi chiedono quale fare…

Ottimo, ne saranno contenti, fai un bel pezzo in cui racconti come va e come la usi?

Si. Cerco anche di trovare qualche difetto magari, perché altrimenti sembra un marchettone…

Ok, fai quello che devi fare…

Ci provo. Digli che me ne mandino una nuova che la mia è diventata vecchia e brutta, voglio quella con la grafica nuova!

Ehm.. non credo si possa…

Mai una gioia :(

 

 

Il problema con Hype è trovare un difetto per non sembrare troppo di parte.

Come due anni fa, questo articolo nasce da una richiesta di Hype e non ho certo intenzione di nasconderlo, tanto più che il prodotto è ottimo e quindi non devo sforzarmi per niente per parlarne bene. Anzi, come vedremo, il problema è trovare un difetto per non sembrare troppo di parte.

Hype è stata una delle primissime nuove carte di pagamento ricaricabili dotate di IBAN e completamente gestibili tramite un’app companion da smartphone. Detta così sembra complicata, ma è davvero l’uovo di Colombo in un certo senso: è possibile richiedere la carta direttamente dall’app, disponibile per iOS, Android e Windows Phone, senza dovere recarsi in banca, fare file o lunghe telefonate.

In pochi minuti ci si registra, basta un documento e il codice fiscale, e si ottiene già la propria carta “virtuale” associata all’app. Quella fisica si riceverà in un paio di giorni a casa.

Non serve spedire nulla o recarsi da qualche parte, si fa tutto online o nella app in cinque minuti: una bella rivoluzione rispetto al passato.

È tutto completamente gratis, non ci sono sorprese: scaricate l’app dallo store del vostro smartphone, vi registrate e via, siete pronti ad utilizzarla.

La base è molto semplice: parliamo di una carta di pagamento che è possibile ricaricare in varie maniere: con un’altra carta, con un bonifico oppure per chi proprio non riesce a fare a meno del contante è anche possibile ricaricarla presso le succursali del Gruppo Banca Sella.

I soldi dentro Hype saranno liberamente utilizzabili come una normale carta di pagamento, oppure come Bancomat, con prelievi senza commissioni presso gli sportelli ATM in tutto il mondo. Sarà inoltre possibile effettuare bonifici gratuiti direttamente da dentro l’app oppure scambiare soldi in maniera instantanea e gratuita con altri titolari di Hype che in questi due anni sono diventanti oltre 100.000 in Italia. Sempre da dentro l’app è inoltre possibile ricaricare il proprio conto telefonico gratuitamente.

 

 

c’è una comoda sezione di gestione del proprio denaro che ti mostra come lo stai spendendo e permette anche di risparmiare per un acquisto futuro.

Oltre a queste funzionalità di pagamento c’è tutta una comoda sezione di gestione del proprio denaro che ti mostra come lo stai spendendo (ogni spesa è categorizzata in automatico e può essere personalizzata con un hashtag) e permette anche di risparmiare per un acquisto futuro, impostando quanto Hype deve mettere da parte e in quanto tempo: in questa maniera l’app preleverà dal saldo della carta i soldi necessari per raggiungere la cifra stabilità nel tempo che vi siete dati, automaticamente.

Queste, in estrema sintesi, tutte le funzionalità principali di Hype: inutile dire che questa carta ha avuto successo perché funziona bene, è gratis e offre condizioni praticamente uniche.

Sinceramente non mi stupisco del suo successo visto che, come vi spiegavo nell’introduzione, è diventata la mia carta preferita negli scorsi due anni. Ho provato anche altre carte simili, gestite con app e con IBAN associato, ma nessuna raggiunge tutte le funzionalità, semplicità e condizioni d’uso di Hype.

 

 

Sta per arrivare anche il supporto ad Apple Pay e agli acquisti NFC da Android, mentre è già presente da anni il pagamento integrato contact-less.

Negli scorsi due anni ad esempio l’app è stata aggiornata più volte diventando sempre migliore e offrendo tutte le ultime tecnologie a disposizione, come l’accesso con Touch ID su iOS che permette di non dover inserire la password ad ogni apertura (è presente il supporto anche su Android per gli smartphone abilitati) o la possibilità di salvare fino a cinque altre carte da utilizzare per ricaricare istantaneamente Hype solo quando serve, per il massimo della sicurezza. C’è anche una sezione “offerte” in cui verificare diverse offerte di terze parti.

Sta inoltre per arrivare anche il supporto ad Apple Pay e agli acquisti NFC da Android, mentre è già presente da anni il pagamento integrato contact-less.

Altre novità in arrivo molto interessanti sono la possibilità di richiedere un “credito istantaneo” direttamente da dentro l’app, una riserva di denaro extra che sarà poi rimborsabile a rate senza contratti cartacei o complesse procedure burocratiche.

In arrivo anche la possibilità di pagare le bollette delle principali utenze ed enti pubblici direttamente tramite l’app, altra comodità enorme.

Dal canto mio utilizzo Hype soprattutto durante i miei viaggio all’estero durante l’anno, in Europa, Stati Uniti e Giappone in particolare.

Non ho mai avuto problemi di sorta con questa carta: addirittura accetta i pre accrediti di hotel e car rental, cosa particolarmente “rara” in questo tipo di carte di pagamento. In pratica gli hotel spesso vi chiedono una carta di credito al momento del check-in e fanno un pre accredito, una specie di caparra insomma… beh la maggior parte delle carte ricaricabili rifiuta questi pre accrediti e non è quindi presentabile in albergo, un bel problema non presente in Hype che invece è sempre accettata.

Utilissimo poi il prelievo gratuito in tutto il mondo: nei rari casi in cui ho bisogno di contante mi basta recarmi ad un ATM in USA o ad esempio ad un 7-Eleven in Giappone per prelevare contante locale senza spese di prelievo.

Ogni volta che viene effettuata una spesa l’app vi avvisa con una notifica sullo smartphone e vi arriva anche un SMS. La lista dei movimenti è sempre aggiornata in tempo reale e la carta è utilizzabile sempre, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, altra grandissima comodità quando si è all’estero che alcuni concorrenti invece non offrono.

Nel caso di smarrimento o di particolare precauzione è possibile da dentro l’app bloccare completamente la carta o solo alcune delle sue funzioni (pagamento online, offline, prelievi, etc)

 

 

La carta Hype “Start” è completamente gratuita, ma ha dei limiti di utilizzo abbastanza bassi.

Come già detto più volte la carta Hype “Start” è completamente gratuita, ma ha dei limiti di utilizzo abbastanza bassi, in particolare è possibile ricaricare un massimo di 2500 euro all’anno. Va bene insomma se pensate di utilizzarla ad esempio durante qualche viaggio, ma non se la volete utilizzare tutti i giorni come carta principale.

In questo caso sarà necessario fare l’upgrade a Hype Plus: sarà possibile richiedere l’aggiornamento direttamente online e la carta e l’app rimangono le stesse, semplicemente cambiano completamente i limiti di utilizzo e c’è un costo mensile davvero minimo: solo un euro.

Personalmente sono passato ad Hype Plus dopo qualche mese, quando mi sono reso conto che avrei continuato ad utilizzarla molto e che mi serviva un limite di ricarica più alto

Con la Plus il limite anno passa a 50.000 euro, direi più che sufficiente per quasi tutti gli utilizzi.

Insomma faccio davvero fatica a trovare difetti ad Hype e sono ben contento di parlarne ancora dopo due anni perché è sempre bello consigliare un buon prodotto, da parte mia direi che sono più che soddisfatto, mi manca solo l’integrazione con Apple Pay (che arriverà a brevissimo mi dicono, sono impaziente!) e magari la possibilità di personalizzare esteticamente la propria carta come fanno altri concorrenti, magari potendola aggiornare anche solo una volta all’anno con una nuova… per il resto davvero faccio fatica a trovare difetti degni di nota o feature grosse mancanti, Hype è davvero consigliata da Incauto Acquisto!

 

 

Promozioni & Offerte

Se vi interessa, c’è una nuova promozione attiva da ieri: se invitate i vostri amici a diventare “hyper” c’è un bel buono acquisto Amazon ad aspettarvi:

📣 Venghino signori, venghino! 📣 😂E' ufficialmente riaperto il contest: ▪️ Ogni 5 dei tuoi contatti che diventeranno HYPEr riceverai un Buono Regalo Amazon.it del valore di 50€. 🚀▪️ Per ognuno di loro, 10€ di bonus 💶 In più, facendo registrare 100 amici vinci una fantastica Mountain Bike con cambio shimano 27 rapporti! 🚲No scherziamo: ma guarda il video perché c'è molto di più. 👍🏻A questo link il regolamento completo: https://www.hype.it/promozioni

Posted by HYPE on Tuesday, November 21, 2017

Se avete intenzione di richiederla allora utilizzate il codice “SPECIAL10” e, se ricaricate almeno un 1 euro entro sette giorni, riceverete un bonus sul saldo di 10 euro da spendere come vi pare.

 

Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
WandaVision, la spiegazione del finale
WandaVision, la spiegazione del finale
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer