La Mega Guida alle serie Super Sentai

4 anni fa

17 minuti

Stanno per arrivare al cinema i Power Rangers, o meglio, i “nostri” Power Rangers, dato che Hollywood sfrutta il filone della nostalgia a ci ripropone i beniamini dei bambini degli anni ’90.

Saranno loro a tentare di creare un nuovo franchise per adolescenti, dato che il film punta decisamente su questo target.

Non è detto che una formula improntata all’identificazione degli spettatori giovani nei protagonisti possa essere adeguata: in fondo, sarà una “origin story” dove i botti saranno riservati nel gran finale.

Sono curioso e ormai l’attesa sta per finire.

 

 

 

 

C’era una volta in Giappone

Come ampiamente descritto in questo articolo precedente, la storia dei Power Rangers parte da lontano, dal Giappone degli anni ’70 degli eroi mascherati live-action.

 

Le serie Super Sentai hanno fatto furore in tv e lo fanno ancora, sebbene trasformate e declinate al gusto dei tempi.

Le serie prodotte sono (al momento) 41, quindi mettiti comodo per questa carrellata tra l’eroico, l’epico, il leggendario e il trash e fai salire la tua voglia nascosta di tutine, caschi e piroette in aria.

 

 

 

 

Himitsu Sentai Gorenger (1975–1977)

La prima seri Sentai (non ancor Super) in assoluto, ideata a prodotta dal padrino Shotaro Ishinomori.

 

power rangers Himitsu Sentai Gorenger

 

Un team di giovani spie combatte contro i loschi piani di una organizzazione segreta di mostri terroristi: la Black Cross Army.

Fun fact: la prima è anche la più longeva stagione dei Sentai mai prodotta. Consiste infatti in ben 84 episodi!

 

 

 

 

J.A.K.Q. Dengekitai (1977)

Arrivano i cyborg e gli piace giocare a poker, considerato che il tema delle carte da gioco è il fil rouge che unisce i loro costumi e alcune armi dei protagonisti, che in realtà lavorano per l’Interpol.

 

 

Al pubblico nipponico il gioco d’azzardo è piaciuto meno, tanto che la serie fu cancellata dopo “appena” 35 episodi per i bassi ascolti.

 

https://www.youtube.com/watch?v=tkji3OaVrcI

 

 

 

Battle Fever J (1979)

Dopo un anno “sabbatico”, tornano in pista i fantaccini colorati e saltellanti, stavolta sotto forma di un team internazionale che combatte contro le forze del Male capeggiate dal narcisista Mr. Egos.

 

 

Da notare che ogni personaggio aveva il suo balletto caratteristico. Questa fu la prima serie con la collaborazione della Marvel, fresca dell’esperienza dello Spider-Man giapponese.

Da lì, come spiegato nell’articolo precedente, i Sentai diventarono Super con l’introduzione di robottoni e armi che si combinano.

 

https://www.youtube.com/watch?v=YZ3aI6EmlWk

 

 

 

Denshi Sentai Denjiman (1980)

I robottoni sono individuali, si trasformano e si combinano: Mazinga fatti più in là!

 

 

Un passo avanti verso i temi peculiari delle serie.

La Toei, che ha il completo controllo nella produzione, decide anche di introdurre “l’oggetto magico” che trasforma ogni singolo personaggio nel ranger: in questo caso si tratta di un anello.

Fun fact: i cattivi fanno parte del “Vader Clan” (!!!)

 

 

 

Taiyo Sentai Sun Vulcan (1981)

Sequel diretto della serie precedente, ne eredita i cattivi inaugurando una modalità narrativa non sempre applicata ma interessante.

 

 

Qui i protagonisti sono tre, divisi nel classicissimo Terra, Aria, Acqua che ricorda un po’ i Centurions mentre i robot si rifanno allo schema di God Sigma.

Unica serie ad avere solo tre protagonisti, e tutti maschi (sessismo!!!11!1!!)

 

https://www.youtube.com/watch?v=vaGFrW3TuRU

 

 

 

Dai Sentai Goggle V (1982)

Una delle poche serie ad essere arrivata in Italia, sui canali tv privati, parlava di cinque possenti atleti che combattono minacce provenienti dal passato, grazie all’aiuto di poteri derivanti da gemme.

 

 

Curioso che l’origine dei cattivi (se ben ricordo) fosse la Turchia, dove nasce la malvagia organizzazione contrastata dallo scienziato che dona i poteri ai cinque eroi (con il suo Comboyputer. Si chiama così, non scherzo)

 

 

 

 

Kagaku Sentai Dynaman (1983)

Serie memorabile soprattutto per motivi legati alla moda: per la prima volta si usano le tutine di spandex e si tolgono ai personaggi le sciarpe abbinate ai caschi (bricconcelli!).

 

 

Si iniziano a sviluppare storie degne di questo nome e archi narrativi di ampio respiro, mettendo persino in luce eroi che caratteristiche “ambigue” (che torneranno poi alla grande con il nostro Green Ranger)

 

https://www.youtube.com/watch?v=MLXyKefzD8s

 

 

 

Choudenshi Bioman (1984)

Finalmente due donne nel team di cinque componenti! Poco altro da sottolineare, se non per la prima volta il robot che aiuta i protagonisti.

 

 

I quali sono discendenti di una antica stirpe che blablabla, e hanno le Bio Particelle che permettono la trasformazione il meravigliosi pupazzetti di spandex.

 

 

 

 

Dengeki Sentai Changeman (1985)

Si torna nei temi internazionali: le creature leggendarie dell’Europa sono il trait d’union di questa serie dove un corpo militare specializzato combatte contro una potenziale invasione aliena della Terra da parte dei brutti e cattivi Gozma.

 

 

Questa è la seconda serie più longeva della storia dei Super Sentai.

 

 

 

 

Choushinsei Flashman (1986)

Una delle serie più compatte e drammatiche, soprattutto verso la fine, parla di cinque bambini rapiti dagli alieni del Mass Empire, che tornano sulla Terra con poteri speciali e voglia di vendetta.

 

 

Viaggi tra pianeti e ricerca della famiglia perduta sono i due binari principali della stagione.

Fun Fact: sono stati i primi ad avere un secondo robot ad affiancarsi al primo.

 

 

 

Hikari Sentai Maskman (1987)

Si torna nel territorio delle arti marziali pure e semplici. I cattivi vivono sottoterra e vogliono trasformare il mondo in una landa gelida e deserta.

 

 

Solo cinque giovani addestrati da un guru della lotta potranno fermarli.

Fun fact: Sono stati i primi ad avere i cinque mecha che si uniscono in un unico robot, e i primi in assoluto a veder comparire un “misterioso” sesto componente, durato solo lo spazio di un episodio!

 

 

 

 

Choujuu Sentai Liveman (1988)

Arrivano gli animali!

 

 

Ogni componente ne rappresenta uno e per la prima volta anche i mecha sono tutti basati sul regno di Madre Natura.

Team originale di tre componenti che dopo pochi episodi vede aggiungersi altri due membri.

Fun Fact: stavolta i due robot finali si combinano addirittura tra loro. Yeppa!

 

 

 

 

Kousoku Sentai Turboranger (1989)

Rombano i motori, come suggerisce il “Turbo” del titolo, ma soprattutto per la prima volta si mettono in campo solo teenager per la composizione del team dei ranger.

 

Il regno delle Fate, con i poteri fiaccati dall’inquinamento della razza umana, assiste i nostri eroi nella notta alle tribù demoniache.

 

 

 

 

Chikyuu Sentai Fiveman (1990)

Molte particolarità in questa serie dove per combattere una minaccia del passato si unisce un team inedito.

 

 

Per la prima volta infatti si tratta di cinque fratelli e sorelle alieni, spediti sulla Terra e separati alla nascita dai genitori per essere protetti dalla minaccia dello Zone Empire.

Fun fact: per la prima volta vediamo un team identico e contrario “cattivo” e verso la metà della stagione gli eroi ricevono un “power-up” delle armature.

 

https://www.youtube.com/watch?v=LkKsMFRdhdA

 

 

 

Choujin Sentai Jetman (1991)

Qualcuno griderà la plagio ma è un “semplice” omaggio: i vecchi nerd potrebbero esaltarsi nel vedere questa riproposizione quasi pedissequa dei Gatchman (La Battaglia dei Pianeti) sotto forma di Rangers.

 

 

Quattro umani si uniscono a un componente della Skyforce per combattere i loschi piani dei cattivi.

Notevole il fatto che il leader soffre per il rapimento della fidanzata, passata dalla parte del male dopo il lavaggio del cervello.

Per la prima volta due membri del team si sposano durante la serie… mentre questa è l’ultima – per un lunghissimo periodo – a vedere la morte di uno dei componenti del team.

Fun fact: viene introdotto un terzo robot che si “autopilota” senza nessun intervento umano.

 

 

 

 

Kyōryū Sentai Zyuranger (1992)

Ho un certo deja vu… ecco i Power Rangers! Li conosciamo tutti: dinosauri, robot, Rita Repulsa, Megazord etc.

 

power rangers

 

La trama “giapponese”, più elaborata, vedeva cinque membri delle tribù che nella preistoria sconfissero i cattivi essere scongelati nel presente.

Prima serie dove si unisce il sesto componente in pianta stabile (Green Ranger era un figo, dai)

 

https://www.youtube.com/watch?v=vZ2w_aIfwPg

 

 

 

Gosei Sentai Dairanger (1993)

La seconda stagione dei nostri Power Rangers era in realtà una serie tutta nuova, basata sul kung fu e le creature mitologiche cinesi.

 

 

La tradizione secolare della lotta tra i clan Dai e Gorma viene portata avanti dai nostri eroi che devono salvare la terra grazie ai poteri mistici dei loro chi.

Per la prima volta si punta su storie elaborate anche per ogni singolo protagonista, che vede nel corso del telefilm un sub-plot dedicato.

 

https://www.youtube.com/watch?v=p7klKzGZWB0

 

 

 

Ninja Sentai Kakuranger 1994

La parola “Ninja” non mente: siamo nel tema ninja con tutti e due i piedi. Finì per essere la terza stagione dei Power Rangers USA.

 

 

I nostri eroi, dopo essere stati ingannati e aver liberato il cattivo Youkai, scoprono di essere discendenti di una leggendaria stirpe ninja e inizia la lotta.

Fun fact: il secondo robot inizia a essere decisamente più figo, e come il primo si “compone” di cinque pezzi.

 

 

 

 

Chouriki Sentai Ohranger (1995)

Tecnologia e mitologia si uniscono in quella che fu la base per i Power Rangers ZEO.

 

 

Poche novità da sottolineare per una serie decisamente improntata alla celebrazione dei 20 anni del franchise dei Super Sentai.

Ah sì: probabilmente i costumi sono i più brutti in assoluto :D

 

https://www.youtube.com/watch?v=eKVrQH73w3A

 

 

 

Gekisou Sentai Carranger (1996)

Si torna sul campo delle automobili per una serie caratterizzata da toni più divertenti e comici.

 

 

Pedale spinto nell’utilizzo di mezzi civili come mecha, idea decisamente vincente sotto il profilo del weirdo e dell’originalità.

I cinque dipendenti di un’autocarrozzeria (!) vengono recluati da un alieno (del pianeta Hazard, LOL) per combattere contro i soliti cattivoni wannabe destroyer of Earth.

Questa è diventata Power Rangers TURBO.

 

 

 

 

Denji Sentai Megaranger (1997)

Si parla perlopiù di elettronica, gli eroi sono ragazzini patiti di videogame.

 

 

Viaggi nello spazio e ultra-dimensionali in quella che sarà ripresa in parte per i nostri Power Rangers in Space.

Elemento degno di nota, un vero e proprio team di ranger cattivi che fa da antagonista per tutta la durata della stagione.

Per la prima volta la trasformazione dei protagonisti avviene attraverso un telefono cellulare!

 

 

 

 

Seijuu Sentai Gingaman (1998)

Arrivano dalla foresta i cinque eroi che devono controllare il potere delle Spade Star-Beast. Pirati spaziali, vendette incrociate e robot ultra-combinanti fano il resto.

 

 

La serie è stata adattata in Power Rangers Lost Galaxy, una serie “tutta nuova” che non è più una prosecuzione della continuity americana dei primi rangers.

 

 

 

 

Kyukyu Sentai GoGo-V (1999)

Cinque fratelli che lavorano come esperti risolutori di emergenze e salvataggi vengono costretti dal padre a lungo scomparso a lottare contro i malvagi demoni Grand e Saima.

 

 

Nel frattempo cercano pure di ritrovare la mamma.

Prima serie in cui si torna a cinque protagonisti e basta. In USA sono i Power Rangers Lightspeed Rescue.

 

https://www.youtube.com/watch?v=R9g9oxqjPio

 

 

 

Mirai Sentai Timeranger (2000)

Come si evince dal titolo, si parla di viaggi nel tempo e gran parte del team è composto da poliziotti dell’anno 3000 tornati indietro per salvare la Terra.

 

timeranger

 

Per la prima volta, il ranger che si aggiunge al party lungo la stagione ha il costume dello stesso colore di un altro (rosso, un co-leader in pratica).

In Usa è Power Rangers Time Force.

 

https://www.youtube.com/watch?v=iwOQJk8cGmg

 

 

 

Hyakujuu Sentai Gaoranger (2001)

Si torna sul terreno degli animali (dopo 25 anni le idee iniziano a scarseggiare…) per cinque ragazzi scelti per contrastare i piani degli Orgs, antica razza assassina.

 

 

Prima serie a utilizzare combinazioni multiple dei mecha, con oltre una ventina mostrate lungo il corso della serie.

Da  noi è stato adattato in Power Rangers Wild Force.

 

https://www.youtube.com/watch?v=N9FlxMxDDhU

 

 

 

Ninpu Sentai Hurricaneger (2002)

Ninjitsu e poteri elementali vengono messi in campo per sopperire alla povertà di idee nell’affibbiare ai protagonisti costumi ispirati agli insetti.

 

 

Comunque interessante l’idea di mostrare due team rivali che alla fine si mettono d’accordo per combattere insieme, con una pletora di mecha piccoli che si uniscono a quelli grandi, che fa un po’ l’effetto Yattaman.

In occidente sono stati rivisitati in Power Rangers Ninja Storm.

 

 

 

 

Bakuryuu Sentai Abaranger (2003)

Arieccoli i dinosauri. Stavolta si punta tutto sul grande fascino dei bestioni estinti, con mecha e robot a tema.

 

 

Un giovane guerriero della dimensione Another Earth (che fantasia!) arriva nel nostro mondo per reclutare guerrieri in vista dell’invasione dei mefistofelici Evorian.

In Usa, con il titolo di Power Rangers Dino Thunder, c’è il grande ritorno in pianta stabile di uno dei beniamini del pubblico: Tommy Oliver (Jason David Frank) aka Green/White/Red ZEO Ranger.

 

https://www.youtube.com/watch?v=50vSyDaB3NQ

 

 

 

Tokusou Sentai Dekaranger (2004)

Altro che Law & Order, qui i ranger sono dei detective che sconfiggono criminali extraterrestri. Ci avrei visto bene anche Bud Spencer.

 

 

Per la prima volte si inseriscono, anche solo per un breve episodio, dei componenti extra al team originale, per arrivare a circa dieci ranger nel corso della serie.

In maniera molto “Doctor Who”, da questa stagione il Red Ranger passa nell’ultimo episodio ufficialmente il testimone a quello della serie successiva.

In occidente abbiamo i Power Rangers SPD

 

 

 

 

Mahou Sentai Magiranger (2005)

Ispirandosi a Jeeg Robot, la novità principale di questa serie è rendere gli stessi eroi dei mecha, con una trasformazione tipo quella di Hiroshi. La trama è sempre la solita, però in salsa “Mago Merlino & Co.” (cattivi che si risvegliano, poteri magici etc)

 

 

Da notare come tutti i protagonisti, pure quelli che si aggiungono temporaneamente, siano parenti o lo diventino dopo un matrimonio. Famigghia prima di tutto!

 

https://www.youtube.com/watch?v=yJFskv9fOh4

 

 

 

GoGo Sentai Boukenger (2006)

La prima serie girata in HD! Echi di archeologia con i cinque eroi uniti per trovare delle reliquie e sottrarle al malefico piano del Sindacato Negativo.

 

 

Stavolta invece del classico mega-cattivone, ci sono vari gruppi di antagonisti che fanno la corsa alle preziose antichità.

In occidente è adattato in Power Rangers Operation Overdrive

 

https://www.youtube.com/watch?v=lQYtf-8QHAI

 

 

 

Juken Sentai Gekiranger (2007)

Back to the arti marziali cinesi con costumi ispirati agli animali selvaggi. Non per niente in USA è uscito come Power Rangers Jungle Fury.

 

 

Invece di essere dei robot, i mecha di questa serie sono proiezioni dello spirito combattivo dei protagonisti.

Altra caratteristica inedita, il focus della storia sui cattivi che si redimono e diventano eroi ufficili e l’introduzione di un nuovo colore per un ranger, il viola.

 

https://www.youtube.com/watch?v=cQBDWguoSUw

 

 

 

Engine Sentai Go-Onger (2008)

Tema ambientale per questa serie dove i cattivi vogliono inquinare la Terra e i nostri devono impedirlo: per riuscirci hanno a disposizione automezzi fantastici.

 

 

Per la prima volta il team in pianta stabile è formato da sette componenti, una ragazza e un ragazzo.

Come la serie precedente, i mecha sono praticamente degli spiriti senzienti che parlano proprio come i Transformer.

Adattato in Power Rangers RPM

 

https://www.youtube.com/watch?v=-3_tAVEcyj0

 

 

 

Samurai Sentai Shinkenger (2009)

Pieno delirio nipponico con eroi-samurai che devono impedire ai cattivi di turno di inondare di acqua la Terra.

 

 

Per la prima volta c’è un crossover con la leggendaria serie di Kamen Rider.

E… attenzione, prima volta assoluta per un donna nei panni del Red Ranger!

In USA doppia serie con Power Rangers Samurai e Super Samurai

 

https://www.youtube.com/watch?v=eg1lFRP-iUo

 

 

 

Tensou Sentai Goseiger (2010)

Qui si gioca la carta… degli angeli.

 

 

I protagonisti sono infatti una sorta di divinità che devono sconfiggere il Male, ma la parola “carta” non è usata a caso: la serie gioca in modo pesantissimo con la cross-medialità, con rimandi importanti di continuity ai giochi da tavolo, i videogiochi e le carte.

Tanto che i mecha sono evocati proprio attraverso le carte come quelle che i bambini trovano in commercio…

Adattato in Power Rangers Megaforce in USA.

 

 

 

 

Kaizoku Sentai Gokaiger (2011)

Tutti i team del passato perdono i poteri per sconfiggere un terribile avversario, e per recuperare le “chiavi” che li contengono arrivano cinque giovani pirati spaziali, i nostri eroi.

 

Nessuno dica “One Piece…”

Serie super-autocelebrativa che ripercorre tantissimi temi e personaggi dei 35 anni passati, tra cameo, flashback e cattivi che ritornano.

In occidente è stato parzialmente ripreso in Power Rangers Super Megaforce

 

 

 

 

Tokumei Sentai Go-Busters (2012)

Hacker come se piovesse, spionaggio informatico e computer senzienti affibbiati a ogni ranger.

 

 

Dopo una paccata di anni per la prima volta si torna a fare i conti con la morte di uno dei componenti del team.

Parte di questa serie viene incorporata in Power Rangers Dino Charge occidentale.

 

https://www.youtube.com/watch?v=tHjBbCqySZw

 

 

 

Zyuden Sentai Kyoryuger (2013)

Prima serie filmata in Full HD, vede il terzo ritorno del tema dei Dinosauri, la scomparsa dello Yellow Ranger (al suo posto c’è il viola) e un team composto da quattro uomini e solo una ragazza.

 

 

Alla base della serie Dino Super Charge americana.

 

https://www.youtube.com/watch?v=63QzJC21dwI

 

 

 

Ressha Sentai ToQger (2014)

Una delle serie recenti meno interessanti in assoluto, data anche la bruttezza assoluta dei costumi e la totale mancanza di innovazione. Tutto a tema ferroviario… non sto scherzando.

 

I protagonisti non si ricordano niente della loro infanzia e devono lottare anche con questo problema.

Nessun remake americano, solo qualche parte della serie verrà ripresa in Power Ranger Ninja Steel

 

https://www.youtube.com/watch?v=xO21NBOSN1E

 

 

 

Shuriken Sentai Ninninger (2015)

Terza serie a tema ninja… ma a un certo punto salta fuori un nuovo componente vestito da cowboy.

 

 

Poco altro da segnalare, la versione USA è Power Ranger Ninja Steel

 

https://www.youtube.com/watch?v=6TNrUeNdgkE

 

 

 

Doubutsu Sentai Zyuohger (2016)

Ancora una volta gli animali la fanno da padrone, anche se i mecha e lo stile visuale sembrano mutuati dalla moda del ritorno al pixelloso (o forse è influenza da Minecraft, chissà).

 

 

Cinque componenti, non c’è il nero ma in pianta stabile il White Ranger, che è donna.

 

https://www.youtube.com/watch?v=pOBHlszORVU

 

 

 

Uchu Sentai Kyuranger (2017)

Tema spaziale e nove ranger per l’ultima serie finora prodotta in Giappone.

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=AjnDzCZCQ5o

 

 

Scopri tutto sui Power Rangers nel nostro hub dedicato:

/Power-Rangers

Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Il Principe Cerca Moglie, genesi e curiosità di un Cult
Il Principe Cerca Moglie, genesi e curiosità di un Cult
Golden Globe 2021, tutti i vincitori
Golden Globe 2021, tutti i vincitori
Power Rangers: confermati i piani per un reboot da Hasbro
Power Rangers: confermati i piani per un reboot da Hasbro
Wolfwalkers, la recensione: magia, superstizione ed amicizia
Wolfwalkers, la recensione: magia, superstizione ed amicizia
Notizie dal Mondo, la recensione: Tom Hanks conquista il West
Notizie dal Mondo, la recensione: Tom Hanks conquista il West