La SPECTRE: dai Libri ai Film, ecco l’Anti-007

5 anni fa

8 minuti

tumblr_ngbl5cPleP1stutldo1_1280

James Bond, altresì detto 007, sta per tornare al cinema con SPECTRE, nuovo capitolo della saga spionistica che segue l’apprezzatissimo Skyfall, film che ha segnato anche il record assoluto di incassi per l’agente segreto al servizio di Sua Maestà.

Siamo arrivati al capitolo 24 ufficiale della storica serie che vede Bond opposto ad ogni genere di cattivacci determinati a dominare/distruggere il mondo.

Stavolta, come il titolo suggerisce in maniera inequivocabile, a tornare sulla scena in veste riveduta, modernizzata e corretta è nientemeno che la temibile organizzazione segreta che complotta nell’ombra sul destino del mondo:

La SPECTRE!

71975fe649680aca2515cc69092ea47eUn grande ritorno pianificato da tempo, tanto è vero che il nuovo film promette di gettare luce anche su dettagli e avvenimenti delle precedenti pellicole dell’era Daniel Craig.

Non per niente, il carismatico Christoph Waltz, che interpreta il misterioso capo SPECTRE Franz Oberhauser, dice in faccia a Bond: “Sono l’artefice di tutte le tue sofferenze”.

Ok, ma ultimo capitolo a parte, qual è la storia della SPECTRE (il cui nome è l’acronimo di Special Executive for Counter-intelligence, Terrorism, Revenge and Extortion) che anche un non-appassionato cronico delle avventure di 007 deve conoscere?

 

spectre-bond (1)

“From Jetpack with love”

 

Tranquillo, caro lettore, ci sono qua io!

 

 

 

Chiedi chi era la SPECTRE

La SPECTRE nasce al cinema praticamente con Bond, nel lontano e stiloso 1962, quando il buon vecchio Dr. NO, villain della prima, storica pellicola interpretata da Sean Connery si rivela essere una testa della tentacolare organizzazione criminale spalmata all over the world.

 

spectre_logo_evolution_by_jarvisrama99-d8ou4m7

 

Naturalmente la simpatica confraternita del Male era già presente nei libri dell’autore letterario di 007, Ian Fleming, a partire dall’anno precedente, nelle pagine del celebre Thunderball del 1961.

 

IanFleming

Leggere se stessi. Lui poteva (impeccabilmente)

 

Nelle opere di Ian Fleming la SPECTRE era davvero la rappresentazione del Male assoluto.

Nelle opere di Ian Fleming la SPECTRE era davvero la rappresentazione del Male assoluto, una sorta di azienda criminale guidata dal famigerato e pittoresco Ernst Stavro Blofeld e pochi, selezionatissimi luogotenenti intorno al pianeta, che si occupavano degli affari comandando direttamente o indirettamente altre realtà tipo la Mafia, la Gestapo, le varie polizie segrete degli stati europei, e via via fino ai livelli più bassi della criminalità.

Appare abbastanza chiaro che Fleming, non volendo limitarsi al clima della guerra fredda che si respirava quando scriveva, a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 del Novecento, aveva l’ambizione di creare un nemico non legato a Paesi particolari e che avesse come giurisdizione l’intero pianeta.

 

spectre-bond (4)

Riunione di condominio. Spazzate il pianerottolo dell’URSS, ragazzi!

 

Un’ottima pensata che ha creato uno dei “personaggi” (perché la SPECTRE, come organismo, lo è a tutti gli effetti!) più famosi, imitati, citati e oggetto di parodie della storia della cultura pop.

 

 

La SPECTRE diventa pop

Nelle incarnazioni cinematografiche, la SPECTRE è impegnata spesso e volentieri a destabilizzare l’ordine mondiale in qualità di agente del caos, spesso in combutta con la superpotenza di turno.

La lealtà non una delle qualità peculiari dell’organizzazione…

La lealtà non è infatti una delle qualità peculiari dell’organizzazione, che solo al suo interno non tollera debolezze o fallimenti. Gli obiettivi finali sono sempre “fumosi” e la SPECTRE si schiera spesso dalla parte di chi fornisce migliori garanzie e risorse. Salvo poi cambiare fronte, se è il caso (sempre se non ha già piazzato uomini-chiave nelle fila opposte…)

 

blofeld

“Essere cattivi assicura una certa quantità di #turbofiga”

 

In Si vive solo due volte, è lo stesso Blofeld – che formalmente risponde delle sue azioni a due non meglio specificati burocrati asiatici – a spiegare i piani globali della SPECTRE, che lavora con altri ma persegue solo i propri fini.

Insomma, mentre i governi, gli eserciti e i servizi segreti sono troppo occupati a farsi la guerra tra loro, l’organizzazione ne approfitta per curare i propri affari e prosperare.

 

 

Mission aziendale

La destabilizzazione dell’ordine mondiale, appunto.

La SPECTRE non è formalmente legata a nessuna ideologia particolare, se non quella di dominare e, dove possibile, condizionare l’andamento della Storia mondiale attraverso atti di strisciante influenza o plateali dimostrazioni di forza violenti.

Non per niente, il simbolo che da sempre contraddistingue l’organizzazione è una inquietante piovra, che ben esprime la natura viscida e sfuggente.

 

spectre-bond (2)

*SPECTRE INTENSIFIES*

 

 

Gestione del personale

Stabiliti gli obiettivi di produzione, chi non li rispetta muore. Non per niente una delle frasi-cult di Blofeld è…

Questa organizzazione non tollera il fallimento.

Semplice, diretto. Disobbedienza e/o fallimento uguale morte, c’era scritto sul contratto, adesso non puoi tirarti indietro, ciccio!

 

YouOnly LiveTwice2

“Accetterebbe un contrattino a tempo determinato, Bond?”

 

 

Quartier Generale

Sia nel libro che nel film Thunderball, la sede della SPECTRE è indicata essere a Parigi. Romantici, questi villains.

Dal trailer del nuovo film, sappiamo invece che la sede del mega-incontro a cui si imbuca Bond è a Roma, ma insomma, non vorremo mica mettere in discussione il turismo del terrore e il buon gusto per i viaggi dei megacattivi, vero?

 

spectre-bond (3)

“Chi si è dimenticato di dar da mangiare al gatto stavolta?”

 

 

Organigramma della società

Il fondatore e boss della SPECTRE ha il volto e il nome di Ernst Stavro Blofeld.

Noto per la sua pelata e l’inseparabile gatto persiano di colore bianco (solo nei film), Blofeld guida con pugno di ferro, crudeltà e un pizzico di sadica ironia l’organizzazione.

 

spectre-bond (4)

“Prima dei vostri maledetti gattini di Facebook, C’ERO IO.”

 

Famosi i suoi discorsi contro gl impiegati, spesso seguiti da minacce verso uno di questi, per poi uccidere un altro, traditore e responsabile del fallimento (gli piacciono i colpi di teatro, che ci volete fare)

Il secondo in comando è l’italiano Emilio Largo, uno a cui piace vestirsi bene, viaggiare per mare col suo yacht “Disco Volante” (sic!) e portare una benda da pirata sull’occhio.

 

spectre-bond (5)

“Mi chiamo Emilio Largo e sono un temibile pirata!”

 

 

Nei libri

Ian Fleming ha scritto quella che è stata etichettata come la “trilogia della SPECTRE”.

Come detto, la SPECTRE “nasce” in Thunderball e viene sconfitta, apparentemente, nello stesso libro, lasciando Blofeld a leccarsi le ferite.

Torna infatti operativa nel libro seguente, La spia che mi amava, anche se non viene direttamente coinvolta nella trama.

Cosa che invece fa nel secondo capitolo della trilogia, Al Servizio Segreto di Sua Maestà (1963), uno dei più emozionanti, densi di avvenimenti e di colpi di scena della saga.

L’ultima apparizione di Blofeld & co è in Si Vive solo Due Volte (1964), spettacolare resa dei conti tra i due mortali nemici.

 

fleming spectre

 

 

Nei film

Al cinema la SPECTRE ha fatto molta presa ed è ben presente in tutte le “prime” ere della spia, con il volto di Sean Connery, George Lazenby e Roger Moore.

Nel 1962, il Dr. No del titolo stesso del film (in Italia 007 Licenza di uccidere) dichiara di lavorare per la SPECTRE.

Nel film successivo, Dalla Russia Con Amore (1963), fa la sua apprima apparizione Blofeld con al seguito la sua luogotenente Rosa Klebb.

 

spectre-bond (1)

Una personcina che sa metterti a tuo agio.

 

La SPECTRE salta il turno di Goldfinger ma torna poi nella versione filmica di Thunderball – Operazione Tuono (1965) dove il nostro Adolfo Celi interpreta il “numero 2” dell’organizzazione, Emilio Largo.

Continuerà a tormentare Bond in Si vive solo Due Volte (1967), Al Servizio Segreto di Sua Maestà (1969) e Una Cascata di Diamanti (1971).

 

spectre-bond (3)

“Hai un bocchino in bocca o sei contento di vedermi?”

 

Da notare il curioso “cameo” di Blofeld (manco fosse un super-attore!) nel prologo di Solo per i Tuoi Occhi (1981): ultima apparizione del personaggio e della SPECTRE, almeno per oltre vent’anni…

 

 

Nuovo millennio, nuova SPECTRE

Con l’arrivo di Daniel Craig, con un mondo delle spie cambiato e molto più “serioso”, si hanno pochi ma inequivocabili segnali, disseminati qua e là, di un’organizzazione criminale che opera nell’ombra.

Bond si scontra con personaggi dalle affiliazioni poco chiare fin da Casino Royale (2006), pedine di una entità superiore che poi si rivela avere il nome di Quantum (2008, Quantum of Solace).

 

Bond 22 All Photos by Karen Ballard

“Inutile torturarmi, non ci ho capito nulla neanche io in Quantum of Solace!”

 

Questa realtà potrebbe non essere altro che un “fornitore di servizi” della SPECTRE, che sarà al centro del nuovo film di 007. Nel film vedremo infatti il ritorno di Mr. White, eminenza grigia in questi primi film dell’era-Craig, e una delle Bond-girls sarà sua figlia (Léa Seydoux aka Madeleine Swann)

Buona SPECTRE a tutti! ;-)

Scopri SPECTRE su Lega Nerd: leganerd.com/spectre

 

 

 

Il Concorso SPECTRE ti porta a Londra

C’è un concorso che attende i fan di 007 – Spectre: partecipare è davvero semplice, basta cliccare su Concorso Spectre, registrarsi, guardare il trailer e rispondere a una domanda inerente al trailer.

 

 

Se la risposta è corretta, partecipi all’estrazione finale di un viaggio a Londra per due persone della durata di 4 giorni e tre notti (volo a/r + soggiorno in albergo Radisson Blu Edwardian Hotel). Per aiutarvi, ecco sopra il trailer del nuovo 007 Spectre e buona fortuna!

No Time To Die: il nuovo poster conferma la data di uscita a ottobre 2021
No Time To Die: il nuovo poster conferma la data di uscita a ottobre 2021
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Mortal Kombat: Johnny Cage nel film? Le parole di Todd Garner
Mortal Kombat: Johnny Cage nel film? Le parole di Todd Garner
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Il Principe Cerca Moglie, genesi e curiosità di un Cult
Il Principe Cerca Moglie, genesi e curiosità di un Cult
Cinema chiusi: “I film Disney in sala per un lasso di tempo meno ampio”, dice Bob Chapek
Cinema chiusi: “I film Disney in sala per un lasso di tempo meno ampio”, dice Bob Chapek
I Cinema della città di New York riapriranno il 5 marzo
I Cinema della città di New York riapriranno il 5 marzo