11 modi per diventare un giocatore di ruolo migliore

8 anni fa

7 minuti

11 modi per diventare un giocatore di ruolo migliore

Qualche tempo fa mi sono imbattuto in un articolo, originariamente pubblicato su un blog inglese, in cui sono stati raccolti 11 ottimi consigli per chi, come me, è un giocatore di ruolo cronico.

Nelle community e nelle riviste specializzate ci si imbatte spesso in post contenenti consigli per i master, ma non avevo ancora trovato un articolo che aiutasse i giocatori a migliorarsi, e contando che per ogni master ci sono circa 4-5 giocatori mi sembrava assurdo non “tradurlo” e pubblicarlo qua sulla Lega.

Originariamente pubblicato su:

 

 

1. Agisci.

La prima cosa che un giocatore dovrebbe fare è, appunto, fare qualcosa; dovrebbe anzitutto pensare continuamente: “Quali sono i miei obbiettivi? Come posso raggiungerli?”. Nel gioco sei il protagonista di un universo piccolo e personalizzato in continuo divenire, non andrai da nessuna parte solamente stando seduto ad aspettare che Gandalf un avventura venga a bussare alla tua porta.

Sii un giocatore attivo e non passivo.

Segui gli indizi, fai domande, investiga un mistero, parla con i PNG. Nessuno ti dirà nulla se ti comporti in modo logico. Se il tuo personaggio non è tipo da comportarsi in questo modo allora trova qualcosa da fare e fallo, se ti ritrovi spinto in secondo piano dagli altri giocatori non esitare ed interagisci.

 

 

2. All’infuori di ciò che dici, il tuo personaggio non esiste.

Nonostante tu possa scrive un intero romanzo per descrivere il passato del tuo personaggio, se non lo mostri in gioco non influenzerà la storia. Sei un mercante, bene fai affari in gioco. Sei un mangia-ghiande elfo selvaggio che ha difficoltà ad interagire con la civiltà? Prova ad interagire comunque tenendo a mente la personalità del tuo personaggio, non andare a sederti su un albero fuori città!

Mostra i pregi, i difetti, le debolezze ed i tratti del tuo personaggio durante il gioco

Il tuo personaggio esiste solamente in virtù delle azioni che compie in gioco, gli altri personaggi non sono obbligati a leggere il tuo background, ed i loro personaggi probabilmente non sanno leggere la mente.

Non perdere occasione di mostrare, e non dire, agli altri giocatori come è fatto il tuo personaggio, i suoi pregi, i difetti e la sua personalità.

 

 

3. Non cercare di interrompere le azioni altrui.

Bloccare le azioni degli altri giocatori rallenta e rende inutile il gioco. Ad esempio se il guerriero del gruppo vuole prendere a pugni un tizio nella taverna, ma il tuo monaco non è d’accordo e lo blocca, in termini di gioco non è successo praticamente nulla, ed avete solo perso tempo.

Bloccare le azioni altrui rallenta il gioco, segui il flusso delle azioni.

Prova invece a seguire il flusso delle azioni: se il guerriero vuole rompere il naso a qualcuno, cosa succederà dopo? Il tuo monaco cercherà di aiutare la vittima, aiuterà il guerriero, andrà a chiamare le guardie o attirerà l’attenzione del tizio più grosso seduto alla locanda per dare una lezione al guerriero?

Non negare le azioni altrui, seguile ed agisci di conseguenza.

 

 

4. Prendi il controllo del tuo personaggio.

“Il mio personaggio non lo farebbe mai!” è una scusa piuttosto noiosa e blocca il gioco. Invece che limitare il tuo personaggio prova a spiegare perché agirebbe in un modo piuttosto che in un altro.

Le situazioni scomode sono la parte più divertente e la vera sfida per un giocatore.

Il tuo personaggio è parte della storia, non è “la storia del tuo personaggio”.

Se continui a dover spiegare le tue azioni agli altri, od il tuo personaggio non si adatta bene al gruppo allora faresti bene a rivedere il tuo PG o a cambiarlo alla prima occasione utile, la prossima volta magari fatti aiutare dagli altri giocatori per trovare creare un personaggio che ben si adatti al gruppo.

 

 

5. Non attaccare gli altri giocatori.

A nessuno piace un ladro che si diverte a rubare agli altri personaggi, o un barbaro che non fa altro che minacciare il resto del gruppo.

Ci sono numerose altre vittime che non si offenderebbero a venir derubati o uccisi, quindi perché prendertela con i PG?

 

 

6. Conoscenza delle regole del sistema.

È molto importante avere una buona conoscenza delle regole del sistema di gioco che si sta usando, sarebbe alquanto scomodo dover chiedere continue spiegazioni riguardo le regole e ritardare così la narrazione.

Impara le regole, usale, ma non importunare gli altri.

L’altra faccia della medaglia sono i giocatori che conoscono le regole, e pretendono di spiegarle puntigliosamente ad ogni azione, questo oltre a rallentare il gioco ha anche l’effetto di fare incazzare adirare spesso e volentieri gli altri giocatori.

Numerosi sistemi hanno dei veri e propri “bug” che i giocatori più esperti sanno sfruttare a proprio favore, oppure a volte non hanno senso e si contraddicono, sarebbe una buona idea sedersi al tavolo con il master e migliorare il regolamento ad hoc.

 

 

7. Presta attenzione al gioco.

Nel caso tu ti stia annoiando durante la sessione, non sei costretto a rimanere e puoi andartene.

Segui la storia ed interagisci.

Entro i limiti della ragionevolezza non distrarti, gli altri non sono delle scimmiette addestrate che interpretano per il tuo personale divertimento.

Cerca di seguire la narrazione senza troppe interruzioni ed interagendo con gli altri e con il narratore, sarà senz’altro più divertente.

 

 

8. Se metti a disagio un altro giocatore, chiedigli scusa e chiarisciti con lui.

Sarà anche banale, ma durante una giocata è importante che i giocatori vadano d’accordo tra loro e si evitino inutili attriti quando è possibile.

Perciò se pensi di avere offeso qualcuno o di averlo messo a disagio cerca subito di capire cosa hai detto per farlo, se effettivamente lo hai fatto scusati e riprendi a giocare evitando di ripetere lo stesso errore.

 

 

9. Racconta una storia.

È importante che anche i giocatori descrivano al meglio le loro azioni, questo aiuta gli altri ad immedesimarsi nei loro personaggi e rende la campagna più coinvolgente sia per i giocatori che per il master.

Descrivi le tue azioni in modo dettagliato ma senza dilungarti troppo.

Sviluppa una voce ed un portamento particolari per il tuo personaggio, aiutati con un immagine che possa dargli un volto e descrivi ogni sua azione in modo dettagliato; fai attenzione però a non esagerare e dilungarti troppo nelle descrizioni, rallenteresti il gioco.

 

10. Accetta i fallimenti.

Per quanto possa essere imbarazzante il fallimento fa parte del gioco, spesso, nonostante tu abbia descritto minuziosamente le intenzioni del tuo personaggio, un brutto tiro con un dado può far fallire miseramente la tua azione.

Le azioni andate male fanno sempre parte del gioco, e a volte sono comunque divertenti.

 

 

11. Gioca.

Non dimenticare mai che si tratta di un gioco, non è una storia che esiste esclusivamente nella testa del Master, non è la storia personale del tuo personaggio, non stai scrivendo in un blog, non è la scusa per chiacchierare con gli altri giocatori né tanto meno un’occasione per stare seduti in silenzio, è un gioco, perciò divertiti.

Gioca e divertiti.

Interagisci con gli altri giocatori, fai i “compiti a casa”, prepara il tuo personaggio,  e ricorda che siete seduti a quel tavolo per divertirvi assieme e raccontare una storia. Rispetta gli altri giocatori, la storia e l’impegno altrui.

Quando sei seduto al tavolo metti la storia davanti alle altre tue priorità, fai del tuo meglio per interagirvi in modo attivo, lasciare un segno, e fai in modo che l’avventura che hai giocato in quelle sere sia degna di essere ricordata al pub con gli altri giocatori anche negli anni successivi.

Little Nightmares 2, la rencesione: l'incubo di Tarsier Studios si fa ancora più terrificante
Little Nightmares 2, la rencesione: l'incubo di Tarsier Studios si fa ancora più terrificante
The Medium, la recensione: un'opera profonda ed ambiziosa ma ben lontana dalla perfezione
The Medium, la recensione: un'opera profonda ed ambiziosa ma ben lontana dalla perfezione
I Migliori Videogiochi del 2020
I Migliori Videogiochi del 2020
Cyberpunk 2077: prime impressioni dopo 20 ore di gioco
Cyberpunk 2077: prime impressioni dopo 20 ore di gioco
Demon's Souls, la recensione
Demon's Souls, la recensione
Assassin’s Creed Valhalla, la recensione
Assassin’s Creed Valhalla, la recensione
Recensione Oceani: un tuffo nel boardgame dell'evoluzione marina
Recensione Oceani: un tuffo nel boardgame dell'evoluzione marina