Il Disturbo bipolare non è figo

index_1

disturbi dello “spettro bipolare” consistono in sindromi di interesse psichiatrico sostanzialmente caratterizzate da un’alternanza fra le due condizioni contro-polari dell’attività psichica, il suo eccitamento (donde la cosiddetta mania) e al rovescio la sua inibizione. Wikipedia.it

Una cosa che ho notato negli ultimi tempi e che mi fa parecchio incazzare alterare è che auto-diagnosticarsi il Disturbo bipolare (così come tante altre malattie) è diventata una moda.

Dunque in parole povere il Disturbo bipolare è un’alternanza tra stati di depressione più o meno profonda e stati di umore elevato (mania) spesso ingiustificato.

Comprendo perché possa sembrare appetibile diagnosticarsi questa malattia, se avete degli sbalzi d’umore dovete sopportarli e non rompere agli altri invece se avete un “disturbo” non è colpa vostra, e verrete trattati con pietà e comprensione… Inoltre si pensa che molti grandi artisti della storia abbiano avuto un qualche tipo di disturbo bipolare, da Lord Byron a Beethoven.

Abbiamo uno spasmodico bisogno di distinguerci dagli altri e trovare qualcosa che ci renda unici.

Abbiamo uno spasmodico bisogno di distinguerci dagli altri e trovare qualcosa che ci renda unici, ma diagnosticarsi malattie gravi da soli lo trovo assolutamente morboso.

Vi racconto in breve la mia storia. È dalla prima superiore che ho sbalzi d’umore più o meno ampi e duraturi nel tempo, ho sempre pensato che fosse tutto normale, no?

Capita a volte di sentirsi giù o di sentirsi su senza apparente motivo, quindi ho vissuto con questa situazione più o meno per 3 anni fino a quando non ho più retto.

Le fasi depressive erano sempre più lunghe e quelle maniche sempre più assurde (c’è stato un periodo in cui facevo verticali sui muri di casa e lanciavo frutta contro i muri per poi scoppiare in crisi di pianto mentre ridevo).

Invece di fare auto-diagnosi a caso ho deciso di chiedere aiuto al Centro Psico-sociale della mia zona.
Ci sono voluti 9 mesi pieni di incontri con psicologi

Ci sono voluti 9 mesi pieni di incontri con psicologi e psichiatri e un ricovero in psichiatria prima che potessero dirmi con abbastanza sicurezza che soffrissi di questo tipo di disturbo.

Io che ho questo disturbo cerco in tutti i modi di rendere il mio carattere meno spigoloso, di non far pesare troppo la cosa agli altri e di migliorarmi, anche attraverso una terapia (prendo circa 6-7 pastiglie al giorno).

Non voglio entrare troppo nello specifico dei farmaci e del presentarsi della malattia perché non voglio che questo diventi l’ennesimo manuale di autodiagnosi della suddetta.

Se avete un carattere di merda non date la colpa a una malattia.

Just my two cents.

 

 

Aree Tematiche
Attualità Medicina Psicologia
Tag
venerdì 5 luglio 2013 - 9:44
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd