SELECT

Scouting for Boys: Baden Powell e la nascita dello Scautismo

10 anni fa

6 minuti

Baden Powell e la nascita dello Scautismo

Robert Baden-Powell era un colonnello dell’ Impero Britannico e come tale di battaglie ne aveva vissute molte. Pochi anni prima, nella regioni di Ashanti, aveva affrontato con successo varie campagne, tanto che venne soprannominato dagli indigeni “Impeesa”, il lupo che non dorme mai. Ora si trovava a fronteggiare l’assedio della città di Mafeking, circondata dai Boeri, durante la Seconda Guerra Boera.

Grazie alle tecniche imparate dagli Zulu, che integrarono l’esperienza acquisita in India (raccolta nel volume Aids to Scouting for NCO’s and Men), e all’inventiva di B.P. stesso, il giovane colonnello riuscì nell’impresa di resistere all’assedio per ben 217 giorni. Promosso maggior generale e divenuto eroe nazionale tornò in patria.

 

…ma il vero modo di essere felici è quello di procurare la felicità agli altri.

Lasciate questo mondo un po’ migliore di quanto non l’avete trovato e, quando suonerà la vostra ora di morire, potrete morire felici nella coscienza di non aver sprecato il vostro tempo, ma di aver fatto “del vostro meglio”.

Baden Powell

 

 

Da Maggior Generale a Chief Scout of the World

Baden PowellTornato in patria Powell scopre ben presto che il suo piccolo manuale di scouting è diventato un best-seller tra gli educatori, scolastici e non, trovando addirittura movimenti fondati su quelle pagine.

Boys’ Brigades (1883) e Woodcraft Indians (1902) accolsero con gioia Powell, il quale prestò il suo servizio e la sua esperienza a queste comunità interconfessionali cristiane.

Decise quindi di riscrivere Aids to Scouting per un pubblico più giovane.

 

 

Scouting for Boys

Nel 1908 Powell pubblica Scouting for Boysil manuale tuttora utilizzato da ogni socio anziano/capo del mondo per educare i propri ragazzi. Fondamentale nell’educazione scoutistica è però la manualità, la prova effettiva, vissuta.

Scouting for BoysNel 1907 B.P. prese 20 ragazzi provenienti da ceti sociali diversi e li portò a Brownsea, un isoletta del sud dell’Inghilterra in un’insenatura del mare nell’entroterra.

Qui ebbe luogo il primo campo scout del mondo.

Durò una settimana, nella quale i ragazzi furono divisi in pattuglie, vivendo così una dimensione comunitaria ristretta ma forte, creando legami che non si potevano creare in nessun altro modo.

Era nato lo Scautismo.

 

 

 

 

history1-large 

Il giglio, simbolo del movimento scout, come rappresentato in un distintivo canadeseAnche tramite quest’esperienza presto ragazzi e ragazze incominciarono a riunirsi spontaneamente, prima entro i confini nazionali e poi anche nelle altre nazioni.

Nel 1909, in una competizione in cui si confrontavano tutti gli scout, sfilarono davanti a B.P. una pattuglia di ragazze che si fecero chiamare Girl Scouts.

Il Maggior Generale decise quindi di fondare un movimento parallelo a quello degli Scout, il Guidismo, che fu affidato alla sorella Agnes.

Quando fu sul punto di diventare Maresciallo, nel 1910, B.P. decise di ritirarsi dall’esercito, sotto consiglio di Re Edoardo VII, figlio della Regina Vittoria.

Nel 1912, in un viaggio via mare verso NYC per promuovere lo scautismo, B.P. incontrò una ragazza di 22 anni, Olave Soames.

Nonostante a quel tempo Robert avesse 55 anni tra i due nacque l’amore e nell’ottobre dello stesso anno si sposarono. Per festeggiare l’evento ogni guida e scout del mondo donò un penny per regalare ai neosposini un auto.

Scoppiò quindi la Prima Guerra Mondiale. Nonostante si fosse ritirato ormai da 4 anni B.P. si mise a disposizione dell’Esercito della sua patria.

Scouting for Boys: Baden Powell e la nascita dello Scautismo

«Posso trovare facilmente numerosi generali di divisione altrettanto competenti, ma non troverei nessuno che possa continuare il suo inestimabile lavoro nei Boy Scout»

Lord Kitchener (Segretario di Stato alla Guerra)

Fu quindi respinta la sua volontà di partecipare al conflitto, anche se lo spionaggio inglese si avvalse delle sue opere, o per meglio dire, mise in circolo questa notizia, vera o falsa che fosse.

Nel 1920 ci fu il primo Jamboree, riunione mondiale di tutti gli scout esistenti.

Ora, B.P. non rimase con le mani in mano e presto conquistò altre cariche. Nel 1920, 13 anni dopo il primo campo scout della storia, ci fu il primo Jamboree, riunione mondiale di tutti gli scout esistenti.

Ovviamente non tutti gli scout censiti o avverrebbe questo; le varie nazioni organizzano delegazioni formate da Reparti e Capi/Cambusieri che verranno impacchettati e spediti nel luogo prescelto.

Dicevo, si svolse il primo Jamboree mondiale. In tal occasione Baden Powell fu nominato per volontà divina di tutti i partecipanti Chief Scout of the World. 

E gli fu regalata una nuova macchina. Una Rolls-Royce. Ah, e una roulotte.

800px-WSJ2007_Gilwell_Park_Discovery_Car

Sarò Chief anch’io un giorno, prima o poi.

 

 

Scout nel Mondo

Nel mondo esistono almeno 540 associazioni (nazionali o regionali) con più di 28 milioni di scout e 10 milioni di guide, giovani e adulti, in 216 differenti paesi e territori.

Le più importanti sono:

  • l’Organizzazione Mondiale del Movimento Scout (WOSM/OMMS) e l’Associazione Mondiale Guide ed Esploratrici (WAGGGS/AMGE), rappresentanti originariamente la parte maschile e femminile del movimento rispettivamente. Tuttavia, l’originale distinzione si è fatta col tempo meno rigida, molte associazioni scout accolgono anche ragazze, e addirittura molte associazioni europee sono affiliate contemporaneamente a entrambi i movimenti. WOSM e WAGGGS sono anche le uniche organizzazioni mondiali che risalgono direttamente allo stesso Baden-Powell.
  • La Union Internationale des Guides et Scouts d’Europe – Fédération du Scoutisme Européen (UIGSE-FSE) è una federazione scout internazionale che opera a livello europeo e raccoglie esclusivamente associazioni scout di fede cristiana.
  • La World Federation of Independent Scouts (WFIS) è un’Organizzazione Scout Internazionale per gli scout indipendenti, nata con lo scopo principale di favorire l´incontro e lo scambio mediante campi, corsi di formazione, Jamboree e non solo. La WFIS nasce nel 1996 a Laubach (Germania) con l’obiettivo di creare una Federazione per gli scout che non fanno parte di altre organizzazioni internazionali e per offrire la possibilità di instaurare contatti a livello europeo e mondiale.
  • Resiste, quasi fantasma, la prima Organizzazione scout dissidente: The Order of World Scouts; fondata nel 1911 da Sir Francis Vane, lo stesso Vane che fondò lo scautismo in Italia nel 1910. L’OWS sta però scomparendo.
  • La più antica organizzazione scout internazionale attiva ininterrottamente è la Skolta Esperanto Ligo, fondata nel 1918. Essa riunisce singoli membri di associazioni scout nazionali (non è dunque in “concorrenza” con le altre associazioni scout) e promuove la dimensione internazionale dello scautismo attraverso l’uso della lingua esperanto, come auspicato da Baden-Powell.

fonte: Wikipedia.it

 

 

Il Metodo Scout

Dunque, dopo avervi smaronato allietato con tutte queste informazioni che potevate trovare anche voi googleggiando (ah! muricans!) arriviamo al sodo, al nocciolo, alla patonza della situazione.

Ma come cavolucciolo avrà fatto lo scautismo a diffondersi così velocemente e in modo così capillare? Lo scopriremo insieme nella prossima puntata! :D :troll:

 

 

Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
WandaVision, la spiegazione del finale
WandaVision, la spiegazione del finale
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.