Come è nato e come funziona il progetto reCAPTCHA
di
itomi itomi
18

Quanti di voi hanno dovuto riempire qualche tipo di modulo via web dove viene chiesto di leggere una sequenza distorta di caratteri come questa? Quanti di voi l’hanno trovato molto, molto irritante? Ecco, l’ho inventata io. O almeno ero una delle persone che lo ha fatto.

Luis von Ahn, uno degli inventori del tanto odiato sistema “CAPTCHA” (“Completely Automated Public Turing test to tell Computers and Humans Apart”) ci racconta come è nato questo sistema e, soprattutto, come la sua società sia riuscita ad imporre prima uno standard usato da milioni di siti su internet e poi ad evolvere ulteriormente l’idea in una maniera incredibile, inventandosi di utilizzare questo metodo di controllo utente per un fine ancora migliore: Un aiuto umano collaborativo online ai sistemi di riconoscimento testuale (OCR).

”Ma poi ho cominciato a pensare, c’è un modo di usare questo sforzo per qualcosa che sia buono per l’umanità?”

In pratica nei suoi blocchi di testo illeggibili reCAPTCHA inserisce due blocchi: uno serve al normale controllo anti bot, mentre il secondo è in realtà un blocco di testo non correttamente interpretato da un OCR: saranno gli utenti online ad interpretare quel testo e l’unione delle migliaia e migliaia di interpretazioni darà la soluzione giusta.

Quello che potreste non sapere è che oggi mentre digitate un CAPTCHA, non solo vi state identificando come essere umano, ma oltre a questo, di fatto, ci state aiutando a digitalizzare libri.

Il progetto (e relativa società) reCAPTCHA ha avuto un successo tale da essere acquisito da Google e impiegato ora attivamente nella digitalizzazione di milioni di libri all’interno del progetto Google Books.

Un bellissimo video da vedere per intero. Di seguito è presente anche la sua trascrizione per chi avesse problemi con l’inglese o non potesse vedere il video.

Mostra Approfondimento ∨

Luis von Ahn: Massive-scale online collaboration (ted.com)
Sito ufficiale reCAPTCHA (google.com)

PS by @Zed epic gag by Dork Tower:
Mostra Approfondimento ∨

itomi

Antonio Moro a.k.a. itomi

Fondatore e capo redattore di Lega Nerd. Scrivo editoriali e recensioni su tecnologia, innovazione e pop culture. Mi occupo di UI/UX e direzione creativa, soprattutto su progetti web e gaming. Faccio cose e conosco gente su internet dal 1996. Più info su antoniomoro.com e itomicreative.com
Aree Tematiche
Internet Libri Tecnologie
Tag
mercoledì 27 giugno 2012 - 11:32
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd