"Ouverture 1812": concerto per pezzi d'artiglieria e orchestra
3

Spoiler
… se cercate la parte con i cannoni, inizia al minuto 12:30.

L’Ouverture 1812 è una composizione per orchestra di Pëtr Il’ič Čajkovskij che commemora la tentata invasione francese della Russia, e la conseguente devastante ritirata dell’armata di Napoleone. Fu un evento che segnò il 1812 come svolta delle guerre napoleoniche. L’opera è conosciuta per la sequenza di colpi di cannone, realizzati solo in alcune occasioni specialmente durante festival all’aperto, mediante l’uso di cannoni veri.

Molti conoscono una parte di questa composizione resa nota al grande pubblico dal film V per Vendetta essendo la musica preferita dal protagonista, usata per accompagnare le esplosioni dell’Old Bailey e del Palazzo del Parlamento nella scena finale (inserisco i video nell’approfondimento).

Mostra Approfondimento ∨

Pochi sanno che questa opera merita di essere ascoltata anche in versione originale e completa per vari ordini di motivi:

1) perchè, diamine!, Čajkovskij ha inserito delle parti per i pezzi d’artiglieria nella partitura! (io mi fermerei anche qui; mi sembra un’argomentazione sufficiente, ma ce ne sono anche altre)

2) perchè l’Overture 1812 è composta in modo tale da “raccontare” con le note, alternando vari temi musicali, il momento di svolta dell’epopea napoleonica, la campagna di Russia. Per apprezzare questi dettagli consiglio di dare un’occhiata alla descrizione riportata da wikipedia:


L’ouverture è parte della musica a programma. Si apre con un canto di chiesa russo, che rimanda alla dichiarazione di guerra annunciata in Russia, e prosegue con un canto solenne per il successo della guerra stessa. Questo annuncio e la reazione pubblica sono anche ritratti nel romanzo Guerra e pace di Lev Tolstoj.

Il brano prosegue con un tema che rappresenta la marcia delle armate, suonato al corno. L’inno nazionale francese La marsigliese riflette le vittorie francesi in guerra e la cattura di Mosca nel settembre 1812. La danza folkloristica russa commemora la vittoria su Napoleone.

Il ritiro da Mosca è sottolineato da un diminuendo, mentre i colpi di cannone segnano l’avanzata militare verso i confini francesi. Concluso il conflitto, si ritorna al canto, suonato ora dall’intera orchestra ed accompagnato da rintocchi di campane in onore della vittoria e della liberazione della Russia. Come sottofondo del tema dei cannoni e della marcia si può sentire l’inno nazionale russo Dio salvi lo zar, opposto a quello francese sentito in precedenza.

Mostra Approfondimento ∨

Ci sono varie registrazioni di questo brano, oltre a quella in testa all’articolo vi segnalo anche
questa con il coro
– e queste riprese dal vivo(parte 1 e parte 2), eseguite da una banda dell’esercito giapponese con i cannoni “live” e decisamente a tempo con la musica!

via via via via

Aree Tematiche
Cultura Musica Storia
Tag
domenica 11 dicembre 2011 - 21:50
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd