SELECT

Il differenziale di Babbage: l’antenato del computer

12 anni fa

L’uomo che tanti considerano il progenitore dei moderni computers, non ha mai avuto la possibilità di terminare la sua creazione non avendo avuto possibilità economiche e politiche nell’800.

Nel 1991 qualcuno ha terminato la sua macchina differenziale e… indovinate un pò…non solo funziona perfettamente, ma è anche assolutamente precisa.

Doron Swade, direttore del progetto di Babbage al Computer History Museum, si è impuntato affinché l’illustre matematico non risultasse come un visionario sognatore, e recuperando gli stessi materiali disponibili nel 1840, accompagnato dal suo team di ingegneri ha terminato la fantastica “Macchina Differenziale”.

Il gigantesco macchinario occupa metà della galleria messa a disposizione dal museo caliorniano, alto quasi tre metri e dal considerevole peso di 5 tonnellate.

E’ costituito da oltre 8000 pezzi, e può essere considerato una delle prime sculture Vittoriane simbolo della corrente “Steampunk”, oltre che alla prima macchina per il calcolo automatico.

La macchina non usufruisce di fonti di alimentazione esterne, prende vita da una manovella,ogni giro di questa fa sì che la macchina partorisca nuovi risultati.Il motore può essere settato per diversi tipi di calcolo e dagli schemi si evince che ci siano state almeno tre rivisitazioni del design,diventate poi tre modelli diversi di calcolo.

Il primo modello, il “Difference Engine N.1″ del 1832, realizzava funzioni polinominali, ed integralmente al concetto di design,produceva un output su carta dei risultati (la prima stampante automatica).

Sebbene la macchina non potesse essere usata per calcoli aritmetici generici, la prima versione computava servendosi del metodo “a stati finiti”, grazie al quale moltiplicazioni e divisioni diventavano possibili… altrimenti sarebbe stato difficilissimo implementarle meccanicamente.

I valori numerici sono rappresentati da ingranaggi,ogni cifra del valore ha il suo ingranaggio… se durante un calcolo uno di questi ingranaggi rimane in posizione intermedia,cioè tra una cifra e l’altra,il sistema la interpreta come “indeterminata”, ed il motore si mette in posizione di “Jam” (Inceppatura), per indicare che la validità del calcolo è compromessa.

Ecco quindi la prima forma di “Error Detection”, la nostra attuale ECC.
Babbage ha evoluto il concept del motore affinché facesse calcoli in decimale e binario,arrivando poco dopo a calcoli in base 3,4,5,12,16 e 100. La sfida era avere il risultato con minori movimenti meccanici in ogni caso.
Il “Motore analitico” fu la diretta evoluzione della N.1, era programmabile attraverso schede perforate, il motore ebbe la possibilità di ricordare dati “The Store”, una mini estensione del motore imputata ai calcoli aritmetici “The Mill”,oltre ad un repertotio interno delle quattro funzioni matematiche.

Dire che Babbage sia il pioniere dell’informatica a questo punto, non è assolutamente sbagliato.

Fonte Wiki
Via Bazinga grazie a Nemesys

Il caso del nichelino cavo
Il caso del nichelino cavo
Il caso del nichelino cavo
Il caso del nichelino cavo

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.