Se sei uno di noi:
ajax-loader
122 Avatar di itomi itomi
7
Tempo di Lettura in Minuti
di Antonio Moro

Mega

Kim Dotcom, il famosissimo fondatore di MegaUpload, esattamente dopo un anno dalla chiusura del famoso sito di file sharing, inaugura un nuovo servizio di cloud storage che punta a rivoluzionare il settore offrendo dieci volte lo spazio gratuito dei concorrenti e, soprattutto, crittografia di alto livello per tutto quanto si carica sui suoi server.

Mega, questo il nome del nuovo servizio di Dotcom, è completamente realizzato in HTML5, utilizzando tutte le ultimissime specifiche, alcune delle quali ancora non ufficializzate. Per questo motivo è supportato unicamente da Chrome attualmente.

Oltre un milione di persone si sono iscritte a Mega nelle prime 24 ore

Il sito, in questi giorni super lento perché assediato da mezzo mondo che cerca di iscriversi, risulta facilissimo da usare grazie alla sua interfaccia molto intuitiva, basata sul drag & drop: dopo una veloce registrazione il sito trasforma la pagina internet in pratica in una finestra di explorer / finder dove è possibile drag droppare file o creare cartelle liberamente.

Mega - Finestrad

Nella parte inferiore della finestra è possibile aprire e chiudere un pannello che mostra i trasferimenti in corso.

L’upload, così come la navigazione del sito, sono ora piuttosto lenti, ma immagino il tutto si risolverà nei prossimi giorni quando si assesterà l’assedio in corso verso il servizio.

 

 

Crittografia per ogni file caricato

Ne Mega, ne eventuali “terze parti” potranno mai sapere cosa avete caricato sul vostro spazio online

Oltre al grande spazio offerto Mega conta su una feature particolare che costituisce una novità nel settore: ogni file caricato sul servizio di cloud storage è automaticamente criptato con una chiave personale dell’utente dopo l’upload.

In questa maniera ne Mega, ne eventuali “terze parti” (vedi: il malvagio governo degli Stati Uniti) potranno mai sapere cosa avete caricato sul vostro spazio online.

Mega Crittografia

Il vantaggio è evidente: Mega si “copre” le spalle da accuse di ospitare materiale pirata come è avvenuto in passato per MegaUpload. Non potendo sapere cosa ospita, non può essere accusato di niente… o almeno questo sostengono i suoi avvocati.

Al tempo stesso chiaramente il servizio è “venduto” come una grande feature per gli utenti: avrete infatti la sicurezza che nessuno tranne voi potrà mai leggere i vostri preziosi e segretissimi file caricati su Mega.

Altra feature molto interessante è la duplicazione dei file che caricate su diversi host in giro per il mondo

Altra feature molto interessante è la duplicazione dei file che caricate su diversi host in giro per il mondo, almeno due per ogni singolo file, per fare in modo che se anche uno degli host dovesse venire meno per problemi hardware o legali (per dire eh…) i vostri file rimarrebbero comunque accessibili dagli host di “backup” presenti nella rete di Mega.

Per gestire questa cosa Mega ha aperto le porte del proprio servizio a qualunque servizio online di hosting interessato: In pratica chiede uno spazio e una banda minima in cambio di un pagamento mensile standard.

Sono migliaia gli hosting che hanno già dato la loro disponibilità e centinaia quelli già identificati come conformi agli standard di Mega.

Attualmente Mega si appoggia ad un unico servizio di hosting in Germania, ma amplierà la sua presenza nelle prossime settimane attraverso questa semplice, quanto efficace, idea.

 

 

File Deduplication e Crittografia

In rete è partita la polemica su come Mega intenda gestire li file de-duplication, la pratica cioè di non consentire l’upload di due file identici sul servizio da due utenti diversi per risparmiare spazio e banda.

Mi spiego al volo: Se voi oggi caricate sul vostro spazio un file X, per esempio un film o qualcosa di simile (per esempio eh!) e domani Gigetto vuole caricare lo stesso identico file il sistema si accorge della duplicazione dello stesso e invece che far aspettare Gigetto per l’upload gli rende disponibile direttamente il vostro file, in quanto identico a quello che voleva caricare Gigetto.

Questa tecnica permette da una parte di risparmiare spazio sui server del servizio (che non è poco) e dall’altra di offrire al Gigetto di turno un upload “istantaneo”.

Chiaramente non è “obbligatorio” offrire questa tecnica, ma la curiosità è che Mega pare proprio parlare di Deduplication in uno dei punti della sua ToS:

8. Our service may automatically delete a piece of data you upload or give someone else access to where it determines that that data is an exact duplicate of original data already on our service. In that case, you will access that original data.

Chiaramente la polemica è partita immediatamente dopo aver scoperto questo punto in quanto è impossibile gestire la deduplication di file criptati.

Se infatti voi caricate un file su Mega questo viene criptato con la vostra chiave e diventa quindi diverso dallo stesso file caricato da Gigetto e quindi criptato con la sua chiave.

Come fa Mega a capire che i due file sono uguali e quindi ad offrire a Gigetto il vostro file al posto di quello che voleva caricare lui? Non può, appunto.

Anche facendo un hash del file prima di criptarlo il problema rimane: perché anche se Mega a quel punto sa che il vostro file è uguale a quello di Gigetto prima della criptazione… come può rendere disponibile il vostro file criptato a Gigetto? Non può, appunto, a meno che Mega non sia in grado di decriptare il vostro file e recriptarlo con la chiave di Gigetto…

Immagino che questa polemica online continuerà fino a quando Mega non chiarirà come può gestire la deduplication… probabilmente annuncerà che semplicemente non la gestisce.

 

 

Il Futuro

Dopo una presentazione in pompa magna di Mega all’interno di una mega struttura (LOL) creata nel giardino della sua mega mansion (ok, ora la smetto) in Nuova Zelanda, Kim Dotcom ha detto che ora penserà a seguire quello che manca al servizio e la smetterà di fare la attention whore su Twitter e su tutta la rete per dedicarsi allo sviluppo delle proprie idee, per Mega e per gli altri servizi che arriveranno.

 

 

Quello che arriverà è la possibilità di montare lo spazio offerto da Mega direttamente all’interno di Windows come se fosse un disco, evitando quindi di aprire il sito ogni volta. Il supporto arriverà poi anche per Mac e Linux chiaramente.

Arriverà poi anche un client desktop per la gestione della sincronizzazione come già offrono i concorrenti Dropbox e Google Drive (per dirne due a caso).

Kim ha poi parlato di tutto e niente: versioning e altro (tipo i client per android e iOs, per dire eh…) sono stati promessi per un futuro prossimo, vedremo.

Attualmente, come detto, il servizio permette unicamente l’upload / download dal browser. Poco, ma comunque molto viste le caratteristiche (tanto spazio e crittografia).

 

 

La Concorrenza

A prescindere da come girerà Mega (come detto ora è lento da morire, ma spero che cambi in fretta) e da quali servizi aggiuntivi offrirà, un fatto è certo: non può che costituire una buona notizia per il mercato del cloud storage.

Attualmente i suoi concorrenti offrono da 2 a 5Gb di spazio gratuito: Mega ne offre cinquanta, dieci volte tanto.

Mega SpazioE’ vero che è possibile arrivare a spazi interessanti gratuiti su Dropbox con il loro sistema di referrer o che altri servizi come Box hanno offerto spazi simili in situazioni particolari… ma è anche vero che prima d’ora nessuno aveva offerto così tanto spazio gratis a chiunque fosse in grado di riempire un form di registrazione.

 

Senza contare i tagli offerti a pagamento da Mega:

Mega Premium

Su Dropbox lo stesso spazio costa cinque volte tanto

Il primo piano a pagamento, “Pro I” vi offre  500Gb con 10 euro al mese… su Dropbox lo stesso spazio costa cinque volte tanto e su Google Drive più del doppio.

Insomma, male che vada Mega porterà più spazio gratuito e a pagamento sui suoi competitor, esattamente come è successo quando è stato lanciato Google Drive e Dropbox ha calato i prezzi dei suoi pacchetti premium. Ciò è bene.

 

Avete già creato il vostro account Mega?

 

 

Condividi questo Articolo:
Send to Kindle
Aree Tematiche Articolo:
Internet Tecnologie
Tag Articolo:
deduplication
file deduplication
online storage
Loggati

96 Commenti

  1. Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 21/1/2013 12:22

    Dafuq ma davvero riescono coprire i costi con gli account pro?
    Cmq mi farò l’account a brevissimo se migliora le prestazione.

    Btw ogni volta che leggo Kim Dotcom lollo duro, dai come fai a fatti mettere di cognome .com?

    • Avatar di Zip Zip 21/1/2013 15:51

      infatti è un alias

      • Avatar di Pedro99 Pedro99 21/1/2013 17:52

        Già, perchè “His Royal Highness King Kimble the First, Ruler of the Kimpire” non gli ci stava sul biglietto da visita… :D

      • Avatar di maicolengel maicolengel 21/1/2013 20:39

        No no…non è un alias, Kim ha cambiato LEGALMENTE cognome attorno al 2005:

        Schmitz officially changed his legal name to Kim Dotcom—and used his Finnish heritage to register a passport under the name “Kim Tim Jim Vestor” as well, using the address of a step-sibling in Turku, Finland.

        da WIRED edizione US gennaio 2012

    • avatar gianpy 22/1/2013 08:48

      In questo momento mentre scrivo sembra tutto ok perchè riesco a caricare. Poi è ovvio che se nelle prime 24 ore si registramo contemporaneamente un milione di persone i server si sovraccaricano. Infatti fino a ieri riuscivo a caricare su MEGA a singhiozzo.

  2. avatar tipo 21/1/2013 12:28

    Per quanto possa essere un ottimo servizio di cloud storage, siamo tutti d’accordo che, purtroppo, non diventerà mai il paradiso della pirateria che era Megaupload?

    L’unico modo che ha di non fallire è dovuto all’incredibile hype ed al Marketing.

    • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 21/1/2013 12:32

      Perchè no?
      Ipotizziamo che io abbia tutta la prima stagione di agot, la metto su mega e genero un link pubblico, vado su un sito puzzone di serie tv e lo pasto.
      Ovviamente parlo in maniera ipotetica, non lo farei mai o si?

      • Avatar di itomi itomi 21/1/2013 12:42

        Esattamente. Per ogni singolo file caricato è possibile generare un link pubblico… come su Dropbox del resto eh… tanto per dire… puntare il dito su Mega quando si fanno le stesse identiche cose su servizi simili è assurdo IMHO.

        • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 21/1/2013 12:51

          Ma come dici giustamente tu nell’articolo se la Riaa vede il mio link su db magari dice a db di pigliarmi a calci nel culo, mentre se lo dice a mega, mega gli può dire “eh ma che ne so io cosa c’è li sopra? è crittato”.
          Alla fine la pirateria non dipende dal mezzo ma dalla volontà di farla, e cmq db a me da un paio di gb e basta, stronzi!

          PS
          fatto account, provato a caricare un file, upload in loop XD

          • avatar JerrySpinelli 21/1/2013 13:25

            Questo però non mi torna. Voglio dire, finchè al file posso accedere solo io nessuno sa cosa ho uploadato e nessuno può accusarmi di detenere materiale pirata in quanto criptato, ma dal momento che il link è pubblico come può questa giustificazione sussistere? Come rendo pubblico il link chiunque vede cosa nascondevo e se ciò che ho condiviso è pirata la richiesta di rimuovere il contenuto è del tutto fondata…

            • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 21/1/2013 13:35

              Esistono degli algoritmi che possono determinare, con un margine di errore abbastanza ridotto, se un file è effettivamente qualcosa di “illecito” o meno.
              A partire dal fatto che un file da 700 MB è già sospetto dal canto suo, in quanto probabilmente un video,
              Poi, comunque, il vecchio trucco di rinominare l’estensione di un file per naconderne la natura è fine a se stesso.
              I sistemi di verifica confrontano l’header del file con i formati standard, di conseguenza se lo chiami .TXT ma l’header non è di un TXT, il file è flaggato come sospetto.
              Allo stesso tempo, se l’header risulta quello di un file .AVI o .ISO, per citarne un paio, e il file risponde positivamente ad un check di integrità per quel formato, allora il tuo file non sarà più semplicemente “sospetto”, ma sarà già classificato come “illecito”, e potrà anche partire una richiesta ufficiale di controllo.

              Questo per spiegarlo in modo semplice…

              In più, il link è pubblico se TU lo rendi pubblico.
              Se lo mandi in una email non è propriamente “pubblico”, mentre se lo posti su un sito, allora sì che lo è.
              Se, però, hai mandato il link al file a “xmila” persone, e questo genera un livello di traffico elevatissimo sul singolo file, anche questo suona un campanello di allarme e potrebbe far scaturire i controlli di cui sopra.

              • Avatar di camo camo 21/1/2013 13:48

                Forse ho capito male io ma la cosa non mi torna….voglio dire: se io ho cifrato quel file, quello è un inutile ammasso di bit per qualsiasi algoritmo. Non c’è header o estensione che tenga….
                Quello che non ho capito è:
                d’ora in poi, un link pubblico ad un MEGA-file, dovrà sempre essere accompagnato dalla chiave di cifratura?

              • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 21/1/2013 13:51

                Il link pubblico include una chiave di cifratura del file che ne consenta la lettura, ma non la modifica.
                Si, il file è cifrato, quindi il controllo dell’header non può essere fatto, ma con un sistema “intuitivo” si può cercare di assegnare una categoria al file e, qualora questa classificazione rientri nel sospetto di illecito, esistono accordi internazionali che possono consentire il controllo.e la verifica dello stesso.

                Poi, se il link è pubblico (tipo pagina facebook o altri siti) allora son cazzi tua…

              • Avatar di camo camo 21/1/2013 14:00

                Ah ok, mi era sfuggito il fatto che il link includesse la chiave…si diciamo che la responsabilità, rispetto a prima, è scaricata più sugli utenti che sulla piattaforma.
                Però non è un’dea stupida, il controllo è molto più difficile da automatizzare in questo caso…..diciamo che le major assumeranno un sacco di gente che dovrà spulciarsi i forum alla ricerca di pirati allora!

        • avatar tipo 21/1/2013 14:08

          Tra i mille motivi per cui non ha senso usare Mega per diffondere contenuti protetti ci sono
          . spazio limitato, i releaser pro che se ne fanno di 50 GB? E di 4 TB a 30€? Per non parlare dei limiti di banda che da soli rendono impossibile questo tipo di operazioni.
          .no affiliazione, Megaupload e Co. funzionavano per questo.
          . I link di Mega che verranno resi pubblici comprensivi di chiave nel 99% dei casi saranno relativi a contenuti protetti. Diventa addirittura più facile individuarli.

          Personalmente uso sia Dropbox che Drive ma non vedo l’ora che vengano rilasciati in client per passare a Mega sul Cloud Storage

          • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 21/1/2013 14:15

            Io attualmente uso diversi account DropBox (il main da 7 GB con i bonus dei referrals), due GDrive, 1 Skydrive e 1 Box.
            Però, personalmente, posso dire che lo spazio disponibile non è ancora abbastanza per consentirmi di liberare l’hard disk e fare un bel refresh del mio PC.

            In più, il client di Box è di una lentezza “bradipale” (me lo si conceda) nel sincronizzare i file.
            Nel tempo in cui DropBox ha uploadato un video da 700MB, Box mi ha sincronizzato una cartella con 7 file, per un totale di 72 MB.

          • Avatar di itomi itomi 21/1/2013 14:45

            +1

  3. Avatar di Kile Kile 21/1/2013 12:32

    Creato il primo account. Dopo il primo lentissimo accesso “L’indirizzo e-mail o la password non sono corretti. Per favore riprova.”.
    Creato il secondo account. Dopo il primo lentissimo accesso “L’indirizzo e-mail o la password non sono corretti. Per favore riprova.”
    Sto invecchiando.

  4. Avatar di Kappei Kappei 21/1/2013 12:34

    Registrazione istantanea.

    L’upload non è lento, DI PIUUUUUUUUUUUUUUUU!!!

    4 minuti per caricare un file da 13 KB, spero che spendano un po’ di soldi per aumentare le proprie risorse al più presto…

    • Avatar di Kappei Kappei 21/1/2013 12:39

      Ed ora neanche me lo carica, mi è entrato in loop l’upload… Mi sa che di bug da risolvere ne hanno tanti.

      • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 21/1/2013 12:52

        Pure a me :D
        E con un filetto word di melma solo per provare.

        • Avatar di Kappei Kappei 21/1/2013 13:04

          Al secondo tentativo con un txt è andata, tempi di risposta biblici comunque.

          Generato anche il link per il download, questo è il risultato.

  5. Avatar di camo camo 21/1/2013 12:49

    La mia acidissima prof di DB diceva: “non si dice criptare in italiano, l’unico termine giusto è cifrare!” poi procedeva dicendo che ti aveva segato ma questa è un’altra storia….
    Tornando in argomento lo voglio provare appena termina il DoS. E’ ancora un po’ acerbo imho ma checcazzo, l’anniversario incombeva….

  6. Avatar di Foretto Foretto 21/1/2013 12:59

    :res:

  7. Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 21/1/2013 13:03

    Ok, il mega pulsantone non mi funziona, e se metto l’email per le news mi da errore?

    Che succede?

  8. Avatar di J-Hope J-Hope 21/1/2013 13:06

    Ma dai… io ho fatto l’account e non mi arriva nemmeno la mail di verifica!

    • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 21/1/2013 13:11

      Ok, qualcuno che riesce ad aprire la pagina di creazione account e che posta QUEL link qui nei commenti?

      • Avatar di J-Hope J-Hope 21/1/2013 13:13

        Non ci credo: è andato senza mail di verifica!

    • Avatar di NME NME 21/1/2013 13:11

      idem, la sto aspettando da ieri… aspettiamo passi il delirio da hype!

  9. Avatar di Code2 Code2 21/1/2013 13:09

    Account fatto sabato.
    In effetti sono un attimo ingolfati! :D

  10. Avatar di Darth Darth 21/1/2013 13:48

    Bene, a quando i film, serie. giochi da scaricare? :D

  11. Avatar di ostyle ostyle 21/1/2013 14:22

    E’ un gomblotto dell’ FBI

  12. Avatar di goriath | FX goriath | FX 21/1/2013 14:24

    Dopo che non mi caricava affatto la pagina, sono riuscito a caricarla ed a registrarmi in maniera abbastanza disinvolta. Sto aspettando la mail di conferma che tarda ad arrivare, intanto, l’account sembra essere già fruibile…

  13. Avatar di fareyus fareyus 21/1/2013 15:02

    Bho… sarà che la mia linea hyperlan-schifo-deluxe andrà per dorsali oscure e misteriose ma a me va che è una scheggia. La stessa registrazione effettuata alle 19.30 del giorno del lancio è andata benissimo e senza intoppi.

    Tra l’altro ho notato una cosetta che potrà essere molto molto interessante.
    Quando vai a scaricare un file ti chiede se vuoi scaricarlo su pc o ISTANT sul tuo account mega. Mica male. Specialmente per gente come me che non ha connessioni da urlo.

    Dico la verità…. una volta rilasciata l’app per pc e android dropbox gdrive e company, per me portanno benissimo andare a farsi benedire.

    P.S. Da perverso malpensante come sono devo verificare se è possibile creare account con indirizzi mail fake.
    Se si diventerà il paradiso del lestofante. Spazio infinito aggratisse.

  14. Avatar di bako bako 21/1/2013 15:43

    Magari hanno una tabella HASH – FILE, dove HASH e’ calcolato prima di criptare il file.
    Questo pero’ renderebbe il tutto meno sicuro (visto che si saprebbe chi ha quale file :D)

    • avatar tipo 21/1/2013 15:48

      No perchè in questo modo sarebbero in grado di identificare i file, e non vogliono farlo. Inoltre da qualche parte ho letto che la cifratura avviene, giustamente, in locale durante l’upload, a Mega arriva il file già cifrato. Sinceramente non riesco proprio a capire come fanno a far funzionare quel sistema, è praticamente un controsenso.

      • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 21/1/2013 15:53

        Per poter creare un link pubblico, la cifratura non può avvenire sulla macchina utente, e non può arrivare su Mega il file “già cifrato”.
        Al più, l’eventuale tempo di upload “aggravato” può essere legato alla cifratura in corso, che rallenta le operazioni, ma se il link viene generato da Mega, allora la cifratura avviene su Mega, a meno che non si appoggino, per la cifratura, ad un partner esterno, che fa da intermediario.
        Quest’ultima soluzione potrebbe, tra l’altro, generare un collo di bottiglia che rallenti gli upload, nel momento in cui il partner esterno non dispone della stessa banda di Mega.

        • avatar tipo 21/1/2013 16:06

          Perché la cifratura non potrebbe avvenire in locale? Anzi è proprio così che deve avvenire! Il tuo PC si occupa di cifrare il file mentre lo invia a Mega lo mette nel cloud rimanendo all’oscuro del contenuto originale. Le chiavi vengono anche loro generate in locale, non certo da Mega che altrimenti sarebbe a conoscenza di tutti i dettagli.

          Per essere chiari: se Alice invia in chiaro una lettera a Bob dicendo che lui si deve occupare di cifrarla, ha senso?

          • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 21/1/2013 16:12

            Se lavori attraverso un client, questo è possibile, altrimenti non puoi cifrare il file attraverso il tuo PC, in quanto non tutti i sistemi operativi consentono una cifratura.

            • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 21/1/2013 16:17

              @RemtonJDulyak visto che mi sembri un pro di crittazione ti chiedo una curiosità, crittare i dati ha un costo in termini di dimensione del file?

              • Avatar di Nicholas | Nè Nicholas | Nè 21/1/2013 16:18

                tagfail :sad:

              • avatar mcmorry 21/1/2013 16:31

                In base all’algoritmo di criptazione il file può crescere anche notevolmente. Credo però che sia interesse di Mega in primis quello di evitare questo aumento. Avranno scelto un sistema idoneo ad evitarlo.

            • Avatar di iuza83 iuza83 21/1/2013 16:49

              Che significa “non tutti i sistemi operativi consentono una cifratura”?

              • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 22/1/2013 08:25

                Scusami, sono stato un po’ impegnato.
                La questione è:

                Il tuo PC si occupa di cifrare il file mentre lo invia a Mega

                Questa frase assume che sia il SO e non il browser a criptare il file.
                Ma questa operazione prevede che il SO abbia degli algoritmi suoi per la cifratura.
                Win 7 consente, ad esempio, di applicare la cifratura sui dispositivi rimovibili, ma se prendi SO più vecchi, hai bisogno di programmi di terze parti.

                Se, poi, @tipo intendeva che la cifratura viene effettuata dal browser, allora la mia affermazione perde significato.

          • Avatar di h4mi5h h4mi5h 21/1/2013 16:27

            Per essere chiari: se Alice invia in chiaro una lettera a Bob dicendo che lui si deve occupare di cifrarla, ha senso?

            Sì.
            http://it.wikipedia.org/wiki/Crittografia_asimmetrica
            Rimane da chiarire la decuplicazione

            • Avatar di iuza83 iuza83 21/1/2013 16:52

              No.
              La crittografia asimettrica ha senso nel momento in cui Bob e Alice devono scambiarsi delle informazioni. Ma se Bob deve solo custodire la lettera di Alice, perchè dovrebbe essere Bob ad occuparsi della cifratura?

              • Avatar di h4mi5h h4mi5h 21/1/2013 17:06

                Bob deve custodire un’informazione che solo Alice deve leggere e si fa pagare per il servizio. Bob ha le risorse per farlo, mentre Alice no. Bob cifra la lettera con la chiave pubblica di Alice e fine del problema, Alice non si deve neanche preoccupare di cosa è successo, sa solo che il suo file è accessibile solo a lei. E’ una semplificazione per l’utente comune, mi sembra la soluzione più appropriata.
                Hai comunque ragione quando affermi che la cifratura asimmetrica serve per lo scambio di informazioni, anzi per esser precisi viene spesso usata per scambiarsi chiavi simmetriche. Da qui mi nasce l’idea per la decuplicazione: 1) salvo il mio bel hash del file, 2) genero una chiave simmetrica con cui cifro il file, 3) cifro la chiave simmetrica con la chiave pubblica dell’utente, generando dei file doppioni per utenti diversi di pochi Kb invece che di millemilamega.

                regge la soluzione?

            • Avatar di iuza83 iuza83 21/1/2013 17:24

              Dal punto di vista tecnico non fa una piega! :D
              Ma se l’intera linea difensiva di Bob riguardo all’upload di file protetti da copyright è “Io non conosco il contenuto dei file che gli utenti caricano” quando in realtà è lui a crittografarli ed è sempre lui ad avere una copia in locale della chiave simmetrica per leggerli… beh diciamo che bob è nella merda! :D

            • Avatar di iuza83 iuza83 21/1/2013 18:21

              Bob deve avere accesso alla chiave simmetrica per cifrarla con la chiave pubblica dei vari utenti che “condividono” il file. ;)
              Comunque nell’articolo linkato la soluzione che spiegano è un pò diversa:
              dato un file X viene prodotta una chiave simmetrica(tramite una qualche forma di funzione di hashing immagino), e con quella chiave viene criptato il file e uploadato. Se due utenti caricano lo stesso tipo di file, la chiave simmetrica generata sarà la stessa -> il file cifrato sarà lo stesso .-> il server li confronta, vede che sono uguali ed effettua la deduplicazione.

              Ovviamente, avendo il detentore del copyright anch’esso il file originale, può tranquillamente fare lo stesso passaggio ed imporre al gestore del servizio di eliminare tutti i record per quel determinato file, o addirittura un controllo preventivo.

              • Avatar di h4mi5h h4mi5h 21/1/2013 18:51

                Tutto corretto eh, le mie sono solo speculazioni. Trovare un modo per cui la chiave simmetrica non sia accessibile a Bob. Nel link sopra si usa l’hash come chiave simmetrica, e l’hash è in mano agli utenti. Successivamente Bob cifra l’hash per ogni utente.
                Un po’ ovunque stanno speculando sulla possibile soluzione, su Ars Technica giusto ora mi è apparso l’RSS che sto ancora leggendo http://arstechnica.com/business/2013/01/megabad-a-quick-look-at-the-state-of-megas-encryption/
                Sembra un po’ più complesso :)

            • Avatar di iuza83 iuza83 21/1/2013 20:11

              Grazie per il link! L’ho letto e sono ancora più confuso :D

    • avatar tipo 21/1/2013 16:01

      Anzi no, ho capito male. Tu intendi che viene generato l’hash prima di cifrare il file, e che poi viene inviato insieme al file cifrato. Effettivamente questo è un metodo ottimo sia per gestire la decuplication sia per scaricare la colpa sugli utenti. Però non rende più difficile identificare i file pirata, anzi.

      • Avatar di bako bako 21/1/2013 16:40

        si, era un’idea.
        a dire il vero tu avresti un HASH e un puntatore al file vero e prorprio.
        poi chi abbia quel file e’ un’altro paio di maniche :).

        il fatto che anche cosi’ non puo’ funzionare :D.
        perche’ anche sapendo l’hash del file liscio, poi bisogna criptarlo e decriptarlo con le chiavi dei due utenti. quindi servono 2 file diversi.

      • Avatar di itomi itomi 21/1/2013 17:10

        Non mi avete letto allora :D Dall’articolo:

        Anche facendo un ash del file prima di criptarlo il problema rimane: perché anche se Mega a quel punto sa che il vostro file è uguale a quello di Gigetto prima della criptazione… come può rendere disponibile il vostro file criptato a Gigetto? Non può, appunto, a meno che Mega non sia in grado di decriptare il vostro file e recriptarlo con la chiave di Gigetto…

        • Avatar di bako bako 21/1/2013 17:20

          non e’ che Mega usa una criptazione con una sua chiave per tutti i file e poi dia accesso a un puntatore (o al record che punta al file) il cui valore e’ criptato con la password dell’utente.
          cosi’ ogni utente puo’ usare la sua chiave per accedere a un file che e’ uguale per tutti :).
          ecco, non so nemmeno se e’ possibile fare una cosa del genere :o . e perderebbe valore la criptazione.

          • Avatar di alessandro1985 alessandro1985 21/1/2013 17:36

            Potrebbe essere un’idea, ma a quel punto i file non sono più criptati… Sono di MEGA… Che può vederli, quindi cade il concetto di criptato…

            Dovrebbero usare della criptonite… :rofl: :D

            • Avatar di itomi itomi 21/1/2013 19:01

              Esatto.. semplicemente non è possibile fare la deduplication se cripti, non ci sono cazzi… boh.

              • avatar tipo 21/1/2013 21:43

                Forse ho capito come funziona:

                ho un file, tramite un algoritmo viene generata una chiave H che verrà usata per cifrare quel file. Questo ha senso perchè per ottenere la chiave H bisogna essere in possesso del file originale. A Mega invio il file cifrato. Dopodichè genero una coppia di chiavi asimmetriche con cui cifrerò H e la invierò a Mega. Quindi Mega possiede H[file] = fileCifrato e Alice+[H]. Nessuno è in grado di decifrare fileCrifrato senza Alice- perchè la decifratura avviene con Alice-[Alice+[H]] = H e successivamente H_[fileCifrato] = file.

                Bob vuole uppare lo stesso file. Viene generata la stessa chiave H. Quindi sia per Alice che per Bob H[file] = fileCifrato. Ora si genera una firma per fileCifrato. Mega controlla e trova quella firma per fileCifrato di Alice. Bob non uppa niente ma si limita a generare le proprie chiavi Bob+ e Bob- per H ed invia Bob+[H] a Mega.

                Mega possiede: H[file] = fileCifrato; Alice+[H]; Bob+[H] -> non è in grado di decifrare il file

                Alice possiede: fileCifrato; Alice+; Alice-; Alice+[H] -> per decifrare può usare Alice-[Alice+[H]][fileCifrato]

  15. Avatar di Zip Zip 21/1/2013 15:53

    era ora mi sembrava strano che non era spuntato nessun articolo sulla lega riguardo mega.
    ad ogni modo io temevo che ddossavamo il sito al dayone XD invece i server hanno retto,
    per la lentezza a quanto ho capito usano html5 e quindi consigliano chrome… spero che anche gli atri browser si decidano a implementare 100% html5

    • Avatar di Pedro99 Pedro99 21/1/2013 18:22

      Nemmeno Chrome implementa l’html5 al 100% se è per questo.
      Però ci va più vicino.
      Visto che è il browser preferito dagli sviluppatori, tutte le nuove features su internet in genere sono costruite attorno a Chrome (indi per cui funziona meglio)

      In ordine di compatibilità Html5:
      Chrome
      Opera
      Firefox
      Safari
      IE9

      Ad esempio a casa uso Opera e anche se spesso i siti controllano l’user agent e mi dicono “il tuo browser non è compatibile”, in realtà è una palla. Cambio l’user agent dai setting del sito in questione nel browser (tipo “maschera come Firefox”), e tutto funziona perfettamente… ;)

      • Avatar di goriath | FX goriath | FX 21/1/2013 20:57

        Se Maxthon non sta al primo posto, fidati che sta subito dopo Chrome almeno.

        • Avatar di Pedro99 Pedro99 22/1/2013 00:23

          Ho messo solo i browser che hanno almeno qualche punto in percentuale di share a livello globale, ovviamente… :)

  16. Avatar di alessandro1985 alessandro1985 21/1/2013 16:42

    Iscritto appena saputa la notizia…

    prime considerazioni:

    La grafica è semplice e minimalistica, intuitiva ed estremamente pulita. Le impostazioni sono quelle necessarie (si può gestire la banda in upload o farla gestire direttamente da MEGA. Punto…).

    50 GB sono veramente tanti… ho subito pensato di caricarvi la mia collezione di porno, ma mi sono imbattuto in una connessione estremamente lenta. Per caricare un file da 20 KB ci ha messo un minuto e non ha nemmeno finito (ho provato a caricare una cartella di immagini… porno)
    Penso che il disguido sia dovuto ad un sovraccarico dei server causato dall’entusiasmo dei nuovi iscritti. Non ho ben capito di quanta “banda” si dispone con l’account gratuito, e se c’è una velocità minima garantita, ma per uso personale sono fiducioso che sia abbastanza.

    Aspetto con ansia i client per Linux e Android, così da poter sincronizzare tutto quello che ho. (spero sopratutto che svillupino un deb per il mio serverino debian, in modo tale da gestire tutto da linea di comando e avere i file che ho in rete a casa, criptati e disponibili ovunque nel mondo.)

    Considerazioni rispetto agli altri servizi che uso:

    Dropbox – avendo preso un GS3 ho a disposizione 100 GB per due anni, gratis. L’unica cosa che in ufficio ho provato ad installare il client per win, ma il proxy blocca l’accesso verso i server dropbox per policy aziendale… Su linux è perfetto e sul mio server debian va abbastanza bene, ma non so se sarò disposto a pagare per mantenere i GB che ho avuto in omaggio…

    GDrive – comodissimo in ufficio, sul cellulare… Ha una sola pecca: NON HA UN CLIENT PER LINUX… ecco perchè lo uso solo per document (accessibile online)

    Comclusioni:

    Il fatto di avere 50 GB gratis, crittografia a millemila bit, futuri client cross platform e la possibilità di vedere i porno che carico in banda larga ovunque mi trovi…. mi fa pensare che GDrive lo userò solo per l’edit dei testi e che Dropbox cadrà lentamente in disuso (per quanto mi riguarda…)

    A.

  17. Avatar di Iunthanaka Iunthanaka 21/1/2013 21:44

    Ma possibile che nessuno abbia mai sentito parlare di Wuala?
    http://www.wuala.com/it/

    Lo uso regolarmente. Pochi Gb gratis, maledetti e subito.
    Oltretutto è cross-platform e app-dotato come pochi. Perfetto per un linuxiano e androidiano come il sottoscritto.

    • avatar puppone 22/1/2013 01:27

      +1 bro

      Cliente pagante di Wuala da due anni, ma sempre in cerca di alternative più economiche….

  18. Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 22/1/2013 08:56

    Ok, 8 account Mega all’attivo.
    Quando ho tempo creo un’altro paio di indirizzi email e creo un’altro paio di account.
    Poi procedo a trasferire tutta la mia collezione di GdR in PDF!

    • Avatar di alessandro1985 alessandro1985 22/1/2013 11:41

      sempre che si riescano a caricare anche solo 10 merdosissimi kB… :rofl: :D :rofl: :D

    • Avatar di itomi itomi 22/1/2013 13:56

      Ok, ma li hai visti i prezzi si Mega? Wuala è allineato alle decine di altri servizi più o meno famosi che fanno la stessa cosa di base… poi ok app e compagnia spero arrivino anche su Mega, come hanno promesso.

  19. Avatar di simonefluo simonefluo 22/1/2013 16:05

    :res:

  20. Avatar di 0x87k 0x87k 22/1/2013 23:01

    La deduplication secondo me è fattibile.
    C’è un typo nell’articolo comunque…

    un ash

    :D

  21. Avatar di bako bako 23/1/2013 14:08

    here we are http://mega-search.me/

  22. avatar themarox 23/1/2013 15:23

    ci saranno programmi di affiliazione come era presente nel vecchio megaupload?

  23. Avatar di kmau kmau 23/1/2013 21:40

    è anche vero che prima d’ora nessuno aveva offerto così tanto spazio gratis a chiunque

    questo è inesatto. Mediafire li offre ;)

    • Avatar di itomi itomi 24/1/2013 16:23

      Si, ma ha un’infinità di limitazioni :(

    • Avatar di RemtonJDulyak RemtonJDulyak 25/1/2013 08:26

      Mi son fatto anche 8 account su Mediafire, giusto per avere un po’ di spazio in più.
      Però, devo dire, DropBox se avesse più spazio a disposizione la vincerebbe su tutti.

      Finora, di tutti quelli che ho provato, è l’unico che mi dà la VERA collaborazione sul folder.
      Infatti lo uso per lavoro, folder condiviso con il mio collega (io PC, lui Mac), e ci lavoriamo su insieme senza doverci passare niente.

      • Avatar di granfio granfio 30/1/2013 23:25

        Anche io uso DB (solo da quando è deceduto idisk) per lavoro condividendo le cartelle ed effettivamente funziona benissimo (è nato per questo d’altronde).
        Mega oggettivamente, non capisco dove vorrà arrivare…secondo me potrà equiparare il tipo di servizio di folder sharing esistente (offrendo però molto più spazio), ma non potrà riesumare il vecchio megaupload per l’uso piratesco se non offrirà l’affiliazione con conseguente guadagno per chi “shera” i files. E poi…con safari non funziona e già mi è diventato antipatico.

        • Avatar di alessandro1985 alessandro1985 31/1/2013 11:32

          Non prendo l’uva perchè tanto non è buona…

          Questo diceva il lupo che non riusciva a raggiungerla perchè si trovava troppo in basso!

          Usa Chrome :res: e risolvi il problema (più molti altri…)
          Alla fine 50GB sono sempre 50 GB…

  24. Avatar di Falkons Falkons 27/1/2013 11:47

    Ho già scaricato un paio di programmini e devo dire che è una bomba!
    Poi, con IE10 mi scarica a 620 k/bps con Google Chrome non mi supera i 590 k/bps :/

    Ad ogni modo, grande MEGA e bentornato!
    Mi domando se non diventerà in breve tempo il leader nel settore cloud facendo barba a DropBox, Google Drive e SkyDrive

    • avatar francesco.marquez.7 29/7/2013 11:18

      Non credo che potrà mai raggiungere i concorrenti enl mondo cloud e questo perchè il cloud è legetissimo al mondo mobliel oramai…su smartphone e tablet ci sono decide di app che si sincronizzano in automatico con i servizi come dropbox,quindi la comodità è immensa,,,Io sincrozizzo su drop i video e lefoto che faccio con il telefono, le registrazioni delle telefonate ,i documenti ….E come me credo siano davvero in tanti…La speranza per mega rimane sempre la pirateria,ma anche li il sistema non è proprio vincente perchè in realtà prima si pagava per poter scaricare adesso si paga per poter inserire il materiale….

  25. Avatar di Gianmarco Zappalà Gianmarco Zappalà 4/2/2013 06:05

    Il problema non è quanto spazio ci offrono, non servirà più quando tra pochissimo ci toglieranno gli abbonamenti flat e le compagnie per poter guadagnare inventeranno i pacchetti dati come una volta..

Lascia un Commento

Devi essere loggato per inviare un commento.

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd