Esopianeta K2-18 b: il telescopio Webb ha trovato prove di vita aliena?

È da un po’ di tempo che si diffonde la voce, che pervade angoli rispettabili della comunità astronomica e astrobiologica, che il telescopio spaziale James Webb abbia trovato un pianeta con forti indizi di vita. Queste “voci di corridoio” sono diventate di dominio pubblico quando la rivista britannica The Spectator ha pubblicato un articolo intitolato “Have we just discovered aliens?” (“Abbiamo appena scoperto gli alieni?”).

K2-18 b

Il dibattito nasce, probabilmente, da una “scoperta” del telescopio spaziale James Webb: K2-18 b, un esopianeta 8,6 volte più massiccio della Terra che si trova a 120 anni luce dal nostro sistema solare. Gli astronomi ritengono che possa trattarsi di un esopianeta “hycean”, dalle parole hydrogen (idrogeno) e ocean (oceano), un ipotetico tipo di pianeta abitabile con un oceano e un’atmosfera ricca di idrogeno che sarebbe in grado di ospitare la vita. Il giornale ha riportato i commenti di alcuni rispettabilissimi scienziati britannici, tra cui l’astrofisica Rebecca Smethurst, che ha dichiarato: “Credo che molto, molto presto avremo un documento con una forte evidenza di una biosegnalazione su un esopianeta“. Inoltre, l’astronauta britannico Tim Peake ha detto: “Potenzialmente, il telescopio James Webb potrebbe aver già trovato [vita aliena] … È solo che non vogliono rilasciare o confermare i risultati finché non sono del tutto sicuri, ma abbiamo trovato un pianeta che sembra emettere forti segnali di vita biologica“.

La parola alla NASA

Sebbene un funzionario della NASA abbia dichiarato ad Ars Technica, importante rivista scientifica, che finora non sono state trovate “prove definitive”, ha riconosciuto la possibilità di una grande scoperta all’orizzonte che richiederebbe anni di ricerche successive per essere confermata. “Si prevede che le osservazioni del JWST possano portare all’identificazione iniziale di potenziali biosegnali che potrebbero rendere l’abitabilità più o meno probabile per un determinato esopianeta“, ha dichiarato ad Ars Knicole Colón, vice scienziato del progetto James Webb per la scienza degli esopianeti. “Saranno necessarie missioni future per stabilire in modo definitivo l’abitabilità di un esopianeta“. Si tratta di una risposta formulata in modo tale da smorzare qualsiasi voce non fondata, ma che certamente lascia aperta la porta ad alcune interessanti possibilità – un no, ma “non un no secco“, secondo l’analisi di Ars.

Perchè tutto questo clamore proprio intorno a K2-18 b?

Gli astronomi avevano già studiato questo pianeta con il telescopio spaziale Hubble, ma il loro interesse si è amplificato quando il telescopio Webb, divenuto operativo l’anno scorso dopo il lancio alla fine del 2022, ha effettuato alcune osservazioni interessanti. Tra le molecole trovate da Webb c’era il dimetilsolfuro, la famosa biosegnalazione di cui sopra. Che cos’è il dimetilsolfuro? È un composto organico che viene emesso dal fitoplancton negli oceani della Terra come parte del loro processo metabolico. In particolare, sulla Terra il dimetilsolfuro è prodotto solo da organismi viventi. Questo non prova l’esistenza di vita su K2-18 b, ma se il dimetilsolfuro esiste, è certamente un indizio che giustifica le voci sulla possibile presenza di vita sull’esopianeta. Inoltre, sempre su Ars, si legge di altri scienziati che ne sanno molto circa la scoperta della vita su un esopianeta, ma che non sarebbero disposti a dirlo pubblicamente. Quindi, ricapitolando, gli scienziati sono decisamente incuriositi dalle osservazioni che Webb ha effettuato sull’esopianeta K2-18 b. Tuttavia, è in corso un acceso dibattito sulle misurazioni del telescopio relative ad acqua, metano e dimetilsolfuro. Sono promettenti, ma non risolutive. Come ha detto Colón, abbiamo bisogno di più dati e possibilmente di nuovi strumenti per fare una scelta definitiva.

Northrop Grumman e SpaceX insieme per la costellazione NRO: una partnership innovativa
Northrop Grumman e SpaceX insieme per la costellazione NRO: una partnership innovativa
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Il chip di Neuralink riesce nel suo intento: tetraplegico riesce a giocare a scacchi con il pensiero (il video)
Il chip di Neuralink riesce nel suo intento: tetraplegico riesce a giocare a scacchi con il pensiero (il video)