Come si definisce la timidezza? Questione di natura o di circostanza?


Che cos’è la timidezza? La ricerca ha dimostrato che la timidezza è caratterizzata da paura e nervosismo in risposta alla novità sociale e/o alla valutazione sociale. La timidezza può manifestarsi a livello comportamentale, affettivo e fisiologico, ma poco si sa su come queste componenti si raggruppino. Secondo alcune teorie di lunga data, la timidezza può essere concettualizzata come un tratto relativamente stabile nel corso dello sviluppo, descritto come timidezza temperamentale. La timidezza può anche essere concettualizzata come un’emozione provata in una determinata situazione sociale, definita timidezza di stato. Per comprendere meglio la timidezza nei bambini, un nuovo studio pubblicato su Child Development dai ricercatori della McMaster University in Canada ha esaminato le risposte comportamentali, affettive e fisiologiche di un bambino a un compito assegnatoli. I risultati hanno mostrato che la timidezza temperamentale può esistere in un gruppo distinto di bambini nel corso del tempo, mentre un sottoinsieme più ampio di bambini può sperimentare la timidezza come uno stato emotivo in alcune situazioni.

“I nostri risultati forniscono un supporto empirico all’idea, da tempo teorizzata, che possa esistere un sottoinsieme di bambini timidi dal punto di vista temperamentale che manifestano un’accentuata reattività comportamentale, affettiva e fisiologica in risposta a un fattore di stress sociale, nonché un sottoinsieme di bambini che possono sperimentare solo la componente affettiva, che può riflettere una timidezza di stato”, come spiega Kristie Poole, che ha condotto lo studio presso la McMaster University. “Questo evidenzia le molteplici componenti e il decorso evolutivo della timidezza temperamentale e le caratteristiche che distinguono la timidezza temperamentale da quella di stato nella media e tarda infanzia“.

Lo studio

Lo studio attuale ha incluso 152 bambini canadesi (73 bambine) di età compresa tra i 7 e gli 8 anni e i loro caregiver. I bambini sono nati in un ospedale locale e sono stati reclutati da un database infantile della McMaster University contenente i dati di nascita dei neonati i cui genitori hanno acconsentito all’inclusione del loro bambino. Il 90% dei caregiver era rappresentato da madri e il 10% padri. I bambini erano principalmente bianchi (81,6%), seguiti da bambini a razza mista (9,9%), asiatici (3,9%), neri (2,6%) e latino-americani (2%). I bambini provenivano principalmente da famiglie di classe socioeconomica medio-alta. I bambini sono stati sottoposti a un elettrocardiogramma ambulatoriale e hanno svolto attività con uno sperimentatore in una stanza adiacente a quella dei genitori. Durante questo periodo, i genitori hanno compilato questionari online relativi al temperamento del bambino, mentre lo controllavano su un monitor a circuito chiuso silenziato. I bambini hanno preparato un discorso di due minuti sul loro ultimo compleanno e lo hanno recitato davanti a una videocamera e a uno specchio. È stato detto loro che il discorso sarebbe stato videoregistrato per essere visto da altri bambini in seguito. L’obiettivo era quello di indurre stress. Il team di studio ha codificato l’evitamento/inibizione dei bambini (cioè il comportamento), i bambini hanno autodichiarato il loro nervosismo (cioè le emozioni) ed è stata misurata l’aritmia sinusale respiratoria (cioè la fisiologia). A uno e due anni dalle valutazioni, i genitori hanno completato un’indagine di follow-up online sul temperamento del loro bambino. Hanno risposto ad affermazioni come “il bambino si comporta in modo timido con le persone nuove“. In questo modo è stato esaminato il rapporto tra le risposte dei bambini al discorso e il loro temperamento nel tempo.

Risultati

“I risultati hanno mostrato che circa il 10% dei bambini del nostro studio mostrava una reattività allo stress sociale, dovuta al discorso che dovevano eseguire, a livello comportamentale, affettivo e fisiologico, e presentava anche un modello di timidezza temperamentale relativamente più alto e stabile nel tempo, riferito dai genitori, il che dimostra che possono essere caratterizzati come timidi dal punto di vista temperamentale”, ha continuato Poole. Un secondo sottogruppo di circa il 25% dei bambini ha mostrato un modello di reattività allo stress sociale solo a livello emozionale (cioè, sentendosi nervoso) e non ha mostrato livelli relativamente alti di timidezza temperamentale riferita dai genitori, fornendo prove che potrebbero essere caratterizzati da timidezza di stato”. I risultati hanno implicazioni per la concettualizzazione della timidezza, in quanto i diversi tipi di timidezza possono differire nel tipo piuttosto che nel grado”.
I risultati forniscono prove empiriche per le idee articolate per la prima volta da Jerome Kagan, diversi decenni fa. Egli sosteneva che la timidezza temperamentale può esistere come categoria distinta per alcuni bambini e che le caratteristiche che definiscono questa categoria sono relativamente stabili nel tempo e nel contesto. Oltre a questo sottoinsieme di bambini temperamentalmente timidi, i ricercatori hanno scoperto che un sottoinsieme più ampio di bambini può sperimentare la timidezza come uno stato emotivo in alcune situazioni. È probabile che l’esperienza della timidezza di stato, in risposta ad un evento stressante (come quello di dover are un discorso) sia un’esperienza relativamente comune e normale per i bambini di questa età. Per un gruppo più ristretto di bambini temperamentalmente timidi, tuttavia, essere al centro dell’attenzione può essere stressante nel tempo e in vari contesti. Poiché sappiamo che non tutti i bambini sono uguali e che la timidezza temperamentale precoce è un fattore di rischio per i problemi legati all’interiorizzazione, il lavoro futuro dovrebbe esaminare le conseguenze di questi risultati per l’adattamento sociale, psicologico e accademico dei bambini.
Gli autori riconoscono diversi limiti nella loro ricerca. Lo studio ha misurato le componenti comportamentali, affettive e fisiologiche solo in un determinato momento; quindi, non ha modo di misurare se queste componenti rimarranno stabili nel corso dello sviluppo. Gli autori raccomandano che le ricerche future includano campioni di bambini più diversificati, poiché questo studio ha riguardato principalmente bambini bianchi provenienti da famiglie di status socioeconomico medio-alto, rendendo difficile la generalizzazione dei risultati.

 

Starship lunare e lander Blue Origin: le caratteristiche delle versioni cargo
Starship lunare e lander Blue Origin: le caratteristiche delle versioni cargo
Sistema solare: trovate nuove prove dell'esistenza di un pianeta sconosciuto
Sistema solare: trovate nuove prove dell'esistenza di un pianeta sconosciuto
La Giornata della Terra: perché nasce e quali sono gli obiettivi
La Giornata della Terra: perché nasce e quali sono gli obiettivi
Northrop Grumman e SpaceX insieme per la costellazione NRO: una partnership innovativa
Northrop Grumman e SpaceX insieme per la costellazione NRO: una partnership innovativa
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
La NASA ha una nuova astronave pronta a trasportare equipaggio: il Boeing Starliner
La NASA ha una nuova astronave pronta a trasportare equipaggio: il Boeing Starliner