Test genetico delle urine predice il cancro alla vescica anni prima della diagnosi

Un nuovo test genetico delle urine potrebbe aiutare a predire il cancro alla vescica fino a 12 anni prima della diagnosi. Uno studio condotto da ricercatori francesi, iraniani e statunitensi ha identificato mutazioni in dieci geni che possono prevedere il tipo più comune di cancro alla vescica anni prima che la malattia mostri sintomi clinici. La diagnosi del cancro alla vescica si basa su procedure costose e invasive come la cistoscopia, che prevede l’inserimento di una telecamera nella vescica. Disporre di un test delle urine più semplice, in grado di diagnosticare con precisione e persino di prevedere la probabilità di cancro con anni di anticipo, potrebbe aiutare a individuare un maggior numero di tumori in fase precoce e a evitare cistoscopie non necessarie in pazienti sani. Il tumore alla vescica è uno dei dieci tumori più comuni nel Regno Unito e il quinto più comune nell’Unione Europea, con oltre 200.000 casi nell’UE ogni anno. Solo la metà, circa, delle persone a cui viene diagnosticata la malattia in fase avanzata sopravvive più di cinque anni, soprattutto a causa della diagnosi tardiva e della recidiva della malattia. Al contrario, se il cancro viene individuato in fase iniziale, oltre l’80% dei pazienti sopravvive per almeno cinque anni.

Titolo SEO: “Il test UroAmp identifica precocemente il cancro alla vescica in modo accurato

Lo studio si è basato sul test UroAmp, un esame generale delle urine che identifica mutazioni in 60 geni, sviluppato dalla società Convergent Genomics, spin out della Oregon Health Science University. Basandosi su precedenti ricerche per identificare le mutazioni genetiche legate al cancro alla vescica, il team di ricerca ha ristretto il nuovo test per concentrarsi sulle mutazioni in soli dieci geni. I ricercatori hanno testato il nuovo test potenziale utilizzando i campioni del Golestan Cohort Study, che ha seguito la salute di oltre 50.000 partecipanti per dieci anni, i quali hanno tutti fornito campioni di urina al momento del reclutamento. Quaranta persone all’interno dello studio hanno sviluppato un tumore alla vescica durante quel decennio e il team ha potuto analizzare i campioni di urina di ventinove di loro, insieme a quelli di altri 98 partecipanti simili come test di controllo. Dei 29 partecipanti che hanno sviluppato il cancro alla vescica all’interno della coorte Golestan, il test è stato in grado di predire con precisione il futuro cancro alla vescica in 19 di loro (66%), anche se i campioni di urina erano stati prelevati fino a 12 anni prima della diagnosi clinica. Il test è risultato accuratamente negativo in 94 dei 98 partecipanti (96%) che non avrebbero sviluppato il cancro in futuro.

Il dottor Joost Boormans, membro dell’ufficio scientifico dell’EAU e urologo presso l’Erasmus University Medical Center di Rotterdam, ha dichiarato: “Una ricerca di questo tipo è molto incoraggiante perché dimostra che la nostra capacità di identificare le alterazioni molecolari nelle biopsie liquide come l’urina che potrebbero indicare un cancro sta migliorando costantemente. Sebbene sia necessario sviluppare una diagnostica più accurata, è improbabile che nel prossimo futuro avremo un programma di screening di massa per il cancro alla vescica”. Un test delle urine per la ricerca di mutazioni genetiche potrebbe rivelarsi utile per ridurre le cistoscopie e le scansioni nei pazienti affetti da tumore alla vescica che vengono monitorati per le recidive e in quelli che vengono visitati per la presenza di sangue nelle urine. Un semplice test delle urine sarebbe molto più facile da eseguire per i pazienti rispetto a procedure o scansioni invasive, oltre a essere meno costoso per i servizi sanitari”.

 

 

Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale