Games Made in Europe: il primo evento digitale dedicato ai talenti europei del videogioco

Quello che viene definito come “l’equivalente videoludico dell’Eurovision” è in arrivo nel 2023, con la prima edizione dell’evento Games Made in Europe. Nel 2022, l’associazione francese Capital Games ha riunito a Parigi oltre un milione di persone per l’evento Games Made in France. Quest’anno ha deciso di rialzare la posta, riunendo tutte le associazioni di categoria del settore dei videogiochi di tutta Europa (EGDF, DGA, WALGA, DEV, IIDEA, FLEGA, Game Habitat, Indie Games Poland Foundation) e con il sostegno del programma MEDIA Europa Creativa dell’Unione Europea, per lanciare l’evento Games Made in Europe, che si terrà dal 24 al 28 maggio.

Il programma prevede la presentazione dei migliori giochi di produzione europea, nel corso di quattro giorni di dirette in streaming su Twitch, condotte dagli streamer e dai content creator più importanti d’Europa. I giochi in evidenza beneficeranno di promozioni su Steam e l’evento includerà anche un programma di conferenze, formazione e networking professionale nel settore.

I giochi in evidenza saranno preventivamente selezionati da una giuria di esperti, prima di essere trasmessi in diretta streaming su Twitch per tutta la durata dell’evento. Per ulteriori informazioni sulle modalità di presentazione dei giochi, è possibile consultare il sito web ufficiale. Il termine ultimo per la registrazione dei partecipanti è la mezzanotte CEST del 28 marzo.

L’obiettivo principale di Games Made in Europe è quello di promuovere il talento europeo, mostrando la creatività unica dei migliori studi di tutta Europa, grandi o piccoli, più famosi o meno conosciuti. In quanto organizzazione senza scopo di lucro, il nostro obiettivo è quello di rendere l’evento accessibile al maggior numero possibile di talenti, per cui le quote di iscrizione sono state ridotte al minimo rispetto agli standard di mercato, consentendoci comunque di coprire i costi dell’evento. Le associazioni di categoria possono anche presentare progetti di gruppo per garantire una maggiore varietà di giochi.

spiega Cyrille Imbert, presidente di Capital Games.

A Games Made in Europe si prevede la partecipazione di oltre cento progetti, da parte di publisher affermati e rinomati studi di sviluppo di videogiochi indipendenti. Tra i partecipanti confermati finora ci sono Dotemu, Raw Fury, Devolver Digital e decine di altri studi da tutta Europa.
I candidati possono registrare un progetto per Games Made in Europe compilando questo modulo; il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 28 marzo a mezzanotte (CEST).

Games Made in Europe è organizzato in collaborazione con SuperCrowd, Meet2Match e Cosmocover. Questo evento è stato reso possibile grazie al sostegno del programma MEDIA Europa Creativa dell’Unione Europea e al supporto di associazioni nazionali tra cui EGDF, game in Germania, IIDEA in Italia, Indie Game Poland Foundation in Polonia, RGDA in Romania, DGA nei Paesi Bassi, LZKA in Lituania, CGDA in Croazia, SGDA in Slovacchia, WALGA e FLEGA in Belgio.

Leggi anche:

PlayStation Productions: progetti in uscita nel 2023 e in lavorazione

Nacon House a Milano è il nuovo ritrovo della Gen Z
Nacon House a Milano è il nuovo ritrovo della Gen Z
World of Warships dà il benvenuto a Marco Materazzi nelle vesti di Capitano
World of Warships dà il benvenuto a Marco Materazzi nelle vesti di Capitano
Magic: The Gathering – Fallout è un inno al franchise Bethesda
Magic: The Gathering – Fallout è un inno al franchise Bethesda
Alone in the Dark, la recensione del reboot del cult horror targato Infogrames
Alone in the Dark, la recensione del reboot del cult horror targato Infogrames
Helldivers 2: esportare la democrazia nello spazio non è mai stato così divertente
Helldivers 2: esportare la democrazia nello spazio non è mai stato così divertente
PlayStation Plus, aprile 2024: annunciati i giochi gratis del mese per PS4 e PS5
PlayStation Plus, aprile 2024: annunciati i giochi gratis del mese per PS4 e PS5
Rise of the Ronin, la recensione: una questione personale
Rise of the Ronin, la recensione: una questione personale