Ali, non ragnatele: gli insetti che si adattano meglio alla città

Gli scienziati che studiano l’impatto dell’urbanizzazione sugli insetti hanno scoperto che alcuni di essi si adattano meglio di altri agli ambienti urbani. Una ricerca condotta da scienziati austriaci e pubblicata su Frontiers in Ecology and Evolution ha rilevato una correlazione tra la presenza di artropodi – animali invertebrati dotati di esoscheletro, tra cui api e ragni – e il livello di urbanizzazione. In particolare, i gruppi di insetti senza ali, come i ragni, hanno meno probabilità di essere trovati in città, dove invece afidi, cocciniglie e mosche sono comuni. La dottoressa Marion Chatelain, ricercatrice presso l’Università di Innsbruck, ha dichiarato che il loro studio dimostra che la ricchezza e la diversità degli artropodi su alberi e cespugli diminuisce lungo il gradiente rurale-urbano.

Studio sui campioni di artropodi a Innsbruck: come l’urbanizzazione modella le comunità di insetti

Il team di ricerca ha raccolto campioni di artropodi in 180 siti all’interno di un’area di 56,5 km² nella città austriaca di Innsbruck e nei suoi dintorni, confrontando il modo in cui diversi indici di urbanizzazione modellano le comunità di artropodi. Misurando la percentuale di area asfaltata e costruita, di vegetazione e di alberi, Chatelain e i suoi colleghi hanno stimato il livello di urbanizzazione nel raggio di 100 metri, 500 metri e 1000 metri intorno a ciascun sito. L’urbanizzazione insidia gli artropodi non alati, carnivori e costruttori di ragnatele, mentre alcuni gruppi di artropodi alati, come le mosche, prosperano nelle aree più urbanizzate, probabilmente grazie alla loro maggiore capacità di muoversi tra spazi verdi isolati.  secondo gli scienziati, ci sono almeno altrettanti artropodi in città che nelle zone rurali circostanti, poiché alcuni gruppi prosperano mentre altri vengono filtrati dalle aree urbane. Alcuni gruppi di artropodi si trovano bene nelle città, mentre altri no. Questo, tuttavia, non offre una conclusione diretta sul numero totale di insetti. Chatelain e il suo team hanno anche osservato effetti specifici per tipo di insetto. Per esempio, hanno trovato ragni costruttori di ragnatele con una densità costantemente inferiore rispetto a quelli che cacciano attivamente, come i ragni granchio. Ciò suggerisce che il declino o l’aumento dei gruppi di ragni è correlato alle loro modalità di caccia. La minore presenza di quattro delle dieci famiglie di ragni esaminate nello studio suggerisce un impatto diretto sugli insetti divoratori di piante, che sono stati trovati più spesso negli ambienti urbani.

I ricercatori hanno anche evidenziato i possibili effetti “dal basso verso l’alto” sugli uccelli che si nutrono di insetti. “I nostri risultati suggeriscono che l’urbanizzazione influisce sulla disponibilità di prede artropodi, il che dovrebbe avere conseguenze sullo stato nutrizionale dei predatori, sul loro comportamento di foraggiamento, sul successo riproduttivo, sulla sopravvivenza e sulla distribuzione all’interno del paesaggio urbano”, ha detto Chatelain.

 

Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Verme nell’Oceano Pacifico: sorprendente scoperta a oltre 6.000 metri di profondità
Verme nell’Oceano Pacifico: sorprendente scoperta a oltre 6.000 metri di profondità
Galassia misteriosa: una scoperta casuale sfida le leggi dell'universo
Galassia misteriosa: una scoperta casuale sfida le leggi dell'universo
Il Castello della Walt Disney: sogno o realtà?
Il Castello della Walt Disney: sogno o realtà?