Dear Edward, intervista al cast della serie originale di Apple TV+

Dear Edward, intervista al cast della serie originale di Apple TV+

Dal creatore Jason Katims (Friday Night Lights, Parenthood) e basata sul romanzo di Ann Napolitano, la serie originale di Apple TV+ Dear Edward esplora le vite della famiglia e degli amici che hanno perso qualcuno nello stesso incidente aereo che ha avuto un unico sopravvissuto, un ragazzo di 12 anni. Cercando di capire come affrontare il proprio dolore, Edward Adler (Colin O’Brien) non si sente il ragazzo miracolato che il mondo considera, avendo perso i suoi genitori e il fratello maggiore nella tragedia. Ma mentre intraprende il suo viaggio alla scoperta di sé stesso per capire cosa verrà dopo, si forma un gruppo di dolore che porta a nuove amicizie e storie d’amore, mostrando anche ai più persi tra loro quanto siano davvero resistenti e coraggiosi.

Come già accennato, nella storia, un ragazzo di 12 anni di nome Edward (Colin O’Brien) è l’unico sopravvissuto a un incidente aereo che uccide, tra molti altri, tutta la sua famiglia. Va a vivere con sua zia Lacey e suo zio John (Taylor Schilling e Carter Hudson), che hanno lottato a lungo con l’infertilità e trovano le loro vite molto sconvolte dal fatto che improvvisamente hanno un bambino di 12 anni.

E non solo un dodicenne qualsiasi: Edward è comprensibilmente profondamente traumatizzato, solo, disorientato e arrabbiato, anche se in un modo tranquillo e interiore. L’unica persona con cui si relaziona davvero nella sua nuova casa è un’estroversa vicina di casa della sua età di nome Shay (Eva Ariel Binder). Pratica il roller derby per strada e, avendo perso il fratello maggiore, lui si allaccia a lei per avere compagnia.

Nel frattempo, Lacey sta frequentando un gruppo di supporto per le persone che hanno perso i propri cari nell’incidente, ed è qui che entra in gioco il resto delle storie di questo show tv corale dai molti fili.

Dee Dee (Connie Britton) è una donna ricca che ha perso il marito, e ora è costretta sia a forgiare una sorta di indipendenza sia ad affrontare alcune cose che apprende su di lui solo ora che se n’è andato. Adriana (Anna Uzele) ha perso sua nonna, che era un’amata deputata di New York. Fa amicizia con Kojo (Idris Debrand), che ha perso sua sorella ed è venuto dal Ghana per prendersi cura della sua giovane nipote, che alla fine tornerà lì con lui. Alla fine, emergeranno altri personaggi nel corso di 10 episodi, ma questi sono i più importanti all’inizio. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Intervista al cast di Dear Edward

Dear Edward, intervista al cast della serie originale di Apple TV+

Durante questa intervista Connie Britton (che interpreta Dee Dee Cameron, una donna ricca e privilegiata che ha perso il marito nell’incidente, che ha portato alla rivelazione di alcuni segreti che capovolgeranno il suo mondo) ha parlato di ciò che ha reso questo personaggio così attraente per lei, quanto è diversa Dee Dee dal suo personaggio di Friday Night Lights Tami Taylor, cosa rende Katims un collaboratore così eccezionale, mantenendo un senso di leggerezza in un momento così buio e interpretando qualcuno così resistente.

Ha anche parlato dell’impatto che ha avuto The White Lotus e della straordinaria capacità del creatore Mike White di osservare il comportamento umano e tradurlo sullo schermo.

Non si può guardare una serie tv di Jason Katims senza una scatola di Kleenex. È una storia così bella.

Come sei stata coinvolta in questo? Jason Katims ti ha contattato direttamente? Cosa ti ha detto della storia e del personaggio?

Mi ha chiamato e mi ha detto: “Sto scrivendo questa cosa e sto scrivendo questo ruolo in cui posso solo vedere te”. Certo, ero entusiasta di sentirlo. Non c’è niente di più eccitante di qualcuno che ti dice che ti sta immaginando e sta scrivendo un ruolo per te. Ma poi, mi ha detto qual era il ruolo e io ho pensato: “È così divertente che mi veda in quel ruolo”. È così diverso da Tami Taylor e dagli altri ruoli che ho interpretato, ma ne abbiamo parlato molto e mi sono innamorata del personaggio. Ho trovato il personaggio molto divertente. Ero così entusiasta di divertirmi con lei, e poi anche di intraprendere il viaggio con lei perché lo attraversa davvero. Non c’è niente di meglio che essere in grado di affondare i denti nel dramma dell’esperienza della vita reale e farlo con una certa leggerezza. Volevo davvero mantenere la sua sensazione di essere una ragazza piuttosto divertente. Volevo mantenere il suo senso di leggerezza, anche se sta attraversando un periodo così buio.

Dear Edward, intervista al cast della serie originale di Apple TV+

Questo incidente aereo porta davvero a capovolgere ogni aspetto della vita del tuo personaggio. Pensi che abbia mai avuto sospetti o domande sulla sua vita, prima di questo? Ha mai avuto la sensazione viscerale che qualcosa non andasse bene, o aveva solo quella sensazione di essere così a suo agio con la sua vita da non metterla in dubbio?

La negazione è una cosa affascinante. Questa è un’ottima domanda, in realtà. Mi sono posta questa domanda, mentre stavamo girando. C’è una scena in cui mia figlia dice: “Mamma, va tutto bene?” E nella mia risposta, ho pensato: “Davvero? Sta fingendo o pensa davvero sinceramente che vada tutto bene? E mi sentivo davvero come se Dee Dee avesse creato una tale facciata per sé stessa, che era così importante da sostenere, penso davvero che credesse che andasse tutto bene perché voleva aggrapparsi a quello. Sento che è una cosa molto universale che le persone fanno, per mantenere qualunque cosa pensino sia importante per qualunque sia la loro immagine o qualunque sia la loro idea di sé stessi. Penso che si stesse davvero aggrappando a questa negazione perché era troppo orribile da guardare. Era troppo spaventoso per lei da guardare. Ma poi, ovviamente, la vita accade e tutto va in pezzi, e devi guardare. È qui che entra in gioco il coraggio.

Dear Edward, intervista al cast della serie originale di Apple TV+

Con tutto ciò che Dee Dee passa, guardarla la fa apparire come se fosse davvero più resistente di quanto si rendesse conto di essere. Nell’esperienza di interpretare il suo arco narrativo, quando tutto va in frantumi e va in pezzi, e lei non ha nulla che pensava di avere prima, ed è costretta a guardare la verità su ciò che è veramente la sua vita, nel farlo, scopre davvero la forza e il potere che non sapeva di avere, e forse non si sarebbe mai riconosciuta in se stessa. È davvero fantastico.

Si può pensare che sia un viaggio universale per le persone che attraversano perdite o lutti che cambiano la vita.

Si sente come un personaggio che si è aperto, entro la fine della stagione, ed è quasi più eccitante pensare a cosa potrebbe essere la seconda stagione per lei perché è difficile dire dove andrà dopo. Britton ha interpretato alcuni personaggi davvero fantastici nella sua carriera, ma uno dei più recenti è stato nella prima stagione di The White Lotus.

Avevi idea che lo show tv sarebbe diventato così amato, acclamato e discusso come si è rivelato? Com’è stato sperimentarlo davvero, come è successo?

Prima di tutto, non puoi mai prevedere una cosa del genere. Non provo nemmeno a prevedere cosa farà uno show e quale sarà l’impatto. White Lotus è stato di livello extra. L’unica cosa su cui posso basare qualcosa è il fatto che sapevo che la sceneggiatura di Mike White è straordinaria, e lui ha scritto e diretto tutto. La sua capacità di osservare il comportamento umano è così incredibile e di catturarlo in modo così creativo. Ho solo avuto un enorme rispetto per lui e lo ammiro così tanto. Ecco perché ho pensato: “Oh, questo è un progetto speciale. Voglio farlo perché voglio lavorare con lui. Ma, oltre a ciò, non puoi mai prevedere come verrà accolto.

Di seguito l’intervista audio pubblicata su YouTube:

Masters of the Air: trailer del serial di Steven Spielberg con Austin Butler
Masters of the Air: trailer del serial di Steven Spielberg con Austin Butler
The Enfield Poltergeist, le interviste esclusive a Claire Ferguson, Peter Norrey, Nick Ryan e Natalie O'Connor
The Enfield Poltergeist, le interviste esclusive a Claire Ferguson, Peter Norrey, Nick Ryan e Natalie O'Connor
Apple TV+ annuncia la sua programmazione per le festività
Apple TV+ annuncia la sua programmazione per le festività
La collezione maledetta: da oggi su Apple TV+ la serie animata perfetta per Halloween
La collezione maledetta: da oggi su Apple TV+ la serie animata perfetta per Halloween
Apple TV+ aumenta i prezzi dell'abbonamento
Apple TV+ aumenta i prezzi dell'abbonamento
John Lennon: in lavorazione una docuserie di Apple TV+ sulla sua morte
John Lennon: in lavorazione una docuserie di Apple TV+ sulla sua morte
Masters of the Air: prime immagini della serie di Steven Spielberg
Masters of the Air: prime immagini della serie di Steven Spielberg