Cos’è Bollywood? Una breve storia dei film e degli attori di Bollywood

3 settimane fa

9 minuti

Cos'è Bollywood? Una breve storia dei film di Bollywood

Bollywood, l’industria cinematografica in lingua hindi con sede a Mumbai, è la più grande. Bollywood è generalmente noto come l’incarnazione del cinema nazionale indiano. Cosa vi viene in mente quando sentite la parola “Bollywood”? Un luogo lontano, una lingua straniera e una tragica storia d’amore? Anche se tutto questo è spesso vero, è solo la punta dell’iceberg (senza offesa per Titanic). Bollywood è un soprannome umoristico per l’industria cinematografica indiana.

Deriva dai nomi “Hollywood”, il cuore della produzione cinematografica americana, e “Bombay”, l’antico nome della più grande metropoli indiana (ora chiamata Mumbai).
Non esiste un posto come Bollywood in India. Quando pensate a “Hollywood”, probabilmente pensate a film di successo, tappeti rossi e un punto di riferimento molto iconico con lettere bianche sulle colline di Los Angeles.

Allo stesso modo, Bollywood è noto per alcuni punti fermi, come sfarzose scene di canti e balli, melodrammi romantici e scenografie accattivanti. Tuttavia, c’è molto di più in questo business cinematografico diversificato.

Cos’è Bollywood?

Cos'è Bollywood? Una breve storia dei film di Bollywood

Come dicevamo, Bollywood è l’industria cinematografica in lingua hindi a Mumbai (ex Bombay), in India. La più grande delle industrie cinematografiche indiane, Bollywood (la parola è una combinazione di “Bombay” e “Hollywood”) costituisce la maggior parte dei film prodotti in India, sebbene un gran numero di film sia realizzato in lingue regionali tra cui bengalese, tamil (soprannominato Kollywood) e Telugu (Tollywood).

L’industria cinematografica indiana è la più grande industria cinematografica del mondo in termini di numero di film usciti all’anno con almeno 1.500-2.000 film in venti lingue.

Ma vediamo insieme una breve storia di Bollywood a partire dai suoi arbori. L’industria cinematografica indiana risale al 1913 e da allora ha registrato una crescita costante. Le origini del cinema indiano risalgono al XIX secolo. Le prime foto dei fratelli Lumiere, scattate nel 1896, furono presentate a Mumbai (allora Bombay).

La storia è stata scritta quando il fotografo di scena Harishchandra Sakharam Bhatavdekar, noto anche come Save Dada, è rimasto così stupito dal lavoro dei fratelli Lumiere che ha acquistato una macchina fotografica dall’Inghilterra. Il suo film d’esordio, The Wrestlers, è stato girato ai giardini pensili di Mumbai. Era una registrazione elementare di un combattimento di wrestling mostrato nel 1899 ed è considerato il primo film del cinema indiano.

Ma quali sono stati gli inizi di Bollywood? Dadasaheb Phalke, il pioniere del cinema indiano, ha prodotto il primo lungometraggio intero, “Raja Harishchandra”, nel 1913. Commercialmente, il film muto è stato un successo. Dadasaheb è stato produttore, regista, sceneggiatore, direttore della fotografia, montatore, truccatore e direttore creativo, tra le altre cose. Raja Harischandra è stato il primo film indiano proiettato a Londra nel 1914. Sebbene il primo magnate del cinema indiano, Dadasaheb Phalke, abbia supervisionato e controllato la creazione di ventitré film dal 1913 al 1918, l’emergere dell’industria cinematografica indiana è stato più lento di quello di Hollywood.

All’inizio degli anni ’20 sorsero un gruppo di nuove imprese di produzione. Il ventesimo secolo è stato dominato da film basati su significati leggendari e storici, ma anche il pubblico indiano ha abbracciato i film di Hollywood, in particolare i film d’azione.

La nascita dei talkie

Cos'è Bollywood? Una breve storia dei film di Bollywood

Nel 1931, il primo talkie, Alam Ara, diretto da Ardeshir Irani, fu proiettato a Bombay. Era il film sonoro d’esordio dell’India. La prima di Alam Ara ha segnato l’alba di una nuova era nella storia del cinema indiano. “De de Khuda Ke Naam Par” è stata la prima canzone cantata per Alam Ara nel 1931.

Kisan Kanya (1937), diretto da Moti Gidwani e prodotto dalla Imperial Pictures di Irani, divenne il primo film a colori hindi. Nel 1938 creò l’immagine a colori di Madre India. Tuttavia, non è stato fino agli anni ’50 che le immagini a colori sono diventate popolari poiché le persone apprezzavano il romanticismo, il melodramma e i musical più di qualsiasi altro genere.

Successivamente, si sono sviluppate altre società di produzione, con un conseguente aumento del numero di film usciti. Nel 1927 furono prodotti 108 film, che salirono a 328 nel 1931. Durante questo periodo furono istituiti enormi cinema e il numero di spettatori aumentò in modo significativo. Molti personaggi cinematografici importanti sono emersi durante gli anni ’30 e ’40, come Debaki Bose, Chetan Anand, SS Vasan, Nitin Bose, ecc.

Non solo il mondo ha assistito all’ascesa dei film di Bollywood, ma anche il business cinematografico regionale ha fatto colpo. Nel 1917, J.F. Madan diresse il primissimo film bengalese, Nal Damyanti, in cui attori italiani interpretavano ruoli significativi.
Nel 1919 fu creato il primo film muto dell’India meridionale, chiamato Keechaka Vadham. Il film è stato diretto da R. Nataraja Mudaliar di Madras (Chennai). La figlia di Dadasaheb Phalke, Mandakini, è stata la prima celebrità femminile, interpretando Krishna nel film di Phalke del 1919 Kaliya Mardan.

Jamai Shashthi, il primo lungometraggio bengalese, è uscito nel 1931 ed è stato creato da Madan Theatres Ltd. “Kalidass”, diretto da H.M. Reddy, fu il primo talkie tamil trasmesso a Madras il 31 ottobre 1931. Oltre ai dialetti bengalesi e dell’India meridionale, i film regionali sono stati prodotti anche in assamese, rajasthani, punjabi, marathi e altre culture. Shantaram ha diretto il primo film marathi, “Ayodhecha Raja”, nel 1932. Questo film è stato girato in due parti. La Prabhat Film Company ha creato il primo talkie indiano, “Ayodhya ka Raja” in hindi e “Ayodhecha Raja” in marathi, nel 1932.

L’inizio di una nuova era

Durante la Seconda guerra mondiale, il numero di film realizzati diminuì brevemente. In sostanza, la moderna industria cinematografica indiana è iniziata nel 1947. Durante questo periodo, l’industria cinematografica ha registrato una crescita enorme e senza precedenti.

Notevoli registi come Satyajit Ray e Bimal Roy hanno realizzato film sulla sopravvivenza e le difficoltà quotidiane della classe inferiore. Hanno spinto i temi storici e mitologici ai margini e i film con messaggi sottili hanno iniziato a dominare il business. Questi film trattavano di tratta, dote, monogamia e altri mali sociali comuni nella nostra società.

  • 1. Primi sviluppi: il primo lungometraggio realizzato in India è stato il film muto del 1913 Raja Harishchandra, del regista Dadasaheb Phalke. Il primo talkie, o film parlante, uscì nel 1931, quando l’India produceva più di 100 film all’anno.
  • 2. Golden Age: Nel 1947, l’India ottenne l’indipendenza dalla Gran Bretagna, con il paese diviso in Repubblica dell’India e Pakistan. Da quel momento, l’industria cinematografica indiana è entrata in quella che gli storici chiamano l’età d’oro del cinema hindi. Il film di Mehboob Khan Mother India (1957) è diventato il primo film indiano nominato per l’Oscar per il miglior film in lingua straniera. Molti film hindi durante questo periodo affrontano questioni sociali come la classe e hanno spinto le carriere di star del cinema come Dilip Kumar, Raj Kapoor e Dev Anand.
  • 3. La formazione di Bollywood: il termine “Bollywood” è stato coniato negli anni ’70. Durante questo periodo, sono state stabilite le convenzioni dei film di Bollywood, come il film masala (che mescola liberamente i generi di romanticismo, melodramma, commedia e musical) e il film poliziesco violento (che esplora il ventre squallido della società indiana). Negli anni ’80, l’industria cinematografica indiana produceva circa 800 film all’anno, rendendola la più grande industria cinematografica del mondo.
  • 4. Bollywood oggi: dopo la stagnazione negli anni ’80, Bollywood ha visto un aumento negli anni ’90 quando l’India ha subito la liberalizzazione economica. I budget di produzione sono aumentati e spesso i film avevano set sontuosi in località internazionali. Oggi i film di Bollywood sono disponibili in tutto il mondo, sia nei cinema che su numerose piattaforme di streaming.

5 famosi attori di Bollywood

I film di Bollywood sono incentrati sulle star; alcuni dei più famosi artisti di Bollywood includono:

  • 1. Shah Rukh Khan: Shah Rukh Khan è conosciuto come il “Re di Bollywood” ed è apparso in più di 100 film dagli anni ’90. Conosciuto per aver interpretato il protagonista romantico, ha un grande seguito sia in India che a livello internazionale.
  • 2. Amitabh Bachchan: Amitabh Bhachchan è apparso in più di 200 film dagli anni ’70 ed è considerato una delle figure più influenti del cinema indiano.
  • 3. Priyanka Chopra Jonas: una delle intrattenitrici più pagate dell’India oggi, Priyanka Chopra Jonas ha recitato in film e programmi TV sia di Bollywood che di Hollywood. È sposata con il musicista Nick Jonas.
  • 4. Akshay Kumar: Akshay Kumar è apparso in più di 100 film negli ultimi tre decenni e si è fatto un nome interpretando il ruolo principale in film d’azione.
  • 5. Madhuri Dixit: La danza è una caratteristica fondamentale nei film di Bollywood e Madhuri Dixit, una ballerina di formazione classica, è stata un’attrice di spicco, in particolare negli anni ’80 e ’90, apparendo in oltre 70 film. (Altri famosi ballerini di Bollywood includono Hrithik Roshan, Malaika Arora Khan, Shahid Kapoor e Katrina Kaif.)

8 film famosi di Bollywood

Bollywood produce più di 1.000 film all’anno. Alcuni importanti film di Bollywood includono:

  • 1. Pyaasa (1957): un classico del cinema degli anni ’50, Pyaasa (che significa “assetato” in hindi), parla delle lotte di un poeta idealista. Il film è stato prodotto, diretto e interpretato da Guru Dutt, e ha una colonna sonora duratura del famoso direttore musicale SD Burman.
  • 2. Mother India (1957): Mother India è interpretato da Nargis, Rajendra Kumar e Sunil Dutt e parla dello sfruttamento degli agricoltori nell’India rurale. È stato il primo film hindi ad essere nominato agli Oscar come miglior film in lingua straniera.
  • 3. Sholay (1975): Scritto dal duo di sceneggiatori indiani Salim Khan e Javed Akhtar, Sholay è stato influenzato dai western e segue due criminali (interpretati da Dharmendra e Amitabh Bachchan) che cercano di catturare un bandito (Amjad Khan).
  • 4. Amar Akbar Anthony (1977): questa commedia degli anni ’70 racconta la storia di tre fratelli (interpretati da Amitabh Bachchan, Vinod Khanna e Rishi Kapoor), separati alla nascita e cresciuti in diverse fedi.
  • 5. Monsoon Wedding (2001): Combinando commedia e dramma, Monsoon Wedding di Mira Nair è ambientato intorno a un sontuoso matrimonio indiano a Delhi. Sebbene abbia molte delle caratteristiche tipiche del popolare film masala, tra cui coreografie di danza e musica, presenta anche dialoghi realistici e affronta spinose questioni sociali. Il film è stato nominato per un Golden Globe.
  • 6. Dil Chahta Hai (2001): questo film di formazione del regista Farhan Akhtar è interpretato da Aamir Khan, Akshaye Khanna e Saif Ali Khan nei panni di tre giovani di Mumbai. Con personaggi radicati nei valori liberali occidentali, in particolare riguardo al bere e alla sessualità, il film è stato un allontanamento dai precedenti film masala che in genere mettevano la famiglia al primo posto.
  • 7. Kabhi Khushi Kabhie Gham… (2001): questo melodramma del regista Karan Johar è interpretato da uno stuolo di superstar, tra cui Amitabh Bachchan, Shah Rukh Khan, Hrithik Roshan e Kareena Kapoor, che ritraggono una famiglia che si spezza quando il figlio sposa un donna in un gruppo socioeconomico inferiore. Emblematico dei film ad alto budget di quest’epoca, Kabhi Khushi Kabhie Gham… approfondisce le vite degli ultra-ricchi e presenta scenografie, costumi e numeri di danza elaborati.
  • 8. Chak De! India (2007): questo film sportivo vede Shah Rukh Khan nei panni di un capitano di hockey su prato caduto in disgrazia che allena una squadra di hockey su prato femminile

 

Damaged: Samuel L. Jackson e Vincent Cassel insieme per un film thriller
Damaged: Samuel L. Jackson e Vincent Cassel insieme per un film thriller
Disney licenzierà 7mila dipendenti, cestinata anche la divisione "metaverso"
Disney licenzierà 7mila dipendenti, cestinata anche la divisione "metaverso"
Perché Apple TV+ ha scelto di distribuire il prossimo film di Scorsese nei cinema
Perché Apple TV+ ha scelto di distribuire il prossimo film di Scorsese nei cinema
John Wick 4: Keanu Reeves pronuncia solo 380 parole nel film
John Wick 4: Keanu Reeves pronuncia solo 380 parole nel film
Will Hunting: Ben Affleck dichiara che il sequel non si farà
Will Hunting: Ben Affleck dichiara che il sequel non si farà
Ant-Man and the Wasp: Quantumania è il film con meno incassi della saga
Ant-Man and the Wasp: Quantumania è il film con meno incassi della saga
Gli Aristogatti: Ahmir “Questlove” Thompson dirigerà il live-action
Gli Aristogatti: Ahmir “Questlove” Thompson dirigerà il live-action