Ridurre l’uso dei social media migliora significativamente la percezione del corpo negli adolescenti

4 settimane fa

Secondo una ricerca pubblicata dall’American Psychological Association, gli adolescenti e i giovani adulti che hanno ridotto del 50% l’uso dei social media per qualche settimana, hanno registrato miglioramenti significativi nella percezione del proprio peso e del proprio aspetto generale, rispetto ai coetanei che hanno mantenuto livelli costanti di utilizzo dei social media.

“L’adolescenza è un periodo vulnerabile per lo sviluppo di problemi di immagine corporea, disturbi alimentari e malattie mentali”, ha dichiarato l’autore principale Gary Goldfield, del Children’s Hospital of Eastern Ontario Research Institute. “I giovani passano in media dalle sei alle otto ore al giorno davanti agli schermi, in gran parte sui social media. I social media possono esporre gli utenti a centinaia o addirittura migliaia di immagini e foto ogni giorno, comprese quelle di celebrità e modelli di moda o di fitness, il che, come sappiamo, porta a interiorizzare ideali di bellezza irraggiungibili per quasi tutti, con conseguente maggiore insoddisfazione per il peso e la forma del corpo”.

Lo studio

I ricercatori hanno coinvolto 220 studenti di età compresa tra i 17 e i 25 anni (76% femmine, 23% maschi, 1% altri). Per essere qualificati, i partecipanti dovevano essere utilizzatori abituali di social media (almeno due ore al giorno) e presentare sintomi di depressione o ansia. Per la prima settimana dell’esperimento, tutti i partecipanti sono stati istruiti a utilizzare i social media come facevano normalmente. L’uso dei social media è stato misurato con un programma di monitoraggio dello screentime al quale i partecipanti hanno fornito uno screenshot giornaliero. Dopo la prima settimana, alla metà dei partecipanti è stato chiesto di ridurre l’uso dei social media a non più di 60 minuti al giorno. All’inizio dell’esperimento, i partecipanti hanno anche risposto a una serie di affermazioni sul loro aspetto generale (ad esempio, “Sono abbastanza contento del mio aspetto”) e sul loro peso (ad esempio, “Sono soddisfatto del mio peso”) su una scala a 5 punti, con 1 che indica “mai” e 5 “sempre”. I partecipanti appartenenti ad entrambi i gruppi hanno compilato un questionario simile alla fine dell’esperimento. Nelle tre settimane successive, agli studenti è stato chiesto di limitare l’uso dei social media ancora del 50%, con una media di 78 minuti al giorno, rispetto al gruppo di controllo, che aveva una media di 188 minuti giornaliera. I partecipanti che hanno ridotto l’uso dei social media hanno registrato un miglioramento significativo nella considerazione del loro aspetto generale e del loro peso corporeo dopo le tre settimane di intervento, rispetto al gruppo di controllo, che non ha registrato cambiamenti significativi. Il genere non sembra fare alcuna differenza negli effetti.

“La riduzione dell’uso dei social media è un metodo fattibile per produrre un effetto positivo a breve termine sull’immagine corporea in una popolazione vulnerabile di utenti e dovrebbe essere valutata come una potenziale componente del trattamento dei disturbi legati all’immagine corporea” ha detto Goldfield.

Mentre lo studio attuale è stato condotto come prova di concetto, Goldfield e i suoi colleghi sono in procinto di condurre uno studio più ampio per vedere se la riduzione dell’uso dei social media può essere mantenuta per periodi più lunghi e se tale riduzione può portare a benefici psicologici ancora maggiori.

 

 

Drone Sprayer: l'innovazione per l'agricoltura
Drone Sprayer: l'innovazione per l'agricoltura
Yuneec Typhoon H: il nuovo drone commerciale portatile di Intel
Yuneec Typhoon H: il nuovo drone commerciale portatile di Intel
Droni: CAV Ice Protection crea nuovo sistema antigelo
Droni: CAV Ice Protection crea nuovo sistema antigelo
Stigmatizzazione interiorizzata: essere vittime del sé
Stigmatizzazione interiorizzata: essere vittime del sé
Bullismo e al cyberbullismo: la scuola come strumento di contrasto
Bullismo e al cyberbullismo: la scuola come strumento di contrasto
Farmaci: il rapporto EMA degli obiettivi 2020-2025
Farmaci: il rapporto EMA degli obiettivi 2020-2025
Scoiattolo volante riscoperto in Honduras dopo 43 anni
Scoiattolo volante riscoperto in Honduras dopo 43 anni