Un pianeta gigante si nasconde nel nostro sistema solare

I ricercatori del California Institute of Technology (Caltech) hanno in mano delle prove matematiche dell’esistenza di un “Pianeta X” nel profondo del sistema solare. L’oggetto, che i ricercatori hanno soprannominato “Pianeta Nove”, potrebbe avere una massa pari a circa 10 volte quella della Terra e orbitare in media 20 volte più lontano dal Sole rispetto a Nettuno. Potrebbe impiegare tra i 10.000 e i 20.000 anni terrestri per compiere un’orbita completa intorno al Sole. L’uso del condizionale, però, è d’obbligo perchè mentre i ricercatori Konstantin Batygin e Mike Brown hanno la prova matematica che dovrebbe essere lì, nessuno l’ha visto. Se da un lato il pianeta gigante dovrebbe essere otto/dieci volte più grande della Terra, dall’altro è anche circa 20 volte più lontano di Nettuno, in media, e questo causa due problemi. In primo luogo, la distanza significa che il pianeta gigante sarebbe molto, molto più piccolo nel cielo notturno rispetto alla maggior parte degli altri oggetti che gli scienziati stanno monitorando. Significa anche che riceve a malapena la luce del Sole, il che lo rende appena visibile.

Per questo e per ciò che rende una notizia un'” evidenza scientifica”, l ‘annuncio non significa che ci sia un nuovo pianeta nel nostro sistema solare. L’esistenza di questo mondo lontano è per ora solo teorica e non sono state effettuate osservazioni dirette dell’oggetto soprannominato “Pianeta 9”. La previsione matematica di un pianeta potrebbe spiegare le orbite uniche di alcuni oggetti più piccoli nella Fascia di Kuiper, una lontana regione di detriti ghiacciati che si estende ben oltre l’orbita di Nettuno. Gli astronomi sono ora alla ricerca del pianeta previsto.

In profondità

Nel gennaio 2015, gli astronomi del Caltech Konstantin Batygin e Mike Brown hanno annunciato una nuova ricerca che fornisce la prova dell’esistenza di un pianeta gigante che traccia un’orbita insolita e allungata nel sistema solare esterno. La previsione si basa su modelli matematici dettagliati e simulazioni al computer, non sull’osservazione diretta. Questo grande oggetto potrebbe spiegare le orbite uniche di almeno cinque oggetti più piccoli scoperti nella lontana Fascia di Kuiper. “La possibilità di un nuovo pianeta è certamente eccitante per me come scienziato planetario e per tutti noi”, ha dichiarato Jim Green, direttore della Divisione di Scienze Planetarie della NASA. “Non si tratta, tuttavia, dell’individuazione o della scoperta di un nuovo pianeta. È troppo presto per affermare con certezza l’esistenza di un cosiddetto Pianeta X. Quello che stiamo vedendo è una prima previsione basata sulla modellazione di osservazioni limitate. È l’inizio di un processo che potrebbe portare a un risultato entusiasmante”.

Secondo gli scettici, ci vorrebbe la scoperta di molti più oggetti al di là della fascia di Kuiper per confermare che c’è qualcosa di sospetto. In definitiva, la prova più conclusiva dell’esistenza di questo pianeta gigante consisterebbe nel trovarlo effettivamente nel cielo notturno. Questo sarebbe probabilmente più facile quando il pianeta è più vicino al Sole, dove si troverà a “soli” 30 miliardi di chilometri di distanza. Naturalmente, l’orbita del pianeta potrebbe richiedere fino a 20.000 anni; quindi, potremmo dover aspettare molto a lungo. Tuttavia, c’è un altro modo per individuare questo pianeta gigante nel cielo senza dover rilevare la debole e quasi impercettibile luce riflessa dal Sole. Un articolo pubblicato di recente dall’Università di Hong Kong mostra che il pianeta avrebbe molto probabilmente delle lune. Queste lune, orbitando attorno al pianeta gigante, acquisterebbero calore grazie alle forze di marea. Quindi, se si trova il calore, si trova il pianeta gigante. I radiotelescopi possono rilevare le emissioni radio termiche, che il calore delle forze di marea emetterebbe. Solo il tempo ci dirà se questi radiotelescopi riusciranno a trovare questo ipotetico nono pianeta gigante. Se non ci riusciranno, non significa necessariamente che il pianeta non ci sia, ma sarebbe un punto a favore degli scettici.

 

Alcune domande sul Pianeta X

Qual è il suo nome?
Batygin e Brown hanno soprannominato il loro oggetto previsto “Pianeta Nove”, ma i diritti di denominazione di un oggetto spettano a chi lo scopre effettivamente. Il nome usato durante le precedenti ricerche del gigantesco oggetto non ancora scoperto oltre Nettuno è “Pianeta X”. Se il pianeta previsto viene trovato, il nome deve essere approvato dall’Unione Astronomica Internazionale. I pianeti sono tradizionalmente chiamati con nomi di divinità mitologiche romane.

Perché pensano che sia lì?
Gli astronomi che studiano la Fascia di Kuiper hanno notato che alcuni pianeti nani e altri piccoli oggetti ghiacciati tendono a seguire orbite che si raggruppano. Analizzando queste orbite, il team del Caltech ha previsto la possibilità che oltre Plutone si nasconda un grande pianeta non ancora scoperto. Secondo loro, la gravità di questo potenziale pianeta potrebbe spiegare le orbite insolite degli oggetti di Kuiper.

Cosa succederà?
Gli astronomi, tra cui Batygin e Brown, inizieranno a utilizzare i telescopi più potenti del mondo per cercare l’oggetto nella sua orbita prevista. Qualsiasi oggetto così lontano dal Sole sarà molto debole e difficile da individuare, ma gli astronomi calcolano che dovrebbe essere possibile vederlo con i telescopi esistenti. “Mi piacerebbe trovarlo”, dice Brown. “Ma sarei anche perfettamente felice se qualcun altro lo trovasse. È per questo che abbiamo pubblicato i nostri dati. Speriamo che altre persone si ispirino e inizino a cercare”. “Ogni volta che abbiamo un’idea interessante come questa, applichiamo sempre le regole di Carl Sagan per il pensiero critico, che includono la conferma indipendente dei fatti, la ricerca di spiegazioni alternative e l’incoraggiamento del dibattito scientifico”, ha detto Green. “Se il Pianeta X è là fuori, lo troveremo insieme. Oppure cercheremo una spiegazione alternativa per i dati che abbiamo ricevuto finora”.

 

Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale