Costruire isole più alte potrebbe salvare le Maldive

I ricercatori dell’Università di Southampton, del Tyndall Centre for Climate Change Research dell’Università dell’East Anglia (UEA) e del TEDI-London, in collaborazione con scienziati maldiviani, dimostrano che l’utilizzo di semplici principi ingegneristici per innalzare le isole o costruirne di nuove può aiutare le piccole nazioni insulari come le Maldive a resistere all’innalzamento del livello del mare dovuto ai cambiamenti climatici. Questo approccio è coerente con le pratiche esistenti nelle Maldive e con le tendenze demografiche: la capitale Malé, e le isole vicine, stanno attirando una popolazione in rapida espansione mentre altre isole vengono abbandonate.

“I nostri risultati indicano che, in caso estremo, l’intera popolazione delle Maldive potrebbe vivere su due sole isole costruite a un’altezza significativamente superiore a quella delle isole naturali per resistere all’innalzamento del livello del mare”, ha dichiarato il professor Robert Nicholls, direttore del Tyndall Centre dell’UEA. “Naturalmente, queste isole avrebbero un aspetto molto diverso da quelle belle con le spiagge che vediamo attualmente nei depliant turistici. Sarebbero molto urbane, con molti grattacieli, come si vede oggi nella capitale Malé, ma molti maldiviani scelgono ora gli ambienti urbani e queste isole offrirebbero una casa sicura. Ulteriori isole rialzate potrebbero fornire spazio per il turismo e altre attività economiche, a seconda delle necessità”.

I maldiviani sono già esperti ingegneri di bonifica. Pubblicando i risultati sulla rivista Environmental Research: Climate, i ricercatori suggeriscono che, con significativi investimenti ingegneristici e il sostegno del governo, la popolazione maldiviana potrà rimanere nel proprio Paese anche in futuro, anziché essere costretta a migrare a causa dell’innalzamento del livello del mare. La migrazione forzata verso altri Paesi come rifugiati ambientali è spesso vista come la risposta definitiva all’innalzamento del livello del mare in nazioni insulari come le Maldive, che hanno una popolazione di 500.000, popolazione che è in crescita.

Fino a sei metri più su

Il recupero dei terreni e la creazione di nuove isole è una pratica consolidata nelle Maldive, in genere costruite a due metri sopra il livello del mare. I ricercatori suggeriscono di costruire isole più alte, fino a sei metri o più sopra il livello del mare, per proteggersi dal rischio a lungo termine dell’innalzamento del livello del mare e delle tempeste. Inoltre, consigliano di costruire nuove isole su cui la popolazione possa spostarsi lentamente in modo adattivo, tenendo conto anche della velocità di innalzamento del livello del mare. Questo approccio funzionerebbe meglio se combinato con la stabilizzazione del clima. I ricercatori affermano che il concetto di costruzione di nuove isole più alte ha implicazioni per altre nazioni a bassa quota come Kiribati, Tuvalu e le Isole Marshall, e persino per le coste continentali.
Il team riconosce che i risultati e le raccomandazioni sono controversi e mostrano solo una strada che i maldiviani possono seguire. Il Prof. Nicholls ha dichiarato: “Le piccole isole sono spesso escluse a causa dell’innalzamento del livello del mare. L’approccio che discutiamo offre un modo per far sì che queste isole e comunità possano prosperare nonostante queste minacce, piuttosto che una visione pessimistica secondo cui le isole annegheranno inevitabilmente e causeranno migrazioni forzate internazionali”. “Questo approccio offre un’altra opzione che integra la stabilizzazione climatica, ma il popolo maldiviano deve decidere se e come utilizzarla”.

 

Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
La NASA ha una nuova astronave pronta a trasportare equipaggio: il Boeing Starliner
La NASA ha una nuova astronave pronta a trasportare equipaggio: il Boeing Starliner
Il cromosoma artificiale che, forse, è la svolta per la lotta contro il cancro
Il cromosoma artificiale che, forse, è la svolta per la lotta contro il cancro
Quasar, creata mappa 3D con la più grande porzione di Universo finora compresa
Quasar, creata mappa 3D con la più grande porzione di Universo finora compresa